TOMASSINO FILIPPI

 

Nato a Casaprota (Rieti), vive a Roma, sua città adottiva.

Ragioniere: già Dirigente Superiore presso il Ministero dei Beni Culturali; ha ricoperto importanti cariche pubbliche.

Ha pubblicato poesie su: Rugantino; Voce Romana; Mondo Sabino; Paese Sera; Rivista mensile "Club 3", Lumacate; Nuovo Corso; Pilu e contro pilu; Gazzetta Sabina; Turris Celiae e Vico Novo.

Ha ottenuto molti premi; ha pubblicato due raccolte di poesie in dialetto romanesco: "Sonetti a tempo perso" nel 1994 e "Davanti ar Caminetto " nel 1997, riscuotendo successo di critici e di pubblico, con premi e segnalazioni.

  

 Dalla raccolta: "POETI al CAFFÉ" volume V anno 2000

I sonetti, in versi romaneschi, sono una satira di costume attenta a certi mali della società: l'egoismo, lo spreco (una pagnotta gettata nel secchio dei rifiuti, quando c'è tanta gente che muore di rame: La fane e lo sprego), la Giustizia assassinata (contro le "cantonate" di certi giudici: Corpevoli o innocenti?), l'amicizia, che ormai non esiste più (se quando hai bisogno di aiuto "trovi solo ruffiani der potere": Così' va er monno). Ma questa amara e cruda realtà è guardata con l'ironia, il distacco e il sorriso benevolo del saggio, che ha capito la vita e sa che gli uomini non cambieranno mai e che l'unico rimedio per questo mondo malato e corrotto è quello ultimo e definitivo di un nuovo diluvio universale (L 'urtimo rimedio).

 

 

LA FAME E LO SPRECO

  

Ner mentre passo avanti a un cassonetto

de monnezza, te sgarmo 'na pagnotta;

li pe tera du' pori cani in lotta

se stanno a batte solo pe un pezzetto.

Me viè subbito in mente er vecchio detto:

chi la vorebbe cruda e chi più cotta,

chi campa come un fijo de mnignotta,

nun volenno penzà ar poveretto.

Panza piena nun penza a quella vôta

nun cammia gnente: noi semo egoisti

da prima che inventassero la rota.

Se fussimo un pochetto più artruisti

cercanno d'evità qualunque sprego

potremmo ajutà tanti pori cristi.

 

 

 

CHE VORDI' UN SORISO

 

Un ber soriso de la donna amata

vale deppiù de quarzesia ricchezza

e fa arivive a te la giovinezza

sippuro, da quarche anno, è già passata.

Nun pò invecchià 'sta povera corata,

mentre se gusta tanta più allegrezza,

covanno drento amore e tenerezza,

pe 'sta compagna più che innamorata.

Si quer soriso te vò di ch'è AMORE

nun ce so' dubbi: è 'n incantamento,

che te dà tanta forza e tant' ardore.

Cresce così 'gni giorno er sintimento

che regna speranzoso drent'ar core

pe dà a li dua le gioja 'gni momento.

 

 

 

L'URTIMO RIMEDIO

 

Perché ar monno ce sta tanta violenza?

Perché st'opera bella der Creatore,

frutto de sentimenti e vero amore

se rovina p'er sòrdo l'esistenza?

Perché nun vò senti la su' coscienza

quanno che sceje er male cor terore

pe dimostrà che a l'antri è superiore

e condanna chi vò co 'na sentenza?

Me chiedo si ce sta 'na soluzzione

che pò fà ritornà tutto normale

e fà chiarezza fra 'sta confusione.

Co 'sti chiari de luna, mò m'assale

un dubbiaccio, che pe 'sta coruzzione

ce vò 'n antro diluvio univerzale!

 

 

 

ER BONESEMPIO

 

Su la loggetta mia du' tortorelle

se stanno a fà, da un pò, 'na vera corte.

Se sanno aruffianà a la bonasorte,

ruganno pe l'amore, 'ste pischelle.

'Ste crature, da gran cortiggianelle,

fanno manfrine inteliggenti e accorte

ripetenno così pe tante vorte

le richieste d'amore, le più belle.

Si l'Omo co la Donna innammorati

seguissero 'st'esempio maggistrale,

ciavrebbero li rnejo risurtati.

Si er core batte forte pe 'na cotta

ch'è un sentimento tutto naturale,

nun mollà mai, si è "NO" de prima botta.

 

 

 

COSÌ VA ER MONNO

  

Me diceva deciso 'n antenato:

si vòi conosce 'n amico leale,

devi magnacce tre sacchi de sale.

Solo doppo pòi esse aggiudicato.

Nun potevo capi er significato:

l'amicizzia pareva naturale

tanto da nun vedé ndó stava er male

sippuro arimanevo buggerato.

Mo che sò diventato guasi anziano,

doppo vissute tante primavere

so che devo stà attcnto ar deretano.

Pòi fa der bene in tutte le magnere

senza nisuno che te dà 'na mano.

Trovi solo ruffiani der potere.

 

 

 

CORPEVOLI O INNOCENTI?

 

Doppo passata più de 'na staggione

vedo che tante cose vanno in porto,

ma nun capisco chi pò avé raggione

e chi intigna puro si cià torto.

Tra le parti c'è tanta confusione

quann'er raggionamento è un pò contorto

e se vò mette tutto in discusione

pe cercasse 'no straccio de supporto.

Ma puro chi dovrebbe dà er giudizzio

più vorte sta a pijà la cantonata

mannanno tutto quanto a precipizzio.

La Socetà me pare avvelenata

si ce fa sopportà 'sto gran supprizzio

ner vède la giustizzia assassinata.

 

Dal 1Agosto 2000, questo sito stato visitato[contatore visite]   volte.