BIBLIOGRAFIA

 

Ahorner L., 1975. Present-day stress field and seismotectonic block movements along major fault zones in Central Europe. Tectonophysics, 29, 233-49.

 

Aki K., 1980. Scattering and attenuation of shear waves in the lithosphere. J. Geophys. Res. 85, 6496-6504.

 

Aki K. e Chouet B., 1975. Origin of coda waves. source, attenuation and scattering. J. Geophys. Res., 80, 3322-3342.

 

Aki K. e Lee W. H. K., 1976. Determination of three- dimensional velocity anomalies under a seismic array using first P arrival times from local earthquakes, 1, A homogeneous initial model. J. Geophys. Res., 81, 4381-4399.

 

Aki K. e Richards P.G.,1980. Quantitative seismology. EDITOR: Allan Cox, 932 pp.

 

Anderson H. e Jackson J., 1987. Active tectonics of the Adriatic Region. Geophys. J. R. Astr. Soc., 91, 937- 983.

 

Amato A. e Alessandrini B., 1991. Tomografia sismica per la regione Italiana. Le Scienze, quaderni, 59, 70-71.

 

Amato A. e Selvaggi G., 1991. Terremoti crostali e sub- crostali nell'Appennino Settentrionale. Studi Geol. Camerti, vol. speciale, 75-82.

 

Augliera P., 1992. Tecniche di acquisizione e di analisi di segnali sismici per determinazioni focali ad alta definizione. Tesi di Dottorato in Geofisica, Universita' di Genova, 136pp.

 

Babuska V. & Plomerova J., 1990. Tomographic studies of the upper mantle beneath Italian region. Terra Nova, 2, 569-576 .

 

Bartolini C., Bernini M., Carloni G. C., Castaldini P., Costantini A., Federici P. R., Francavilla F., Gasperi G., Lazzarotto A., Marchetti G. e Vercesi P., 1983. Carta Neotettonica dell'Appennino Settentrionale (Note illustrative). Boll. Soc. Geol. Ital., 101, 523-549.

 

Bethoux N., Cattaneo M., Delpech P. Y., Eva C. e Rehault P., 1988. Mecanismes au foyer de seismes en Mer Ligure et dans le sud des Alpes Occidentales: resultats et interpretations. C. R. Acad. Sci. Paris, 307, 71-77.

 

Boccaletti M., Coli M., Decandia F. A., Giannini E., Lazzarotto A., 1980. Evoluzione dell'Appennino Settentrionale secondo un nuovo modello strutturale. Mem. Soc. Geol. It., 21, 359-373.

 

Boccaletti M., Coli M., Eva C., Ferrari G., Giglia., Lazzarotto A., Merlanti F., Nicolich R., Papani G. e Postpishl D., 1985. Considerations on the seismotectonics of the Northern Apennines. Tectonophys. 117, 7-38.

 

Boccaletti M., Decandia F. A., Gasperi G., Gelmini R., Lazzarotto A., Zanzucchi G., 1982. Note illustrative alla carta strutturale dell'Appennino Settentrionale. C. N. R. Prog. Fin. Geodinamica, S. P. 5, pubbl. 429.

Bollettino mensile. Oss. Geof. Sper. di Trieste.

 

Bollettino mensile-Parigi. CEA-LDG Laboratoire de Geophysique.

 

Bollettino mensile-Strasburgo. Bureau Central International de Seismologie.

 

Bollettino sismico mensile. Istituto Nazionale di Geofisica.

 

Bollettino Sismico mensile Italia Nord-Occidentale dall'anno 1982 al 1987. Istituto Geofisico Univ. di Genova.

 

Bollettino sismico mensile Italia Nord-Occidentale dall'anno 1988 al 1989. Dister Sez. Geofisica Genova.

 

Bonamassa O., Nicolanti A., Rovelli A. e Taccetti Q., 1990. Analisi delle onde di coda mediante dati digitali raccolti dalla Rete Sismica Nazionale. Atti VII Conv. G.N.G.T.S.- CNR, 1, 333-339.

 

Bossolasco M., Cicconi G., Eva C. e Pasquale V., 1972. La rete sismica dell'Istituto Geofisico di Genova e primi risultati sulla sismo-tettonica delle Alpi Marittime ed Occidentali, e del Mar Ligure. Riv. Ital. Geof., 21, 229-247. Bossolasco M., Eva C. e Pasquale V., 1973. Il terremoto del 25 Ottobre in Lunigiana. Riv. Ital. Geofis., 22, 314-322.

 

Bressan G., De Franco R. e Gentile F., 1991. Seismotectonic study of the Friuli (Italy) area based on tomographic inversion and geophysical data. Tectonophys., 207, 383-400.

 

Buness H., 1990. A Compilation of Data from the 1983 European Geotraverse Experiment from the Ligurian Sea to the Southern Alps, 75 pp.

 

Buness H. e Giese P., 1990. A Crustal Section Through the Northwestern Adriatic Plate. The EGT: integrative studies, 297-304.

 

Buness H., Giese P., Hirn A., Nadir S. e Scarascia S., 1990. Crustal structure derived from seismic refraction between the Southern Alps and the Ligurian Sea. EGT Project (Sixth Workshop), 165-168.

 

Calcagno A., 1990. Modello geologico strutturale interpretativo di dati magnetometrici nell'area compresa tra il bacino orientale del Mar Ligure e l'alta Val Secchia (Appennino Reggiano). Sottotesi di laurea in Sc. Geologiche, Univ. Genova, 20pp.

 

Capponi G., Eva C. e Merlanti F., 1980. Some considerations on seismotectonics of the Western Alps. Boll. Geof. Teor. Appl., 22, 223-240.

 

Carmignani L., Fantozzi P., Giglia G. e Meccheri M., 1992. Tettonica di crosta media e di crosta superiore nelle Alpi Apuane, un modello per l'interpretazione della sismica profonda dell'Appennino. Abstracts riunione CROP 1-1A (Giugno '92, Bologna), 2.

 

Carmignani L., Gattiglio M., Kalin O., Meccheri M., 1987. Guida all'escursione sul complesso metamorfico delle Alpi Apuane. Summer School Geol. Petr. Bas. Crist., C. N. R. - Univ. SI-.

 

Carmignani L., Giglia G., 1984. Autoctono apuano e Falda Toscana: sintesi dei dati e interpretazioni piu' recenti. Soc. Geol. It., volume gibilare, 199-214.

 

Carmignani L., Giglia G., Kligfield R., 1980. Nuovi dati sulla zona di taglio ensialica delle Alpi apuane. Mem. Soc. Geol. It., 21, 93-100. Cassano E., Anelli L., Fichera R. e Cappelli V., 1986. Pianura Padana, interpretazione integrata di dati geofisici e geologici. 73mo Congr. Soc. Geol. It., 27pp.

 

Cassinis R., Lozej A., Tabacco I., Gelati R., Biella G., Scarascia S. e Mazzotti A., 1990. Reflection and refraction seismics in areas of complex geology. An example in the Northern Apennines. Terra Nova, 2, 351-362.

 

Castellarin A., Eva C., Giglia G. e Vai G. B., 1985. Analisi strutturale del Fronte Appenninico Padano. Giornale di Geologia, 47, 47-76.

 

Cattaneo C. & Eva C., 1990. Propagation anomalies in North-Western Italy by inversion of teleseismic residuals. Terra Nova, 2, 577-584.

 

Cattaneo M., Eva C., Giglia G. e Merlanti F., 1983. Seismic hazard in the Northwestern Apennines. Pageoph, 121, 221-245.

 

Cattaneo M., Eva C., Giglia G. e Merlanti F., 1986a. Evoluzione strutturale e modello sismotettonico dell'Appennino Nord-Occidentale; Progetto Terremoto in Garfagnana e Lunigiana. Ed. Imbesi, Marcellini, Petrini, Di Passio e Ferrini, CNR-G.N.D.T., Regione Toscana, Firenze, 16-21.

 

Cattaneo M., Eva C. e Merlanti F., 1986b. Alcune considerazioni sulla sismicita' dell'Appennino Nord-Occidentale. Mem. Decr. Carta Geol. d'Italia, 35, 33-68.

 

Cattaneo M., Eva C. e Merlanti F. e Tagliafico A., 1987. Anomalie gravimetriche del Mar Ligure. Atti V Conv. G.N.G.T.S.-CNR, 1, 669-680.

 

Cattaneo M., Eva C. e Merlanti F., 1989a. Uso di reti mobili per il monitoraggio di strutture sismogenetiche. Atti VI Conv. G.N.G.T.S.-CNR, 2, 987-996.

 

Cattaneo M., Eva C., Merlanti F. e Pasta, 1989b. Analisi della sismicita' della Liguria Occidentale dal 1982 al 1986. Atti VI Conv. G.N.G.T.S.-CNR, 1, 295-305.

 

 

Chou C. W. e Booker J. R., 1979. A Backus-Gilbert approach to inversion of trvel-time data for three-dimensional velocity structure. Geophys. J. R. Astron. Soc., 59, 325-344.

 

Clerici E. e Ferulano F., 1989. Attenuation of seismic signals in the phlegrean area. Boll. Geof. Teor. Appl., 31, 137-147.

 

C. N. R. - P. F. Geodinamica, 1981. Catalogo dei terremoti italiani. "Open file".

Costi F., 1990. Modelli di propagazione e di attenuazione delle onde sismiche nell'Appennino Nord-Occidentale. Tesi di laurea in sc. geologiche dell'Universita' di Genova, 194 pp.

 

Crosson R. S., 1976a. Crustal structure modeling of earthquake data, 1, Simultaneous least squares estimation of hypocenter and velocity parameters. J. Geophys. Res., 81, 3036-3046.

 

Crosson R. S., 1976b. Crustal structure modeling of earthquake data, 2, Velocity structure of Puget Sound region, Washington. J. Geophys. Res., 81, 3047-3054.

 

Dainty A. e Toksoz M. N., 1981. Seismic codas on the Earth and the Moon: a comparison. Phys. Earth Planet Interiors, 26, 250-260.

 

Del Pezzo E. e De Martino S., 1992. Local Q structure using scattered waves. Proceedings, XXII Gen. Ass. ESC, 2, 743-748.

 

Doglioni C., 1990. The global tectonic pattern. Journal of Geodynamics. 12, 21-38.

 

Drakatos G., Stavrakakis G., Latoussakis J., Papanastassiou D. e Drakopoulos J., 1990. The three- dimensional seismic attenuation structure beneath Italy. Boll. Geof. Teor. Appl., 32, 67-79.

 

Eberhart-Phillips D.M., 1986. Three dimensional velocity structure in Northern California Coast Ranges from inversion of local earthquake arrival times. Bull. Seismol. Soc. Am., 76, 1025-1052.

 

 

Elter P., Giglia G., Tongiorgi M. e Trevisan L., 1975. Tensional and compressional areas in the recent (Tortonian to present) evolution of the Northern Apennines. Boll. Geof. Teor. Appl., 17, 3-18.

 

Eva C., Augliera P., Cattaneo M. e Giglia G., 1990. Some considerations on seismotectonics of Northwestern Italy. The EGT: integrative studies, 289-296.

 

Eva C., Cattaneo M., Augliera P. e Pasta M., 1991. Regional coda Q variations in the Western Alps (Northern Italy). Phys. Earth Planet. Int., 67, 76- 86.

 

Eva C., Cattaneo M. e Merlanti F., 1985. La rete sismica Ligure-Piemontese. Atti IV Conv. G.N.G.T.S. - C.N.R., Roma 29-31 Ottobre, Vol. 1, 31-41.

 

Eva C., Giglia G., Graziano F. e Merlanti F., 1978. Seismicity and its relation with surface structures in the North-western Apennines. Boll. Geof. Teor. Appl., 20, 263-277.

 

Fanucci F., Eva C., Cattaneo M., Firpo M. e Piccazzo M.,1989. Tettonica e morfogenesi olocenica in Mar Ligure. Mem. Soc. Geol. It., 42, 1-7.

 

Fowler C. M. R., 1990. The Solid Earth. Cambridge University Press, 472 pp.

 

Frechet J., 1978. Sismicite' du sud-est de la France et une nouvelle methode de zonage sismique. These III Cycle, Univ. Sci. Technol. Medic. Grenoble, 159pp.

 

Frechet J. e Pavoni N., 1979. Etude de sismicite' de la zone Brianconnaise entre Pelvoud et Argentera (Alpes Occidentales) a l'aide d'un reseau de stations portables. Eclog. Geol. Helv., 72, 63-769.

 

Gao L. S., Lee L. C., Biswas N. N. e Aki K., 1983. Comparison of the effects between single and multiple scattering on coda waves for local earthquakes. Bull. Seism. Soc. Am., 73, 377-389.

 

Giese P., 1985. The structure of the Upper Lithosphere between the Ligurian Sea and the Southern Alps. Part B: The Consolidated Crust and the Uppermost Mantle. EGT Project (Second Workshop), 143-154.

 

Giglia G., 1974. L'insieme Corsica-Sardegna e i suoi rapporti con L'Appennino Settentrionale: rassegna di dati cronologici e strutturali. In Paleogeografia del Terziario Sardo nell'ambito del Mediterraneo Occidentale; Suppl. Rendic. Sem. Fac. Sc. Univ. di Cagliari.

 

Godano C., Bottari A., Cocina O., Del Pezzo E. e Marino A., 1992. Depth dependence of seismic attenuation in the Messina Strait area. Tectonophysics, 206, 137- 146.

 

Guyoton F., 1991. Sismicite et structure lithospherique des Alpes Occidentales: relocalisation et residus telesismiques. These pour le grade de Docteur (mention: Physique), Universite de Grenoble, 288pp.

 

Herraiz M. ed Espinosa A. F., 1987. Coda waves: a review. Pageoph, 125, 499-577.

 

Horie A., 1980. Three-dimensional seismic velocity structure beneath the Kanto district by inversion of P-waves arrival times. Ph. D. Thesis, Tokyo Univ.

 

Ibanez J. M., Del Pezzo E., De Miguel F., Herraiz M., Alguacil G. e Morales J., in stampa. Depth dependent seismic attenuation in Granada zone (south Spain). Bull. Seism. Soc. Am.

 

International Seismological Summary dall'anno 1913 ad oggi. Edito dall'International Seismological Centre- Edimburgo.

 

Kligfield E., Dallmeyer R. D., Hunziker J., Schamel S., 1980. Implicazioni tettoniche dell'eta' assoluta (K/AR e AR/AR) di metasedimenti a deformazione multipla delle Alpi Apuane. Riass. comunicaz. 70 Congresso S. G. I., Siena.

 

Klingele' E., Lahmeyer B. e Freeman R., 1990. The EGT Bouguer gravity compilation. EGT Project (Sixth Workshop), 247-254.

 

Lahr J. C., 1979. Hypoellipse: A Computer Program for Determining Local Earthquake Hypocentral Parameters, Magnitude, and First Motion Pattern. Open-File Report, 230 pp.

 

Lavecchia G., 1988. The Tyrrhenian-Apennines system: structural setting and seismotectonogenesis. Tectonophysics, 147, 263-296.

 

Lee W. H. K. e Stewart S. W., 1981. Principles and applications of microearthquake networks. Adv. Geophys. Suppl., 2, 293pp.

 

Lozej A., Biella G. C. e Tabacco I., 1990. Constraints on the upper crustal structure of the Alps-Apennines boundary region from seismic refraction measurements. EGT Project (Sixth Workshop), 179- 188.

 

Malagnini L. e Amato A., 1992. Modelli di velocita' e rilocalizzazione di terremoti nell'area friulana mediante inversione tomografica. Atti VIII GNGTS-CNR, 1, 377-390.

 

Mantovani E., Albarello D., Babbucci D. e Tamburelli C., 1992. Recent geodynamic evolution of the Central Mediterranean Region. International School of Solid Earth Geophysics, VIII Corso, Erice.

 

Marquardt D. W., 1963. An algorithm for least-squares estimation of non-linear parameters. J. Soc. Ind. Appl. Math., 11, 431-441.

 

Mazzanti M. e Trevisan L., 1978. Evoluzione della rete idrografica nell'Appennino Centro-settentrionale. Geogr. Fis. Dinam. Quat., 1, 55-62.

 

McKenzie D. P., 1972. Active tectonics of the Mediterranean Region. Geophys. J. R. astr. Soc., 30, 109-185.

 

Meloni F., Molin D. e Rossi A., 1990. Indagine macrosismica sui terremoti 'Profondi' del 27 ottobre 1914 e 25 ottobre 1972. Atti VII Conv. G.N.G.T.S.- CNR, 1, 221-236.

 

Morelli C., Giese P., Carozzo M.T., Colombi B., Hirn A., Letz H., Nicolich R., Prodehl C., Reichert C., Rower P., Sapin M., Scarascia S. e Wigger P., 1977. Crustal and upper mantle sructure of the Northern Apennines, the Ligurian Sea and Corsica, derived from seismic and gravimetric data. Boll. Geofis. Teor. Appl., 19, 199- 260.

 

Mueller St., 1989. Deep-reaching geodynamic processes in the Alps. In 'Alpine Tectonics', Geological Society Special Publication, 45, 303-328.

 

Pasquale V., Verdoya M., Chiozzi P. e Augliera P., 1993. Dependence of the seismotectonic regime on the thermal state in the northern Italian Apennines. Tectonophysics, 217, 31-41.

 

Pavlis G. L. e Booker J. R., 1980. The mixed discrete- continuous inverse problem: application to the simultaneous determination of earthquake hypocenters and velocity stucture. J. Geophys. Res., 85, 4801-4810.

 

Pereyra V., Lee W. H. K. e Keller H. B., 1980. Solving two-point seismic ray-tracing problems in a heterogeneous medium. Bull. Seismol. Soc. Am., 70, 79- 99.

 

Postpischl D., 1985. Catalogo Dei Terremoti Italiani dall'anno 1000 al 1980. CNR, Quaderni della Ricerca Scientifica. CNR-Progetto Finalizzato Geodinamica, 239pp.

 

Press W. H., Flannery B. P., Teukolsky S. A. e Vetterling W. T., 1989. Numerical recipes (fortran version). Cambridge University Press, 702 pp.

 

Pulli J. J., 1984. Attenuation of coda waves in New England. Bull. Seismol. Soc. Am., 74, 1149-1166.

 

Pulli J. J. e Aki K., 1981. Attenuation of seismic waves in the lithosphere: comparison of active and stable areas. In Earthquakes and Earthquake Engineering: the Eastern US, J. E. Beavers, Editor, Ann Arbor Science Publishers Inc., Ann Arbor, Michigan, 129-141.

 

Reasenberg P. e Oppenheimer D., 1985. Fpfit, Fpplot and Fppage: Fortran computer programs for calculating and displaying earthquake fault-plane solutions. Open- File Report, 45 pp.

 

Rihm R., Egloff F., Makris J. e Nicolich R., in stampa. Crustal Structure from Ligurian Sea to Northern Apennine - a Wide Angle Seismic Transect. Mar. Geoph. Res., 22 pp.

 

 

Roecker S. W., Tucker B., King J. e Hatsfeld D., 1982. Estimates of Q in central Asia as a function of frequency and depth using the coda of locally recorded earthquakes. Bull. Seism. Soc. Am., 1, 129-149.

 

Roeder D., 1990. Crustal structure and kinematics of Ligurian and West-Alpine regions. The EGT: integrative studies, 311-326.

 

Sato H., 1977. Energy propagation including scattering effects: single isotropic scattering approximation. J. Phys. Earth, 25, 27-41.

 

Scandone P., 1990. Structural Model of Italy. PFG-CNR.

 

Scarascia S. e Maistrello M., 1990. Refraction results from the eastern fans and profiles in the Alps-Po Plain-northern Apennines area (EGT '86). EGT Project (Sixth Workshop), 169-177.

 

Selvaggi G. e Amato A., 1992 Subcrustal earthquakes in the Northern Apennines (Italy): evidence for a still active subduction?. Geophys. Res. Lett., 19, 2127- 2130.

 

Singh S. ed Herrmann R. B., 1983. Regionalization of crustal coda Q in the continental United States. J. Geophys. Res., 88, 527-538.

 

Spakman W., 1990. Tomographic images of the upper mantle below Central Europe and the Mediterranean. Terra Nova, 2, 542-553.

 

Spallarossa D., 1990. Struttura dell'Appennino Nord- Occidentale derivata dall'analisi di residui di tempo da telesismi. Tesi di Laurea in Sc. Geol., Universita' di Genova, 175pp.

 

Spencer C. e Gubbins D., 1980. Travel time inversion for simultaneous earthquake location and velocity structure determination in laterally varying media, Geophys. J. R. Astron. Soc., 63, 95-116.

 

Stauber D., 1982. Two-dimensional compressional wave velocity structure under San Francisco volcanic field, Arizona, from teleseismic P residual measurements. J. Geophys. Res., 87, 5451-5459.

 

Suhadolc P., 1990. Fault-plane solutions and sismicity around the EGT Southern Segment. EGT Project (Sixth Workshop), 371-382.

 

Suhadolc P., Panza G.F. e Mueller St., 1990. Physical properties of the lithosphere-asthenosphere system in Europe, Tectonophys., 176, 123-135.

Thouvenot F., Frechet J., Guyoton F., Guiguet R. e Jenatton L., 1990. Sismalp: an automatic phone- interrogated seismic network for the Western Alps. Cahiers de Cent. Euro. de Geodyn. et Seism., 1, 1-10.

 

Thurber C. H., 1981. Earth Structure and earthquakes location in the Coyote Lake area, Central California. Ph. D. Thesis, M.I.T., Cambridge, 332pp.

 

Thurber C. H., 1983. Earthquake locations and three- dimensional crustal structure in the Coyote Lake Area, Central California. J. Geophys. Res., 88, 8226-8236.

 

Thurber C. H. e Ellsworth W. L., 1980. Rapid solution of ray tracing problems in heterogeneous media. Bull. Seismol. Soc. Am., 70, 1137-1148.

 

Tomaselli A., in stampa. Present seismicity in Northern Apennines: subcrustal events and P-waves velocity structure. Proceedings of XXIII Gen. Ass. of the E.S.C., 4 pp.

 

Udias A., 1982. Seismicity and seismotectonic stress field in the Alpine-Mediterranean region. In 'Alpine- Mediterranean Geodynamics'. Geodynamics Series of American Geophysical Union Washington, 7, 75-82.

 

Verdoya M., 1992. Densita' di flusso di calore del segmento meridionale della geotraversa europea ed aree adiacenti. Tesi di Dottorato in Geofisica, Universita' di Genova, 202pp.

 

Ye S. e Ansorge J., 1990. A crustal section through the Alps derived from the EGT seismic refraction data. The EGT: integrative studies, 221-236. Adriatic Region. Geophys. J. R. Astr. Soc., 91, 937-983.

 

 

 

 

ELENCO DELLE FIGURE

 

Figura 1 - Distribuzione della sismicita' della regione mediterraneo-europea (dati U.S.G.S.; 1968-1988; tratta da Guyoton, 1991)......................................... 4

 

Figura 2 - Confini generalizzati delle placche e modello di sforzo sismotettonico nell'Atlantico orientale, nel Mediterraneo e nella regione alpina (tratta da Udias, 1982; Mueller, 1989). Az=punto triplo delle Azzorre; Ad=promontorio adriatico. Microplacche: Ae=Egea, An=Anatolica. Viene anche indicato uno schema sismotettonico semplificato per l'Europa centrale e nord- occidentale (tratto da Ahorner, 1975).................. 5

 

Figura 3 - Limiti geologici dell'Appennino settentrionale.

....................................................... 6

 

Figura 1.1 - Mappa dei volumi focali dell'Italia Nord- Occidentale, relativa al periodo 1000-1970............. 12

 

Figura 1.2 - Mappa delle stazioni i cui dati sono stati utilizzati per la revisione............................ 14

 

Figura 1.3 - Carta della sismicita' dell'Italia Nord- Occidentale, relativa agli anni 1971-1982 dopo la revisione.............................................. 18

 

Figura 1.4 - Carta della sismicita' dell'Italia Nord- Occidentale, relativa agli anni 1983-1989 dopo la revisione.............................................. 19

 

Figura 1.5 - Istogrammi n. eventi-magnitudo per gli anni 1971-1982 (in alto) e 1983-1989 (in basso)............. 22

 

Figura 1.6 - Schema strutturale dell'Italia Nord- Occidentale.

Massicci cristallini esterni: A-Argentera; BD-Pelvoux Belledonne; MB-Monte Bianco; AG-Aar Gottard.

Massicci cristallini interni: DM-Dora Maira; GP-Gran Paradiso; MR-Monte Rosa; EN-Finestra Tettonica dell'Engadina.......................................... 23

 

Figura 1.7 - Mappa del flusso tettonico per gli anni 1000- 1980. La parte superiore presenta, in 3D, i valori del flusso; nella parte inferiore sono rappresentate, in proiezione, le isolinee di tali quantita'.............. 24

 

 

Figura 1.8 - Mappa dei volumi focali dell'Appennino Nord- Occidentale relativa al periodo 1000-1982. Sono riportati alcuni elementi strutturali: 1) fronte sepolto; 2) fronte emerso; 3) spartiacque; 4) massiccio delle Apuane...... 28

 

Figura 1.9 - Mappa dei volumi focali in Appennino Nord- Occidentale, relativa al periodo 1983-1989. Sono riportate con linee tratteggiata le faglie Taro e Stirone dedotte da un lavoro di Castellarin et al. (1985)................. 29

 

Figura 1.10 - Mappa degli eventi registrati dalla rete temporanea del 1987 (tratta da Cattaneo et al., 1989a). 31

 

Figura 1.11 - Mappa dei meccanismi focali studiati da Cattaneo et al. (1986b). 1) soluzioni focali; 2) limite dell'Appennino emerso.................................. 33

 

Figura 1.12 - Mappa schematica in cui vengono sintetizzati i dati aeromagnetici (dedotti da Cassano et al., 1986; Calcagno, 1990): 1) limite settentrionale del basamento ligure-toscano; 2) isobate del basamento; 3) corpi ofiolitici e loro limite; 4) faglie; 5) discontinuita' magnetiche............................................. 36

 

Figura 1.13 - Mappa delle anomalie di Bouguer (Klingele' et al., 1990): si osservi il minimo gravimetrico della Pianura Padana ed il massimo del Mar Ligure............ 38

 

Figura 1.14 - Mappa delle isolinee della Moho, costruita sulla base dei dati di sismica a rifrazione e riflessione: 1=Moho Padana; 2=Moho Ligure........................... 42

 

Figura 1.15 - Mappa del flusso di calore (Verdoya, 1992): si osservi la buona correlazione con i dati gravimetrici di Figura 1.13......................................... 44

 

Figura 1.16 - Sezione di tomografia telesismica WSW-ENE eseguita su un modello interpolato (Parolai, 1993)..... 46

 

Figura 1.17 - Mappa strutturale dell'Appennino nord- occidentale (Cattaneo et al., 1986a). 1) Unita' metamorfiche toscane (Toscanide I); 2) Falda toscana; 3) Unita' di Cervarola; 4) Dominio umbro-marchigiano; 5) Unita' liguri; 6) Depositi intermontani del tardo Miocene e Plio-quaternario; 7) Depositi plio-quaternari; 8) Faglie normali e trascorrenti della catena interna; 9) Tracce delle superfici di sovrascorrimento; 10) Tracce dello spartiacque tirrenico-adriatico........................ 48

 

Figura 2.1 - Mappa della sismicita' dell'Appennino Nord- Occidentale nel periodo 1989-90, distribuzione delle stazioni utilizzate per la localizzazione e posizione di alcuni elementi strutturali (da Eva et al., 1978; Castellarin et al., 1985; Scandone, 1990): le stazioni della rete mobile sono indicate con cerchi pieni, quelle della rete dell'Universita' di Genova con rombi pieni, quelle dell'Istituto Nazionale di Geofisica con triangoli pieni; 1=Fronte sepolto; 2=Linea del Taro 3=Spartiacque; 4=Massiccio metamorfico delle Apuane................... 54

 

Figura 2.2 - Meccanismi focali analizzati nel presente lavoro. Sono riportate le faglie dirette in vicinanza della costa, la linea dello spartiacque e la profondita' degli eventi........................................... 58

 

Figura 2.3 - Istogramma che illustra la distribuzione degli eventi in profondita' in Appennino nord-occidentale, nel periodo 1986-1991. Sono stati considerati solo eventi di buona qualita'...................................... 60

 

Figura 3.1 - Schema di una sezione, proposta da Nicolich (com. per.) per l'Appennino Nord-Occidentale, che attraversa la catena in senso trasversale.............. 63

 

Figura 3.2 - Istogrammi n.eventi-residuo per le stazioni PONT e BORS (sono stati distinti gli eventi esterni da quelli interni alla rete temporanea)................... 66

 

Figura 3.3 - Diagrammi residuo-azimut per la stazione di PONT prima (a sinistra) e dopo aver apportato la correzione di stazione................................. 67

 

Figura 3.4 - Modelli di velocita' mono-dimensionali che sono stati provati nella localizzazione dei terremoti dell'Appennino Nord-Occidentale........................ 68

 

Figura 3.5 - Distribuzione delle sorgenti e dei ricevitori utilizzati per l'inversione tomografica locale. Le dimensioni del reticolo sono 60kmx60km, la maglia di 20km................................................... 73

 

Figura 3.6 - Valori di velocita' della fase P ottenuti per i nodi del reticolo e per 5 livelli di profondita' (0,3,6,9,12km) dall'applicazione della tecnica di Thurber (1983) di tomografia locale (vedi il testo per il commento).............................................. 77

 

 

Figura 3.7 - Sezioni tomografiche di velocita' parallele all'asse della catena: quella piu' a nord (in alto in figura) evidenzia un salto di velocita' che corrisponde, in superficie, al passaggio Liguridi-Toscanidi, l'altra (in basso in figura) attraversa le Alpi Apuane......... 78

 

Figura 3.8 - Sezioni tomografiche di velocita' trasversali all'asse della catena: quella in basso in figura attraversa il massiccio metamorfico delle Alpi Apuane.. 80

 

Figura 3.9 - Il modello, cui si riferisce questa figura (5 strati, da 0 a 12km), e' stato ottenuto, per verifica, variando diverse volte i parametri di ingresso. Sono stati riquadrati i nodi per i quali si sono ottenuti risultati stabili (ombreggiati quelli ad alta velocita', bianchi quelli a bassa velocita').............................. 82

 

Figura 3.10 - Mappa di sismicita' del periodo 1989-90, ottenuta rilocalizzando gli eventi con i l modello tri- dimensionale ottenuto dalla tomografia locale.......... 84

 

Figura 4.1 -Distribuzione dei terremoti, del periodo Agosto 1989-Dicembre 1990, che sono stati utilizzati per il calcolo di Qc. Sono riportati gli elementi tettonici significativi e la posizione delle stazioni (cerchi pieni per quelle della rete temporanea della Garfagnana, triangoli per quelle della rete ING, rombi per quelle della rete IGG)........................................ 87

 

Figura 4.2 - Diagramma che illustra la dipendenza di Qc dalla frequenza in cui i valori osservati di Qc vengono confrontati con la funzione che meglio li approssima con il metodo dei minimi quadrati.......................... 89

 

Figura 4.3 - Grafico Qc-tlapse che illustra la variazione del Qc medio relativo a 3 classi di lapse time (15, 25 e 30s)................................................... 91

 

Figura 4.4 - Curva che mostra la dipendenza di Qc dalla profondita' ricavata applicando il metodo di Del Pezzo e De Martino (1992). Sono anche rappresentati i limiti di variabilita' (linea punteggiata)....................... 93

 

Figura 5.1 - Confronto fra la sismicita' analizzata nel presente lavoro e le principali strutture dedotte da sismica attiva (Buness e Giese, 1990; Scarascia e Maistrello, 1990; Rihm et alii, in stampa).............100

 

 

Figura 5.2 - Confronto fra le curve che descrivono la variazione di velocita' delle onde P (ricavata da Buness e Giese, 1990) e quella di Qc con la profondita': e' evidente la variazione di pendenza intorno a 40Km di profondita'............................................101

 

Figura 5.3 - Confronto fra le distribuzioni di sismicita', Qc e Vp (quest'ultima dedotta da Buness e Giese, 1990) con la profondita'.........................................103

 

Figura 5.4 - Una possibile modellazione dei dati; la microplacca ligure-toscana sovrascorre l'unita' padana. Sono riportate le strutture distensive del versante tirrenico, quelle compressive del versante padano, la base del Pliocene, il basamento e la 'Moho'.................104

 

Figura A.1 - Schema del 'ray tracing' approssimato'. (a) Vengono costruiti percorsi di raggio di curvatura variabile. (b) Il piano contenente i percorsi viene sistematicamente ruotato intorno all'asse sorgente- ricevitore. Il percorso con il tempo di viaggio piu' corto viene adottato come la migliore stima del percorso del raggio reale (da Thurber, 1983)........................109

 

Figura A.2 - Esempio di applicazione della procedura per il calcolo di Qc (Eva et al., 1991): (a) traccia sismica; (b) ln [A(r,f|t)/k(r,a)] vs. 'lapse time', e retta di regressione. La scala verticale logaritmica e' normalizzata per ciascuna frequenza. 2*ts e' il tempo oltre il quale la coda (considerata come costituita da onde S 'backscattered') non dovrebbe essere influenzata da scattering di onde P. Per ogni coppia ipocentro-ricevitore viene calcolato un valore di Qc........................111

 

Figura A.3 - Descrizione grafica del modello di Del Pezzo e De Martino (1992); vedi testo per la spiegazione.....115

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CURRICULUM VITAE DI ALESSANDRO TOMASELLI

 

 

 

 

 

15 Marzo, 1963 Nasce a Taranto (Italia)

 

1968-1973 Frequenta le Scuole elementari di Francavilla (PE), Conegliano (TV) ed Arenzano (GE)

 

1973-1976 Frequenta la Scuola media inf. ad Arenzano (GE)

 

Luglio, 1981 Ottiene il Diploma di maturita' a Genova (Liceo classico)

 

20 Marzo, 1989 Consegue il Diploma di laurea in scienze geologiche al Dipartimento di Scienze della terra (DISTER), sezione Geofisica, Genova (4 esami di indirizzo geofisico). Titolo della tesi: "Studio della sismicita' attuale di un settore delle Alpi Occidentali compreso tra la Valle Stura e la Valle Po". Relatore: Prof. Claudio Eva

 

Aprile-Giugno, 1989 Segue la campagna di sondaggi meccanici e geofisici (prove 'down hole') di un lotto del collegamento autostradale Voltri-Rivarolo

Settembre-Dicembre, 1989. E' collaboratore esterno alla sez. Geofisica del DISTER, Genova

 

Gennaio, 1990- E' studente per il Dottorato in Febbraio 1993Geofisica alla sez. Geofisica del DISTER, Genova

 

 

 

 

 

GENOVA,

ELENCO PUBBLICAZIONI (aggiornato al 1993)

 

Augliera P., Pastore S. e Tomaselli A., 1992. Sismicita' della Lunigiana-Garfagnana: primi risultati da una rete mobile. Atti IX Conv. G.N.G.T.S.-CNR, 1, 221-232.

 

Eva C., Augliera A., Cattaneo M., Pastore S. e Tomaselli A., 1992. Revisione di dati sismometrici in Italia Nord-Occidentale nel periodo 1971-1989. Atti Conv. G.N.D.T.-CNR, 25-27 Giugno 1990, 1, 25-34.

 

Eva C., Augliera A., Cattaneo M., Pastore S. e Tomaselli A., 1992. Sismotettonica dell'Italia Nord- Occidentale. Atti Conv. G.N.D.T.-CNR, 25-27 Giugno 1990, 1, 35-51.

 

Tomaselli A., 1993. Stima di Qc in Appennino Nord- Occidentale. Atti X Conv. G.N.G.T.S.-CNR, 1, 359-370.

 

Tomaselli A., in stampa. Present seismicity in Northern Apennines: subcrustal events and P-waves velocity structure. Abstracts XXIII General Assembly ESC., 4pp.

 

Tomaselli A. & Cattaneo M., 1992. Tomografia sismica locale in Appennino Nord-Occidentale. Riassunti XI Conv. G.N.G.T.S.-CNR, 22.

 

Tomaselli A., Pastore S., Augliera P. e Eva C., in stampa. Sismicita' dell'Appennino Nord-Occidentale. Studi Geologici Camerti, Conv. CROP Bologna, 16-17 Giugno 1992, vol. speciale, 15pp.

 

 

 

 

home