La copertina del nostro CD

Il 1998 è l’anno della pubblicazione del CD e l’inizio del sodalizio col Comune e la Pro Loco di Dozza Imolese attraverso il primo concerto tenuto davanti alla celebre rocca.
Il 1999 presenta la prima
rassegna corale da noi organizzata appunto a Dozza, che ha visto la sua seconda edizione nel 2000, caratterizzato anche dal nostro arrivo sul Web! A partire dal mese di Aprile è infatti presente un nostro sito di cui immaginiamo vi siete già accorti... Anche grazie a questo si sono aperte nuove opportunità di fare conoscere la nostra musica.

Il 1996 è l’anno della rifondazione. Si decide di intraprendere la strada di una maggiore professionalità e di un’importante crescita artistica e tecnica. Ma è anche il momento delle scelte difficili, poichè questo passa inevitabilmente attraverso la decisione di interrompere i rapporti con alcuni componenti che non accettano queste impostazioni. Questo ha comportato l’abbandono della strumentazione elettronica (restano le tastiere, ma solo perchè un pianoforte non è altrettanto trasportabile!) ed il restringimento dei criteri di selezione per l’entrata nel gruppo, oltre ad una maggiore autodisciplina.
Il 1997 si è aperto con la partecipazione al XXV Convegno Corale d’Estate a Licciana Nardi in Lunigiana, è proseguito con un concerto nell’ambito delle manifestazioni estive ai Giardini del Baraccano a Bologna e si è concluso con una delle più importanti esperienze per il gruppo: la registrazione del primo
CD. Iniziata a fine ‘97 si è protratta per parte dell’anno successivo ed è servita per consolidare in maniera determinante il lavoro svolto nei due anni precedenti.

Concerto in Lunigiana
rectrectrectrectrectrectrectrect
Un concerto al teatro di Budrio

Anche il ‘94 è stato fecondo di concerti, prevalentemente nell’ambito locale, ma tutti in occasioni importanti, tra cui spicca l’esibizione in due prestigiose rassegne organizzate, rispettivamente, dall’AERCO e dal Comune di Bologna. Ma, soprattutto è l’anno del ritorno di Wraj Firmino, che da allora è rimasto stabilmente con noi, riprendendo il discorso interrotto quasi 8 anni prima.
Il 1995 ci vede ancora impegnati, tra l’altro, in una rassegna internazionale di musica corale al Castello di Caldonazzo (Tn), ma soprattutto vede nascere un forte dibattito interno sull’impronta da dare al gruppo, sul piano artistico e dei rapporti personali.

Il 1992 è stato anno di rodaggio, d’inserimento di nuovi elementi (tra cui il “mitico” Angelo Angelini alla batteria, Fulvio Presti al Basso e Gigi Bottazzi nel coro) e soprattutto di duro lavoro sui brani, cercando, da un lato, di recuperare quanto di buono era nato dalla vecchia esperienza, dall’altro di personalizzare gli arrangiamenti e le orchestrazioni, ricucendole addosso alla nuova formazione.
Il 1993 è stato l’anno dei grandi raccolti: il primo concerto autogestito, il 2° posto al Concorso Internazionale di Canto Corale a Verona, e, soprattutto, la prima vera esperienza internazionale con la partecipazione al Festival di Novy Bor nella Repubblica Ceca. Un momento fondamentale per il gruppo, perchè ha consolidato i rapporti  interni e ci ha fatto capire che, prima di tutto, cantiamo e suoniamo per divertirci e divertire, ma anche perchè ci ha dato una maggiore maturità artistica, poichè ci esibivamo di fronte ad un pubblico preparato e non necessariamente disposto a sorvolare su errori ed incertezze.
L’annata eccezionale è proseguita con un importante concerto al Teatro Comunale di Budrio e si è concluso con un’esibizione all’interno della John’s Hopkins University, in occasione della festa del Ringraziamento.

Picture

Concorso Internazionale di Verona

Picture

Relax sul ponte Carlo a Praga

Picture

Concerto al Teatro di Budrio

Uno dei primi concerti dopo la scissione

La prima esibizione in pubblico dopo la scissione avvenne il 16 Giugno ‘91. Avevamo rimesso in piedi la sezione strumentale dal nulla ed allargato quella corale, riuscendo a preparare solo pochi pezzi, ma già il 4 Ottobre successivo presentammo un concerto completo.
Fra i nuovi acquisti vi era un “implume” pianista, Michele Gardini, che ben presto avrebbe preso in mano le redini, contribuendo con la sua preparazione musicale classica ad indirizzare i vari fermenti artistici in un quadro di maggiore organicità.

... era una notte buia e tempestosa ...

Il 13 Febbraio 1991 ci ritrovammo in otto: Danilo Accorsi, Roberta Neri, Roberta Sacchetti, Bruno Matano, Maria Teresa Brintazzoli, Albamarina Cervino, Daniela Tassinari e Chiara Lelli, sette coristi ed un percussionista! Soprattutto ci mancava una guida, costituita, sino ad allora da uno degli strumentisti. Ma decidemmo che il gruppo doveva sopravvivere ed iniziammo a mettere annunci alla ricerca di altri che volessero continuare con noi l’avventura. Trovammo anche una nuova sala prove che, da allora, è rimasta fissa sino ad oggi.