Il Contesto Storico ed Il Rock

 

wpe18.jpg (2990 byte)

Cronologia del Vietnam

 

wpe19.jpg (2301 byte)

Cronologia del Rock

 

wpe5.jpg (2057 byte)

Presentazione

 

wpeA.jpg (2292 byte)

Home

La storia americana, a partire dalla nascita del Rock negli anni'50, ha sempre risentito della influenza più o meno intenzionale della musica, che è diventata un vero e proprio mezzo politico con la funzione di megafono per i pensieri della gente.

Non a caso già a partire dalla prima generazione di "rocker" l'opinione pubblica si è trovata completamente spiazzata di fronte ad una nuova voce che semplicemente affermava quelli che erano i desideri e le idee nascoste di una nazione che si mascherava dietro il paravento del purismo. Naturalmente l'immaginabile reazione è stata quella di totale rifiuto per questa musica così "volgare" eppur così terribilmente vera.

Se nella prima fase del decennio '50 il rock ha assunto una posizione sociale senza, in fondo, volerlo realmente, a partire dagli anni '60 la musica cambia, in tutti i sensi.

Infatti i testi delle varie canzoni del periodo si fanno sempre più socialmente impegnati, con precisi intenti di denuncia e prese di posizione sulle questioni più disparate. Il problema che più tocca il cuore dei vari artisti e gruppi rimane, tuttavia, la guerra nel Vietnam. La scelta di promuovere messaggi e la nascita dei famosi movimenti Hyppie, dal famoso slogan "fate l'amore e non fate la guerra", mette in luce come vi fosse un totale rifiuto di quei principi come la "lotta al comunismo" e la "guerra" sui quali uno stato voleva fondare un popolo. Culmine di questa simbolica crociata fu il festival di Woodstock, dove quattrocentomila persone cercarono di gridare al mondo intero il loro messaggio, servendosi anche della musica.