Mostra Brasile [ Home ]
Versione Spagnola
English Version

 

Chi Siamo
Avsi Italia
Tende
Sostegno a Distanza
Cooperazione Decentrata
Avvenimenti
Come aiutarci






 

MOSTRA FOTOGRAFICA 

"Jardime Felicitade"

EDUCARE:

Introdurre alla positivitÓ del reale, accompagnando verso il significato della vita

 

Educare non Ŕ un messaggio o un trasferimento di tecnologie.

Educare Ŕ innanzi tutto un luogo, un rapporto entro cui gli uomini si incontrano, si mettono insieme per obbedire alla fondamentale legge della vita, quella per cui le generazioni adulte accompagnano le nuove  nell’incontro con la complessitÓ e la totalitÓ del reale.

 

L’ipotesi che fonda la nostra esperienza educativa parte dalla visione cristiana: la persona Ŕ creata, sorretta da un Altro ed orientata verso un destino buono per sÚ.

 

L’educatore crede che la persona non sia definita dalle sue condizioni difficili, ma dal desiderio di felicitÓ. Per questo egli la accoglie e su questo scommette le sue energie, la sua operositÓ, il suo tempo, talvolta tutta la sua vita, perchÚ ogni bambino possa divenire un uomo vero ed ogni famiglia possa accompagnarlo in tale cammino.

 

L’educatore si concepisce come una guida che introduce alla comprensione della realtÓ. Egli condivide la storia dei bambini e delle loro famiglie e ne rispetta le tradizioni, partecipando al loro destino.

 

I bambini vengono a scuola ed i loro genitori vengono incontrati nella durezza del bisogno -fame, povertÓ, promiscuitÓ, malattia caratterizzano la vita in molte parti del mondo- e in questo incontro, la parola presente nella mente degli educatori e nella pi¨ vasta comunitÓ di molti adulti, dove operiamo, non Ŕ “assistenza” ma rapporto, compagnia, amicizia.

 

Fattore qualificante degli interventi di AVSI Ŕ dunque l’attenzione alla persona come domanda di felicitÓ e di significato per la vita.

 

EDUCAZI0NE E SCUOLA

Un esempio della presenza di AVSI in Brasile           

 In un Paese come il Brasile in cui la parola realtÓ raggiunge il punto drammatico della sfida Ŕ solo la parola condivisione, quotidianamente vissuta, ci˛ che permette  di reggere questa sfida e di presentare opere educative che desiderano essere una porta aperta alla speranza.

Le realtÓ educative di AVSI in Brasile sono collocate nella favela e coprono un arco di etÓ dei bambini che va dai primissimi mesi di vita sino ai 10 anni ed oltre:

- Il beršario  (da beršo, che significa culla) accoglie i bambini da 0 a 3 anni

- La creche, simile alla nostra scuola materna - Ŕ articolata in sezioni per bambini dai 3 ai 7 anni

- Il reforšo escolar Ŕ uno spazio di accoglienza per bambini di etÓ compresa tra i 7 e i 10/11 anni, dove  i ragazzi hanno la possibilitÓ di pranzare, fare i compiti, giocare al pallone e partecipare ad atelier di pittura, cucito, oggettistica e a corsi di copeira, il ballo tradizionale

 

Le esperienze di scuola promosse da AVSI, sono caratterizzate da una eccezionalitÓ costitutiva : sono esperienze di frontiera, scuole nate in luoghi dove il bisogno materiale Ŕ significativamente vistoso o dove la convivenza umana Ŕ minata da una inimicizia sanguinosa. Sono luoghi in cui potrebbe essere forte la tentazione di ridurre l’interesse per l’altro alle cose di cui ha bisogno, mentre ogni persona richiede di essere aiutata a guardare se stessa e gli altri con stima e positivitÓ.

 

Le scuole sostenute da AVSI sono nate da una storia di adulti  che incontrando il bisogno  dei favelados hanno scelto di condividerlo con una presenza stabile e continuativa nel tempo, accompagnando i bambini e le loro famiglie nelle circostanze difficili in cui vivono. Sono il riflesso della presenza educativa di adulti che guardano all’uomo per il suo desiderio di imparare a vivere, di apprendere ci˛ che serve per essere veri, e per convivere in modo dignitoso con i propri simili.

 

A queste opere educative si affiancano i corsi e le scuole di formazione professionale.

Fra queste la scuola agricola “Rainha dos Apostolos” di Manaus, situata nel cuore della foresta amazzonica che opera da oltre un decennio per educare i giovani indios ed insegnare loro tecniche e metodologie di produzione ed allevamento eco-compatibili, riproducibili nei luoghi di origine dei ragazzi che frequentano la scuola.

 

Sono oltre 2000 i bambini e ragazzi accolti nelle nostre opere educative in Brasile e 113 gli educatori impegnati.

 

L’AUTORE

 

Paolo Pellegrin nasce a Roma l’11 marzo 1964.

Nel 1989 inizia a lavorare come fotografo, dedicandosi a tematiche sociali.

Collabora con l’Agence VU di Parigi, Grazia Neri di Milano e Saba di New York.

Nel corso della sua carriera ottiene diversi riconoscimenti tra cui, nel 1995, il World Press Photo, primo premio sezione Daily Life, nel 1996 il Kodak Young Photographer Award e nello stesso anno partecipa al Master Class del World Press Photo, nel 1997 vince il primo premio al Festival Internazionale del fotogiornalismo a Gijon, Spagna.

Nel Gennaio 1997 pubblica, in collaborazione con AVSI, Bambini, un libro sull’Infanzia in circostanze difficili in Bosnia, Romania e Uganda.

Il suo lavoro Ŕ stato esposto in mostre personali e collettive in Italia e all’estero.

Collabora regolarmente con le pi¨ importanti testate italiane ed internazionali.

Il tema che mi era stato affidato era sull’Educazione: asili, centri di educazione nutrizionale, corsi di formazione, scuole specializzate, un compito non facile. A Belo Horizonte mentre fotografavo il terzo asilo della giornata, mi sono fermato a riflettere sullo svolgimento del tema. Non riuscivo a concepire un servizio fotografico sull’educazione attraverso una processione di asili puliti e volti felici.

Mi sono messo, quindi, alla ricerca del contesto sociale in cui quegli asili e quelle scuole erano inseriti: le strade, le baracche e le favelas dove i bambini, i ragazzi e le loro famiglie vivono.

Le 31 immagini di Jardim Felicidade sono un percorso che porta dalla realtÓ del dato sociale alla proposta educativa ed all’impegno di solidarietÓ.

Il mezzo percorso Ŕ il colore. Non un colore qualsiasi, ma quello del Brasile. I problemi tecnici non sono stati indifferenti: impossibile fotografare in esterni in pieno giorno, una luce abbacinante, eccessiva. Mi dedicavo allora agli interni, ma di primo mattino e nel tardo pomeriggio le condizioni erano ideali, la luce radente, calda, straordinaria.

Questa luce pervade le foto, cariche di un senso di sospensione tra cielo e terra. Nelle persone e nelle cose c'Ŕ, infatti, una fisicitÓ pi¨ presente, pi¨ forte della nostra, ma c’Ŕ anche il cielo, pi¨ grande e avvolgente di quello cui noi siamo abituati. Un cielo che si riflette in tutti attraverso un profondo senso di mistero. Cielo e terra, carnalitÓ e spiritualitÓ sono elementi che convivono a stretto contatto”.

                          

Paolo Pellegrin

 

AVSI Bergamo Tel. 035.22.67.41 - Fax 035.38.31.161 - E-mail: avsi.bergamo@tiscali.it