GENNAIO

1815: il Comando in Capo della Regia Marina si trasferisce a Genova. Il barone Giorgio Des Geneys, dopo molti anni di permanenza in Sardegna, lascia il suo amato arcipelago
1871: il 14 gennaio muore, nella sua casa a Cala Gavetta, il Maggior Leggero (Culiolo Giovanni Battista), eroe Garibaldino
1880: alla presenza di un notaio e del sindaco di La Maddalena, Giuseppe Garibaldi e Francesca Armosino celebrano a Caprera il loro matrimonio

FEBBRAIO

1793: dopo aspri combattimenti e bombardamenti viene respinto l'assalto dei Gallo-Corsi a La Maddalena. Tra i francesi il giovanissimo Napoleone Bonaparte
1855: naufraga sui Lavezzi la "Semillante", fregata della Marina Francese, diretta in Crimea, con 685 uomini tra truppa e equipaggio. Sono tutti sepolti a La Maddalena
1890: il Consiglio Comunale unanime delibera di denominare piazza Ranedda piazza Umberto I, volendo perpetuare la gloria che prov˛ il paese per lo sbarco avvenuto di S.M. il Re col dilettissimo figlio il principe ereditario

MARZO

1887: il 6 marzo La Maddalena viene eletta a piazzaforte marittima: una tra le pi¨ grandi e pi¨ importanti d'Italia. La popolazione, in 20 anni, passerÓ da 1.900 a 10.000 abitanti, provenienti da tutte le regioni italiane

APRILE

1943: aerei alleati affondano il rimorchiatore "Trieste" nella rada di Mezzo Schifo e colpiscono il "Gorizia" a Porto Palma. Notevoli le perdite.

MAGGIO

1849: nasce a Caprera Anita, figlia di Giuseppe Garibaldi e Battistina Ravello. MorirÓ giovanissima nel 1875.
1942: l'11 e il 12 maggio Mussolini Ŕ a La Maddalena accolto con entusiasmo da numerosa folla. In Via Amendola passerÓ in macchina sotto una grande M

GIUGNO

1882: muore a Caprera Giuseppe Garibaldi, di professione "agricoltore", come risulta dall'atto di morte redatto dal sindaco di La Maddalena
1967: apre a Caprera il Centro Velico Caprera. In pochi anni, con uno stile Glenans, diventerÓ l'"UniversitÓ della vela"

LUGLIO

1967: la popolazione maddalenina festeggia il bicentenario della nascita come comunitÓ religiosa e civile. Numerose manifestazioni civili, sportive e religiose e arrivi di delegazioni da alcune citta della Corsica del sud, da dove provenivano i primi abitanti dell'isola

AGOSTO

1943:a villa Weber arriva prigioniero Benito Mussolini. Riparte dopo circa 2 settimane per il Gran Sasso dove sarÓ liberato dai tedeschi

SETTEMBRE

1849: Giuseppe Garibaldi sbarca per la prima volta a La Maddalena. L'accompagna il Comandante maddalenino del "Tripoli" Francesco Millelire
1943: aerei tedeschi affondano al largo delle Bocche di Bonifacio la corazzata "Roma". Solo pochi si salvano
1943: truppe tedesche fanno prigioniero il comandante della piazzaforte, Brivonesi. Per le vie si combatte aspramente

OTTOBRE

1767: le Isole Intermedie (La Maddalena) vengono occupate dalle truppe savoiarde. I pastori corsi giurano fedeltÓ al Re. Nasce la comunitÓ maddalenina
1867: Giuseppe Garibaldi, con l'aiuto di alcuni maddalenini, fugge da Caprera evitando il controllo delle navi
1886: a La Maddalena infieriva un'epidemia di colera

NOVEMBRE

1774: dopo uno scontro cruento con una nave barbaresca, muore Francesco Ornano. E' il primo isolano caduto per la difesa dell'arcipelago
1803: arriva a La Maddalena Horatio Nelson con la flotta inglese. SosterÓ nelle acque dell'arcipelago fino al gennaio 1805

DICEMBRE

31 dicembre (tutti gli anni): in tutta l'isola i ragazzi, battendo dei vecchi "stagnal˛" (bidoni metallici), mandano via il vecchio anno perchŔ il nuovo possa entrare