Come creare nuovi Cactus ibridi


Hildewintera x Echinopsis

La famiglia delle Cactacee, forse per il fatto di risultare piuttosto giovane dal punto di vista evolutivo, presenta una interessante caratteristica : specie appartenenti a generi diversi possono incrociarsi con relativa facilit dando luogo a ibridi con fiori o forme particolari. In letteratura sono segnalati vari esempi di incroci intergenerici : in Innes,Glass-Enciclopedia delle Cactacee Zanichelli , oppure in Cactus&co. Journal vol.II n.4 December 1998 possibile trovare esempi di incroci di Epiphillum x Echinopsis , Leuchtenbergia x Ferocactus , Hildewintera x Echinopsis, Heliocereus x Discocactus .


Ferocactus x Leuchtembergia

 

Personalmente ho avuto la fortuna di poter incrociare un Hylocereus hundatus con un Trichocereus ibrido, ed a lato mostrata una piantina di 2 anni ottenuta da tale incrocio.
Tra i vari gruppi di cactacee esistenti, un gruppo, quello costituito da Trichocereus, Echinopsis e Lobivia , piante sud-americane che vivono sulle Ande, ha dimostrato pi di altri di sapersi adattare alle condizioni ambientali del Centro-Italia dove vivo, per cui il mio interesse si concentrato su di esso.


trichocereus schickendantzii.


Echinopsis kermesina

I trichocereus e gli Echinopsis hanno la caratteristica di avere fiori grandi (20+cm i primi) ed eleganti, di colore generalmente bianco, mentre le lobivie presentano fiori pi piccoli ma vivacemente colorati, per cui l'intero gruppo si presta molto bene alla creazione di ibridi. Qui a lato mostrato il fiore di un trichocereus e di un Echinopsis a fiore colorato. Ho incrociato 4 anni f le due piante ottenendone una con caratteristiche intermedie tra quelle dei genitori .
Tale ibrido mi fiorito per la prima volta lo scorso anno,


trichocereus schickendantzii x Echinopsis kermesina
ed il fiore mostrato nell'immagine al lato. Dimensioni e struttura ondulata dei petali sono dovute al primo genitore, mentre il colore proviene dal secondo. Trovo affascinante incrociare piante diverse aspettando magari anni fino al giorno in cui avviene il "miracolo" della loro fioritura. Un suggerimento: quando effettuiamo un incrocio annotiamo subito su di un etichetta i nomi dei genitori ricordando che esiste una convenzione: quella di scrivere per primo il nome della pianta "femmina", quella cio su cui si forma il frutto. Se l'incrocio riuscito, in estate potremo staccare il frutto maturo e separare in un colino sotto l'acqua corrente i piccolissimi semi che potranno essere piantati a fine estate o nella primavera successiva. Poich le piantine appena nate risultano estremamente delicate, da qualche anno le semino all'interno di una germinatrice. Nelle pagine successive troverete le istruzioni per costruirne una.


Introduzione

La nascita

La crescita dei cactus

Innaffiature