SOLO S.

b2.jpg (8054 bytes)

La Spiritualità semplice e sostanziale del Lentini

 Avrà avuto i suoi modelli e influssi. Sono però relativi. Il Lentini è però portato alla concretezza e da buon lauriota va subito al sodo. E anch'io, voglio semplificare la sua spiritualità con la frase. Solo S.

 

Solo S come Sacerdote

 

Deve e vuole essere Sacerdote e basta. E' una chiamata che ha dentro e solo lui conosceva la Voce di chi lo ha chiamato. Solo lui conosce l'intensità del Sì dato e perché lo ha dato. Poteva imitare S. Francesco che non volle essere consacrato Sacerdote. Sono due chiamate diverse. S. Francesco è chiamato alla povertà totale: anche il Sacerdozio gli poteva sembrare qualcosa. Il Lentini, non cerca l'umano del Sacerdote, ma sente che il Signore lo chiama a innalzare il Sacerdozio in un mondo e in una epoca in cui, essere prete è potere, è carriera e allora ognuno, a seconda della comodità è prete sanfedista o prete illuminato e rivoluzionario. Lo vedremo in campo il Lentini anche nelle piazze, ma lo farà con la fermezza e la luce del Sacerdote di Cristo e solo di Cristo (cfr. la sezione: Il suo Tempo).

 

Solo S. come Salvatore

 

Essere Sacerdote del Salvatore Gesù: ecco il suo grande unico sogno! Lo amerà con il cuore di un fanciullo e l'amore di una sposa. Dinanzi a Lui è sempre in contemplazione: nella Messa, nelle visite e adorazioni al Santissimo, nella preghiera a casa. Sarà in particolare sospeso dinanzi al Crocifisso.

 

Solo S come spirito

 

Ama e serve Gesù chi non vive di carne, di mondo, di ricchezze, di carriera. Nel Lentini non c'è niente di terra. Non ama onori: li rifiuta, li fugge. Non cerca ricchezza: non conosceva nemmeno le monete. Aveva paura di tenere soldi a casa. E quando se ne trova un po', non vede l'ora di spenderli per i poveri. Se va a predicare, aspetta che all'uscita del paese arrivano i suoi amati marocchini del tempo, e dona loro quanto il parroco o comitati gli hanno offerto. Non ama cibi abbondanti e succulenti: mangia poco e, quando la sorella Antonia, gli vuole fare un po' di festa e gli prepara carne, lui la accontenta: ne prende un pezzetto, ma lo ricopre poi con la cenere. Non gli piacciono i discorsi profani o canzonette del tempo. Ama i confratelli o laici e si intrattiene con loro solo a parlare di cose di Dio. Non ama passeggiare per tempo libero: solo o con i giovani in visita al Convento, S. Nicola, S. Giacomo, Immacolata, Assunta e al suo santuario: S. Elia. Lo testimoniano spesso da questa o da quella famiglia: non va a mangiare, ma va per i malati o per portare la pace.

 

Solo come Salvare

 

La sposa che ama, accontenta lo sposo. Lo sposo Gesù chiede alle sue spose di amarlo e di portargli anime. Ebbene, il Lentini fa tutto per condurre anime a Cristo: preghiera, penitenza, predicazione. Anche lui grida cone S. Giovanni Bosco: Da mihi animas cetera tolle! Lo grida fino agli ultimi istanti della sua vita alle anime che ha guidato e desidera che rimangano fedeli anche dopo la sua morte: Non perdere la fede! Non me lo devi tradire il mio Gesù!