La sede
La Casina Giustiniani, fu costruita tra la fine del '400 e i primi del '500, secondo i primi documenti che né testimoniano l'esistenza, da Mastro Nocciolus fabbro a S.Eustachio, che come affitto pagava due barili di mosto di vino l'anno alle allora proprietarie monache Benedettine del convento di Campo Marzio.
      Da allora la Casina, assieme ai terreni che la circondavano, è passata da inquilino a inquilino,
fra cui anche un certo Venturino Tramezzino, libraro, che né fece, nel 1572, un' Osteria con gioco di bocce.
      Nel 1592 i Giustiniani comprarono dalle Monache tutte le vigne, la "Casetta" e altri edifici che allora esistevano su tutta l'area, come residenza di campagna. Né fecero una villa bellissima, piena di statue e ruderi romani. Nella guida dal titolo "Le magnificenze di Roma antica e moderna" di Fioravante Martinelli, pubblicata in Roma nell'Anno Santo 1725, la Villa Giustiniani è citata in questo modo: "Voltando a man destra avete in villa il giardino del Sig. Principe Giustiniani, copiosissimo di statue, bassirilievi & iscrizioni antiche".
      Bisogna arrivare al 1820 perché quest'area diventi proprietà dei Borghese, i quali né affidarono la risistemazione all'Architetto Luigi Canina, che la trasformò in quella che noi oggi vediamo.
Dal 1901 tutta Villa Borghese è proprietà del Comune di Roma, che né ha fatto un Parco Pubblico.
      Nel 1907 fu sede provvisoria dell'I.I.A. Istituto Internazionale dell'Agricoltura voluto da David Lubin e dal Re Vittorio Emanuele III, in attesa dell'erigendo Palazzo, attuale sede del C.N.E.L. La Casina Gustiniani dopo anni di abbandono e di incuria nel 1957, fu data in affitto dal Comune di Roma all'Artista Cecilia Ferro, che la restaurò e ne fece il proprio studio.  Divenne così punto di incontro degli Artisti romani, e non solo, ma anche centro culturale e di diffusione dell'Arte contemporanea.
      Oggi è sede dell'Associazione L.I.Art .

home | chi siamo| la sede | l'attività | gli artisti | in esposizione | la galleria | il programma