Home Home Page Bisenti Commenti Sommario Ricerca Fonte vecchia                      stemma4.jpg (4727 byte)
Bisenti..cenni storici Fonte vecchia Uva e Vino Montonico chiesa S.Maria degli Angeli Ponzio Pilato Torre medioevale Benvenuti al sito ufficiale della PRO LOCO "Lido Panzone" di Bisenti .... !!!! vieni a trovarci ........Grande successo : I primi 3 giorni ...abbiamo sfiorato le 200 presenze !!! un grazie a tutti Voi ....

                                                     

[In allestimento]

                fonte1.jpg (48454 byte)

                                                                                             La fonte vecchia........

 

 

LA FONTE VECCHIA

 

La Fonte Vecchia e i resti dell'antica cisterna si scorgono sotto l'alto muragliene della Piazzetta della Legna. La costruzione sorge nell'area dell'antica Badia di San Salvatore e l'ampia arcata sembra appartenere alla chiesa della stessa Badia, della quale per non rimangono tracce. Per il suo nome essa richiama alla mente i Longobardi che, sotto tale titolo, veneravano il Redentore.

Quindi, molto probabilmente, proprio alla Badia di San Salvatore facevano riferimento le due antichissime pergamene di caratteri longobardi conservate nell'archivio comunale, salvatesi miracolosamente dal fuoco appiccato dai briganti nel 1807 ai pubblici archivi comunali e affidate al Prof. Simone Sappia nel 1884 per essere meglio studiate.

Per visitare da vicino il monumento si pu scendere fm sotto la fontana percorrendo Via Fonte Vecchia. Una dicitura sul frontespizio, anche se corrosa dal tempo, chiarisce che la fontana fu ristrutturata nel marzo 1730: "Hoc novae fontis aedifcium... onsi... ruciit... se... Mci'Iii MDCCXW.

 

                   LA FONTANA DELLE INNAMORATE

                                Versi dialettali

 

           Funtana vicchie, sopr'a lu Fussate --- nin mi n scorde, maie mi so scurdate ! --- Ere mudeste, senza n'urnamente --- ma l'acqua chi ci scve, chi purtente ! --- Ere n'acqua fredde, ere gilate, --- ere la fonte di l'innamurate. --- mineje p l'acque Mariastelle ---Carmelle, Mariocce e Minichicelle. --- Circhv nu poche d'acque p piacire, --- Mariucce disse: 'nci sta manire. --- Ma tutta rosce si fece Carmelle --- e mi bbevve dentr'a la jumelle. Je pure rosce la guardive ‘nfacce --- armbi la jumelle e mi disse: arfacce ! --- J facve misciolle l la mane, --- cichve l’ucchie e dicive: t’ame… --- Vut la cocce tutta virgugnose --- ridse e fece ‘np la cutugnose, --- mitt la conche sott’a la canelle --- e…, Carm, dicive, coma si belle ! --- Da sole si mitt la conche ncocce --- e jj ‘rmanive come nu mammocce. --- P ‘nz mbonne azz mp la suttane --- e mi disse: la risposte a dumane. --- Nin pozze aspitt manche n’atru poche, --- Carm, j arde peggie di lu foche, --- parle massre, n’aspitt dumane, --- fatte se l’alme nin tin ncampane ! --- pus la conche e mi disse di botte: --- si tu s ‘namurate, je so cotte, --- si tu hirde; j mi so ‘ppiccite --- da su la cocce fine ju li pite… --- L sta funtana vicchie abbandunate --- Nu ci appiccme senza fulminante --- vicchia fonte smurze stu foche sante !.

                                                                                Francesco Valente

 

 

 

 

 

Home ]

Inviare a bisenti@tiscalinet.it un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.
Aggiornato il: 10 ottobre 1999