Associazione Geo-Mineralogica Naturalistica "Giovanni Cesaraccio" La Maddalena (OT)

I

G.Cesaraccio

Chi Siamo

Curriculum

Links

 Desclaimer

 E-mail

I

     GEOLOGIA

L’area dell’Arcipelago di La Maddalena costituisce un frammento del basamento cristallino sardo-corso e deve la sua strutturazione all’orogenesi ercinica, che ha determinato in tutta la Sardegna intense deformazioni, metamorfismo durante il Siluriano e magmatismo durante il Devoniano e il Carbonifero.

Gli eventi metamorfici hanno determinato, nella Sardegna settentrionale, la formazione di tre distinti complessi metamorfici affioranti in fasce dirette circa NW-SE (Carmignani et al.,1982).

Il Complesso Metamorfico di Basso e Medio Grado comprende la facies a scisti verdi di pressione intermedia affiorante nella Nurra e nel Goceano, e la facies anfibolitica di pressione intermedia affiorante nella Nurra e nell’Anglona.

Il Complesso Metamorfico di Alto Grado affiora in lembi isolati dai graniti lungo la costa nord-orientale (Arcipelago di La Maddalena, Costa Smeralda, Olbia, San Teodoro). Si tratta di un complesso migmatitico in facies anfibolitica di pressione intermedia, costituito in prevalenza da migmatiti e gneiss migmatitici.

Al parossisma ercinico segue la costruzione del batolite sardo-corso, con la messa in posto, generalmente, a livelli altocrustali di numerosi plutoni e stock, delle dimensioni più diverse; nel basamento sardo occupa una superficie di circa 6000 Kmq, affiorando nella parte centro-orientale dell’isola, lungo una fascia di direzione NNW-SSE (Gallura, Anglona, Goceano, Baronia, Barbagia, Ogliastra e Sarrabus). È caratterizzato da un’estrema variabiltà composizionale essendo rappresentati gabbri, dioriti, tonaliti, granodioriti, monzograniti s.s. e monzograniti a tendenza marcatamente leucocrata (Cherchi e Musumeci, 1992).

Su basi geologiche, composizionali e tessiturali si distinguono le plutoniti sintettoniche antecedenti o grossomodo contemporanee all’ultima fase deformativa dell’orogenesi; le plutoniti tardo tettoniche messe in posto dopo l’acme parossistico, ma mostranti caratteri giaciturali e strutturali che suggeriscono il persistere di un regime compressivo e costituiscono circa il 74% del batolite; infine le plutoniti post tettoniche posteriori ad ogni movimento di deformazione compressiva (Ghezzo e Orsini, 1982).

 

visita, qua sotto, i vari collegamenti relativi alle località e alla materia

 

scogliera granitica e dorsale granitica di Tejalone

filone di porfido e dorsale granitica di Tejalone

scogliera granitica località Zanotto isola di Spargi

 

La Maddalena

Caprera

S. Stefano

Spargi

S. Maria

Budelli

Razzoli

Isolotti

  GEOLOGIA  
LE ROCCE I FILONI LE PEGMATITI ALTRE FORME

I

G E O M I N E

      G.M.P.M. ©  2009