Poesia e dialetto 
Il Convivio

Idiana Rubbia Paiero (Milano)

Prima domanda

«Ti sa de magnar?».
«Gnente». No iera vero,
ma volevo giogar.
Lu’, el iera sincero.
                Se fazeva trasloco.
Se ierimo sentai
riposandose un poco
rente de do scafai.
La cassa drio le spale,
coi oci verso el fogo
ne svolava farfale
de luce in ogni logo.
                E me ricordo ancora
la sua man sula spala
e mia nona de fora
che zigava: «Ala, ala!».
«Prometi de impararse:
e no sta far per giogo;
podaremo sposarse:
mi subito te ciogo».
El gaveva un anel
con una piera rossa.
ghe go dito: «Che bel!»,
fazendome, anche, rossa.
El sarà tuo doman
Se ti ti sarà bona».
Go pensà: «Ben o mal
sta roba non me sona».
                Perché ‘doman’? Perché?
Che xe cussì bel ‘ora’.
Perché ‘Bona’? «Porté»
zigava nona «ancora».
E gavemo portà
credo, altre picoleze.
Sempre lu’ un fià rabià
e mi nele incerteze.
                El me piaseva tanto,
coi oci verdi, rizzo,
bruto, ma tuto un canto
e un rider come ‘l sprizzo
della schiuma del mar
quando che incontra el scoio.
Un omo de adorar,
de dirghe: «Sì, se voio!».
                Ma mi son stada zita,
pensando: «Ma, chissà...».
E cussì la mia vita
forsi se ga voltà.
Xe dificile e amaro
manovrar sogni strani
o veder tutto ciaro
torno i quindise ani.
 

Stampa    Stampa il testo