I DRUIDI.

Poco ci resta delle conoscenze dei Druidi, e quel poco Ŕ stato offuscato da secoli di mistero e mistificazione. A quest'opera di occultamento hanno senz'altro contribuito storici e commentatori degli ultimi due secoli portati pi¨ a descrivere, come la definisce Piggott, la storia come vorremmo che fosse piuttosto che non la storia come Ŕ stata.

Quello che effettivamente conosciamo sui Druidi si ricava dalle fonti dei contemporanei, storici e geografi greci e latini, dalla letteratura irlandese e gallese giunta sino a noi attraverso il filtro e la trascrizione dei monaci tra il IX░ e il XIII░ secolo della nostra era; dalle tracce scoperte in varie fonti circa l'antica religione celtica, e non ultimo dai reperti archeologici sulla civiltÓ celtica nel suo insieme.

Le prove archeologiche provenienti da scavi di oppida, tombe e luoghi di culto, ci parlano di credenze, cerimonie religiose, rituali e raffigurazioni artistiche di Dei, di cui Ŕ possibile dedurre delle ricostruzioni, tanto pi¨ attendibili quanto pi¨ suffragate da un attento esame delle fonti contemporanee prima, e poi dal corpus mitologico leggendario giunto sino a noi attraverso le saghe epiche irlandesi e gallesi.

Per capire realmente l'unicitÓ del Druidismo bisogna prima comprendere la societÓ celtica, la sua struttura e la sua mitologia.

I Druidi furono al tempo stesso molto di pi¨ e qualcosa di meno dei sacerdoti di una religione "druidica" o "celtica" come alcuni storici moderni li hanno dipinti.

Officianti, sacrificatori, e aruspici durante le cerimonie sacre, essi furono anche giudici, medici, maghi, poeti, rappresentando la vera memoria storica di un popolo che non utilizzava di fatto la scrittura.

I Druidi erano un'espressione viva e vitale della societÓ celtica primitiva, legati a filo doppio con quella particolare struttura sociale, e con lo spegnersi degli stati celtici indipendenti furono condannati a scomparire.

Per meglio capire questo concetto fondamentale bisogna rifarsi alla "ideologia tripartita" degli indoeuropei come sviluppata e mirabilmente analizzata da George DumÚzil.

Tutte le societÓ indoeuropee, all'inizio della loro storia, sono accomunate da una tripartizione della societÓ in tre funzioni. La prima, Ŕ la funzione sacrale della sovranitÓ, del sacerdozio e della giustizia. La seconda Ŕ la funzione guerriera, propria dei nobili e dei possidenti di terre o di bestiame. Nella terza, la funzione produttiva di beni materiali o spirituali, sono compresi i contadini, gli allevatori, gli artigiani e gli artisti.

Questo vale per gli Achei e i per Dori della Grecia, come per i Latini che fondarono Roma, per i Germani delle pianure del Nord come per i primi regni dell'Iran. Inoltre questa tripartizione delle tre funzioni principali, dalle societÓ si riflette anche nella mitologia e nelle religioni di tutti i popoli indoeuropei.

La maggior parte di questi popoli possiede una letteratura mitologica che descrive un pantheon di cinque divinitÓ, suddivise nelle stesse tre divisioni funzionali: RegalitÓ, Guerra, Produzione.

Nell'India antica dei Veda, Mithra e Varuna incarnano la sovranitÓ nelle sue due manifestazioni di "terribile potere giudicatore" e "paterno potere protettore". Indra rappresenta invece la forza guerriera, mentre due gemelli Ashvin rappresentano la proprietÓ e la ricchezza.

Presso gli antichi Latini troviamo la triade Giove, Marte e Quirino rappresentante le stesse tre funzioni.

In Grecia, Giove Athena e Apollo rivestono lo stesso ruolo e, nei tempi pi¨ antichi, si sacrificava tre volte nel nome di Athena: come Sovrana, come Vittoriosa, come Dispensatrice di salute e prosperitÓ, riportando cosý a cinque il numero delle divinitÓ principali.

Presso i Celti sotto vari nomi di divinitÓ tribali, si ritrovano le stesse funzioni. Taranis-Omigos-Dagda, simbolo della regalitÓ simbolizzato dalla ruota e dall'arpa. Belenos-Teutates sono due aspetti guerrieri cui si affianca Brigit dai molti aspetti (Morrigan la guerriera, Epona portatrice di fertilitÓ e protettrice degli animali, Brigit-Belisana protettrice di poeti e artisti). E infine Lug-Lev, dio delle arti e dei Mestieri, Signore dei Tuatha De Danann nella mitologia irlandese, diviene sul finire della civiltÓ celtica, il dio globale: artista medico e guerriero.

Tale fu dunque anche la struttura iniziale delle societÓ proto celtiche che si amalgamarono con i popoli di cultura megalitica giÓ residenti in Europa ai tempi del loro arrivo.

Da questa fusione nacque una diversificazione del tutto originale che marc˛ la differenza dei Celti dagli altri popoli di ceppi indoeuropeo.

I Druidi rappresentano dunque un caso unico nella storia dei popoli originatisi dal comune ceppo indoeuropeo. Espressione profonda e rappresentativa di uno spirito libero, legato alla natura, nel tempo si dimostrarono ad un tempo il principale e il pi¨ profondo legame tra le innumerevoli trib¨ celtiche, finendo inevitabilmente per scomparire quando questo tessuto sociale venne a mancare: in Europa continentale, con la perdita dell'indipendenza e con la progressiva romanizzazione delle principali nazioni celtiche, in Irlanda, molto pi¨ tardi con l'avvento del Cristianesimo.

Ovviamente, le loro conoscenze non andarono perse in un colpo solo, ma sbiadirono progressivamente. Con la scomparsa del suo ruolo centrale nella societÓ, il potere del Druido si scisse progressivamente nei due aspetti di semplice cantore e poeta, pi¨ o meno accettato dal potere cristianizzato, e in quello di mago dei boschi, ultimo custode di reminiscenze del sapere tradizionale, isolato ai confini della societÓ.

Ai tempi dello splendore della civiltÓ celtica, invece, ai Druidi corrispondeva una ben precisa connotazione di prestigio religioso e sociale simile a quella di altri popoli di origine indoeuropea. Tali ad esempio sono ancor oggi i Bramini tra gli ind¨, la cui figura risale ancora alle invasioni ariane dell'India, verso il secondo millennio avanti Cristo.

Al duplice ruolo sociale e religioso che li accomuna ai Druidi, i Bramini hanno per˛ aggiunto una diversificazione trasformando il loro ruolo in una casta ereditaria chiusa, mentre presso i Celti non esistevano caste, bensý ruoli funzionali, che permettevano pur sempre una certa libertÓ di mobilitÓ sociale da una funzione all'altra. Questo aspetto era ancora pi¨ accentuato presso i Druidi, che pur essendo principalmente gli insegnanti dei figli delle classi nobili, accettavano alle loro scuole itineranti qualsiasi ragazzo realmente dotato che desiderasse istruirsi.

       



SocietÓ e cultura    -    Preistoria e Storia   -    Insediamenti    -    Abitazioni    -    Religione    -    SpiritualitÓ    -    Druidi
Bardi    -   Guerrieri    -    Donna    -    Arte    -    Mitologia    -    Calendario    -    Lingue    -    Stonehenge    -    Megaliti    -    Cronologia
INDICE