ipark
logo mountain bike
mountain bike  
Alpinismo
Arrampicata EquitazioneEscursionismoGare sci
Mountain bike
Risultati gareSport aria
Sport fiumeSport lago Trekking

Principianti

Le forcelle

Ultimamente, le forcelle per MTB sono quasi universalmente di tipo ammortizzato, quelle di tipo rigido, sono divenute una rarità persino sulle bici vendute ai grandi magazzini.
La forcella di tipo ammortizzato è sinonimo di confort e sicurezza di marcia; confort perché il fondo stradale che incontriamo durante le nostre escursioni è quasi sempre dissestato ed avere un elemento che smorzi i colpi che le varie radici, buche o sassi possono trasmettere, rende la nostra pedalata meno faticosa per le braccia.
Inoltre il fatto che la forcella ammortizzata tenga la ruota anteriore costantemente incollata al terreno è sinonimo di sicurezza soprattutto in discesa dove la velocità è più alta e maggiore è la necessità di avere la traiettoria sotto controllo.
Le forcelle ammortizzate sono costituite da più parti denominate: foderi, solitamente in pressofusione di magnesio o in alluminio, è la parte dove all'interno scorrono gli steli in alluminio o acciaio e dove all'interno vi è l'elemento elastico o gli elementi elastici, poiché questi si possono combinare tra loro in base alle caratteristiche desiderate.
Gli elementi elastici sono: molle in acciaio (o in titanio sui modelli da gara), elastomeri microcellulari (in pratica dei cilindri di gomma) prodotti in varie durezze ed accoppiati in base al peso del biker, aria compressa, ultima tendenza o riscoperta, perché già utilizzata in passato e che ha caratteristiche chiaramente di leggerezza e progressione nell'affondamento.
Per smorzare un ritorno troppo brusco dato dalle molle, normalmente si adotta o l'olio in varie viscosità o una così detta molla negativa sempre di aria compressa; è un po' come quando si cerca di comprimere una siringa (chiaramente senza ago) tenendone chiusa l'estremità. Questa forcella descritta a grandi linee nelle righe precedenti è di tipo telescopico ed è quella utilizzata nel 99% dei casi. La corsa delle attuali forcelle si è stabilizzata in 60-80 mm per il cross county,80-120 mm per il free ride fino a 200mm per il downhill. Sono in produzione anche forcelle a controllo elettronico dell'affondamento ed altre costituite con materiali più esasperati tipo fibra di carbonio etc.

Città on lineCultura e tradizione
Download images Download musicaEnogastronomia
FaunaFloraMonumenti
News RubricheTurismo


Tutto il materiale e la grafica di questo sito
non può essere copiato senza previa autorizzazione scritta dal responsansabile di "Alpital 2006"