Presentation   News Events   Archives    Links   Sections Submit a     paper Mail

FRENIS  zero 

Psicoanalisi applicata alla Medicina, Pedagogia, Sociologia, Letteratura ed Arte

  Home Frenis Zero

        

 

SPAZIO ROSENTHAL 

      

 

 

 

a cura di Laura Felici Montani 

 


 

 

 

            

Who was Tatiana Rosenthal?

 

  

 

 

Rivista "Frenis Zero" - ISSN: 2037-1853

Edizioni "Frenis Zero"

clicca qui per la ricerca nel sito/Search in the website
A.S.S.E.Psi. web site (History of Psychiatry and Psychoanalytic Psychotherapy ) 

 

A.S.S.E.Psi.NEWS (to subscribe our monthly newsletter)

 

Ce.Psi.Di. (Centro di Psicoterapia Dinamica "Mauro Mancia") 

 

Maitres à dispenser (Our reviews about psychoanalytic congresses)

 

Biblio Reviews (Recensioni)

 

Congressi ECM (in italian)

 

Events (art  exhibitions)

 

Tatiana Rosenthal and ... other 'psycho-suiciders'

Thalassa. Portolano of Psychoanalysis

 

PsychoWitz - Psychoanalysis and Humor (...per ridere un po'!)

 

Giuseppe Leo's Art Gallery

Spazio Rosenthal (femininity and psychoanalysis)

Psicoanalisi Europea Video Channel

A.S.S.E.Psi. Video Channel

EDIZIONI FRENIS ZERO

 

Ultima uscita/New issue:


"Essere bambini a Gaza. Il trauma infinito"

Authored by/autore: Maria Patrizia Salatiello                                     

 Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collection/Collana: Mediterranean Id-entities

Anno/Year: 2016

Pagine/Pages: 242 

ISBN:978-88-97479-08-6 

 

 

Psychoanalysis, Collective Traumas and Memory Places (English Edition)

Edited by/a cura di: Giuseppe Leo Prefaced by/prefazione di:              R.D.Hinshelwood                                      Writings by/scritti di: J. Altounian          W. Bohleber  J. Deutsch                            H. Halberstadt-Freud  Y. Gampel               N. Janigro   R.K. Papadopoulos                M. Ritter  S. Varvin  H.-J. Wirth

 Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collection/Collana: Mediterranean Id-entities

Anno/Year: 2015

Pagine/Pages: 330

ISBN:978-88-97479-09-3

 

"L'uomo dietro al lettino" di Gabriele Cassullo

 Prefaced by/prefazione di: Jeremy Holmes                                                         Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collection/Collana: Biografie dell'Inconscio

Anno/Year: 2015

Pagine/Pages: 350

ISBN:978-88-97479-07-9

Prezzo/Price: € 29,00

Click here to order the book

(per Edizione rilegata- Hardcover clicca qui)

 

 

"Neuroscience and Psychoanalysis" (English Edition)

Edited by/a cura di: Giuseppe Leo Prefaced by/prefazione di: Georg Northoff                                            Writings by/scritti di: D. Mann         A. N. Schore  R. Stickgold             B.A. Van Der  Kolk  G. Vaslamatzis  M.P. Walker                                                 Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero 

Collection/Collana: Psicoanalisi e neuroscienze

Anno/Year: 2014

Pagine/Pages: 300

ISBN:978-88-97479-06-2

Prezzo/Price: € 49,00

Click here to order the book

 

 

Vera Schmidt, "Scritti su psicoanalisi infantile ed educazione"

Edited by/a cura di: Giuseppe Leo Prefaced by/prefazione di: Alberto Angelini                                             Introduced by/introduzione di: Vlasta Polojaz                                                   Afterword by/post-fazione di: Rita Corsa

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana: Biografie dell'Inconscio

Anno/Year: 2014

Pagine/Pages: 248

ISBN:978-88-97479-05-5

Prezzo/Price: € 29,00

Click here to order the book

 

 

Resnik, S. et al.  (a cura di Monica Ferri), "L'ascolto dei sensi e dei luoghi nella relazione terapeutica" 

Writings by:A. Ambrosini, A. Bimbi,  M. Ferri,               G. Gabbriellini,  A. Luperini, S. Resnik,                      S. Rodighiero,  R. Tancredi,  A. Taquini Resnik,       G. Trippi

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana: Confini della Psicoanalisi

Anno/Year: 2013 

Pagine/Pages: 156

ISBN:978-88-97479-04-8 

Prezzo/Price: € 37,00

Click here to order the book

 

 

Silvio G. Cusin, "Sessualità e conoscenza"

A cura di/Edited by:  A. Cusin & G. Leo

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana/Collection: Biografie dell'Inconscio

Anno/Year: 2013 

Pagine/Pages: 476

ISBN:  978-88-97479-03-1

 Prezzo/Price: € 39,00

Click here to order the book

 

 

AA.VV., "Psicoanalisi e luoghi della riabilitazione", a cura di G. Leo e G. Riefolo (Editors)

 

A cura di/Edited by:  G. Leo & G. Riefolo

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana/Collection: Id-entità mediterranee

Anno/Year: 2013 

Pagine/Pages: 426

ISBN: 978-88-903710-9-7

 Prezzo/Price: € 39,00

Click here to order the book

 

 

AA.VV., "Scrittura e memoria", a cura di R. Bolletti (Editor)

Writings by: J. Altounian, S. Amati Sas, A. Arslan, R. Bolletti, P. De Silvestris, M. Morello, A. Sabatini Scalmati.

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana: Cordoglio e pregiudizio

Anno/Year: 2012 

Pagine/Pages: 136

ISBN: 978-88-903710-7-3

Prezzo/Price: € 23,00

Click here to order the book

 

 

AA.VV., "Lo spazio  velato.   Femminile e discorso psicoanalitico"                             a cura di G. Leo e L. Montani (Editors)

Writings by: A. Cusin, J. Kristeva, A. Loncan, S. Marino, B. Massimilla, L. Montani, A. Nunziante Cesaro, S. Parrello, M. Sommantico, G. Stanziano, L. Tarantini, A. Zurolo.

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana: Confini della psicoanalisi

Anno/Year: 2012 

Pagine/Pages: 382

ISBN: 978-88-903710-6-6

Prezzo/Price: € 39,00

Click here to order the book

 

AA.VV., Psychoanalysis and its Borders, a cura di G. Leo (Editor)


Writings by: J. Altounian, P. Fonagy, G.O. Gabbard, J.S. Grotstein, R.D. Hinshelwood, J.P. Jimenez, O.F. Kernberg,  S. Resnik.

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana/Collection: Borders of Psychoanalysis

Anno/Year: 2012 

Pagine/Pages: 348

ISBN: 978-88-974790-2-4

Prezzo/Price: € 19,00

Click here to order the book

 

AA.VV., "Psicoanalisi e luoghi della negazione", a cura di A. Cusin e G. Leo
Psicoanalisi e luoghi della negazione

Writings by:J. Altounian, S. Amati Sas, M.  e M. Avakian, W.  A. Cusin,  N. Janigro, G. Leo, B. E. Litowitz, S. Resnik, A. Sabatini  Scalmati,  G.  Schneider,  M. Šebek, F. Sironi, L. Tarantini.

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana/Collection: Id-entità mediterranee

Anno/Year: 2011 

Pagine/Pages: 400

ISBN: 978-88-903710-4-2

Prezzo/Price: € 38,00

Click here to order the book

 

"The Voyage Out" by Virginia Woolf 

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

ISBN: 978-88-97479-01-7

Anno/Year: 2011 

Pages: 672

Prezzo/Price: € 25,00

Click here to order the book

 

"Psicologia dell'antisemitismo" di Imre Hermann

Author:Imre Hermann

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero 

ISBN: 978-88-903710-3-5

Anno/Year: 2011

Pages: 158

Prezzo/Price: € 18,00

Click here to order the book

 

"Id-entità mediterranee. Psicoanalisi e luoghi della memoria" a cura di Giuseppe Leo (editor)

Writings by: J. Altounian, S. Amati Sas, M. Avakian, W. Bohleber, M. Breccia, A. Coen, A. Cusin, G. Dana, J. Deutsch, S. Fizzarotti Selvaggi, Y. Gampel, H. Halberstadt-Freud, N. Janigro, R. Kaës, G. Leo, M. Maisetti, F. Mazzei, M. Ritter, C. Trono, S. Varvin e H.-J. Wirth

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

ISBN: 978-88-903710-2-8

Anno/Year: 2010

Pages: 520

Prezzo/Price: € 41,00

Click here to have a preview 

Click here to order the book

 

 

"Vite soffiate. I vinti della psicoanalisi" di Giuseppe Leo 

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Edizione: 2a

ISBN: 978-88-903710-5-9

Anno/Year: 2011

Prezzo/Price: € 34,00

Click here to order the book

OTHER BOOKS

"La Psicoanalisi e i suoi confini" edited by Giuseppe Leo

Writings by: J. Altounian, P. Fonagy, G.O. Gabbard, J.S. Grotstein, R.D. Hinshelwood, J.P. Jiménez, O.F. Kernberg, S. Resnik

Editore/Publisher: Astrolabio Ubaldini

ISBN: 978-88-340155-7-5

Anno/Year: 2009

Pages: 224

Prezzo/Price: € 20,00

 

"La Psicoanalisi. Intrecci Paesaggi Confini" 

Edited by S. Fizzarotti Selvaggi, G.Leo.

Writings by: Salomon Resnik, Mauro Mancia, Andreas Giannakoulas, Mario Rossi Monti, Santa Fizzarotti Selvaggi, Giuseppe Leo.

Publisher: Schena Editore

ISBN 88-8229-567-2

Price: € 15,00

Click here to order the book

 

Presentazione della curatrice 

 

Spazio Rosenthal:perchè?

 Perché aprire uno spazio alla specificità della ricerca delle psicoanaliste ?


Ci sono molte ragioni: ne indicherò qui solo alcune, lasciando alle colleghe lo spazio per indicarne altre.

Confrontata alla crisi attuale che attraversa la divisione dei territori sessuati – maschile femminile - la psicoanalisi sembra mantenere una posizione apparentemente salda, una sorta di neutralità in merito, imponendo   di fatto un sistema  di pensiero che va al di là delle diversità, delle società e dell’evoluzione culturale, eccezion fatta per la ricerca spesso dimenticata o messa ai margini di quelle psicoanaliste che hanno mesto al centro   della loro riflessione la questione del sessuale femminile. 

Infatti  quel che Freud (1925a;1931;1932), diceva delle donne, quello che Winnicott (1987) diceva delle donne,  quello che Lacan (1972-73) diceva delle donne, non ha convinto del tutto le donne analiste. Le donne analiste hanno ricercato, spesso in solitudine, prima degli anni’60, poi in una rete di ‘comuni sensi’ sempre più allargata, al di là e oltre le enunciazioni che hanno fondato una psicoanalisi dove la donna si  può leggere via via sotto il titolo di un maschietto castrato o di un dispositivo  psichico articolato in un’unica funzione, quella materna, o infine,  accontentarsi, non senza una qualche soddisfazione  (non priva di una certa ironia), di essere il Grande Altro, quello che l’apparato teorico speculare di questi grandi analisti, non è riuscito a cogliere ed eccede la teoria.

Figure del femminile in definitiva, quelle di cui sopra, oltre le quali le donne analiste hanno continuato a ricercare, avvertendone, nella stanza d’analisi, quanto le silhouette che andavano a configurare stringessero il loro pensiero come un busto e ne accorciassero il respiro. La ricerca comunque è stata e rimane insatura, (forse altrimenti non sarebbe ricerca) e perché emergano nuovi pensieri è necessario tenere conto di quanto peso abbiano avuto, sul lavoro e nella mente delle analiste donne, quelle figure, per così dire classiche, che è molto difficile abbandonare. Il nuovo non si costruisce infatti scollandosi e separandosi da quanto lo ha preceduto, anzi potremo dire che nessuna sincronia è possibile senza una diacronia. Pertanto, in questo ricercare delle analiste donne, che non si accontenta di risposte troppo forti che limitino e facciano da diga al libero sgorgare del pensiero al lavoro,  lo spazio  Rosenthal  si apre   per accogliere  tutto ciò che emerge come nuovo nella stanza d’analisi, nel doppio senso di ciò che affiora, come inedito, ma anche come ciò che, a viva voce, chiede di essere ascoltato come un’emergenza del dolore: quel dolore intraducibile che una ragazza di sedici anni è comunque riuscita ad esprimere lapidariamente nel modo seguente: <<Essere donna è così difficile che solo le donne ci riescono>>[Ludovica, Liceo Margherita di Savoia da "Un secolo di donne, 1908-2008. Il tuo pensiero sui muri di Roma".   (Comune di Roma)] .

Ma non solo.

Questo spazio  mantenendosi aderente  al progetto che ha strutturato Id-entita mediterranee, si apre per accogliere anche quanto  le analiste, utilizzando il metodo analitico per confrontarsi con il disagio   contemporaneo,  vanno sperimentando   in una zone di confine.  Zone  segnate di sconvolgimenti traumatici diversi che vanno  dagli stravolgimenti naturali che percorrono il pianeta,   a quelle  dei conflitti, che  sotto il titolo di  guerre  di "religione"  o "interventi umanitari", lo insanguinano  devastando non solo i corpi ma anche e soprattutto  anime. 

 Come mostra  la comparsa di una loi foularderie  varata in Francia,  c'è un luogo simbolico ( intorno a cui si  levano comunque conflitti armati), che non può non essere interrogato  oggi dalle psicoanaliste  e che insieme le interroga: il velo femminile e  le pratiche discorsive e metaforiche animate dal gesto di velare, svelare e rivelare.

Duplicità e ambivalenza sono costitutivi del velo. Esso rinvia  alternativamente e contemporaneamente, al vedere-attraverso, al baluginìo dell'intravedere e all'oscurità dell'enigma, alla nudità disvelata della verità (nuda Veritas) e alle apparenze ingannevoli o ai segreti dietro cui si cela la natura (i famosi veli di Maya o di Iside). Evoca il desiderio di possesso e la presa di distanza; la purezza e l'erotismo; i canoni tanto del pudore quanto della seduzione femminile (la danza dei sette veli di Salomé (per la quale il Battista perse la testa). Associato sia alla sacralità sia alla profanazione, il velo richiama la violenza sull'altro («sciogliere i sacri veli di Troia» è il sogno di Achille che assimila l'abbattimento delle mura della città allo stupro).  Il velo, la sua semantica e la sua storia si prestano ad una  ricerca,  quella aperta dallo spazio Rosenthal,   che porta a incrociare la questione dell'origine e della verità, del femminile e del fantasma di castrazione, della sessualità e della violenza, in una zona di confine tra l'immaginario, il simbolico e il reale.

 

Gli articoli dello Spazio Rosenthal: 

"La psicoanalisi ha bisogno del femminismo?" di Malgorzata Sacha(dicembre 2016)

"Perduta nella vasca d’ombre. Amelia Rosselli traduce Sylvia Plath" di Rita Corsa (aprile 2016) 

"Uno sguardo attraverso: M/Other " di Laura Felici Montani (marzo 2016)

"Le famiglie di Freud. Jane McAdam Freud e gli analisti di oggi: discendenza tra libertà psichica e 'lealtà'" di Luca Trabucco (Ia parte)

"Le famiglie di Freud. Jane McAdam Freud e gli analisti di oggi: discendenza tra libertà psichica e 'lealtà'" di Luca Trabucco (IIa parte)

Recensione di Laura Felici Montani de "L'amore molesto" di Elena Ferrante (feb. 2015)

Recensione di Laura Montani del libro "Il sonno della ragione. Saggi sulla violenza"(gen. 2015)

Recensioni di Laura Montani (dic. 2014)

"Incroci micropolitici" di Michel Peterson

"Pensiero Femminile" di Lidia Tarantini 

"L'autunno tunisino tra delusione e speranza" di Lidia Tarantini

"Ritornare agli avi per ritrovare  giovinezza e spirito di lotta" di Janine Altounian

"Bion e il mito" di F. Amione e A. Cusin 

"Lettera da Istanbul" di Bella Habip 

 

"Sublime  Negativo" di Laura Montani

 

"La persona dell'analista nei passaggi istituzionali" di Laura Montani

 

"Le emozioni di un incontro con un soccorritore" di Ambra Cusin

 

"Primavera tunisina" di Lidia Tarantini

 

"Il corpo della psicoanalisi" di Laura Montani

"Lo sguardo della spettatrice" di Laura Montani

 

"Cara Sabina ti scrivo su ... A Dangerous Method"

"Una fantasia di gravidanza maschile" di Laura Montani

"Violenti nei panni delle vittime" di Vittorio Lingiardi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E' uscito il libro

LO SPAZIO VELATO. FEMMINILE E DISCORSO PSICOANALITICO

a cura di Laura Montani e Giuseppe Leo

 E' l'ultimo libro uscito dalle Edizioni Frenis Zero, come coronamento del lavoro svolto da LAURA MONTANI (psicoanalista, membro ordinario della S.P.I.) come curatrice dello "SPAZIO ROSENTHAL", uno spazio di riflessione psicoanalitica sul femminile aperto nella rivista Frenis Zero. 

Writings by: A. Cusin, J. Kristeva, A. Loncan, S. Marino, B. Massimilla, L. Montani, A. Nunziante Cesaro, S. Parrello, M. Sommantico, G. Stanziano, L. Tarantini, A. Zurolo.

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana: Confini della psicoanalisi

Anno/Year: 2012 

Pagine/Pages: 382

ISBN: 978-88-903710-6-6

Prezzo/Price: € 39,00

Presentazione:

Il libro, nato dallo "Spazio Rosenthal", uno spazio curato da Laura Montani sulla rivista di psicoanalisi Frenis Zero, propone contributi di riflessione psicoanalitica sul femminile. Il libro, dopo la prefazione di Laura Montani, si divide in  cinque sezioni. La sezione LA TRASMISSIONE DEL FEMMINILE comprende i contributi di Anne Loncan, di Simona Marino, di Adele Nunziante Cesaro e di Giuseppe Stanziano, e di Anna Zurolo. La sezione IL DESIDERIO FEMMINILE NEL DISCORSO PSICOANALITICO  annovera due  testi di Laura  Montani.  La sezione  MATERNITA'  E FEMMINILE comprende i testi di Julia Kristeva, Barbara Massimilla, Santa Parrello, e Massimiliano Sommantico. La sezione  CINEMA E  FEMMINILE  raccoglie  un contributo di  Laura  Montani ed  un'intervista di  Barbara  Massimilla  a  Francesca  Comencini.  Infine,  la sezione TRAUMI  SOCIALI E FEMMINILE  raccoglie due testi di Ambra  Cusin e di  Lidia  Tarantini.

Un'anteprima limitata del libro sarà a breve presente su Google Books:

 

Per ordinarlo cliccare su  oppure su amazon.com

 

 
 
 
 
   

 

 

 

 I video dello Spazio Rosenthal:

 

   

Recensioni dello Spazio Rosenthal:

 
 

 

 

Autori e curatori
Contributi
Chiara Cattelan, Angelique Costis, Fausta Ferraro, Manuela Fraire, Amalia Giuffrida, Marina Malgherini, Diomira Petrelli, Rossella Pozzi, Maria Stanzione, Gabriela Tavazza, Gemma Trapanese
Collana
Livello
Testi per psicologi clinici, psicoterapeuti
Dati
pp. 316,   2a ristampa 2012,    1a edizione  2012   (Codice editore 1422.22)

 
Tipologia: Edizione a stampa
Prezzo: € 38,00
Disponibilità: Buona
Codice ISBN: 9788820400996

 

 

Recensione di Laura Montani.

 

 

Non si può oggi  più prescindere, per quanto riguarda la psicoanalisi, dal lavoro di decostruzione

 delle psicoanaliste  per quanto concerne la questione del desiderio femminile all’interno 

della/delle teorie  psicoanalitiche. In parallelo sappiamo che il  gender è stato fatto e disfatto dalle

 pratiche discorsive che hanno impegnato intorno a questo tema tutti gli orizzonti disciplinari, 

nessuno escluso, ma in modo particolare la psicoanalisi e la filosofia, da parte di studiose che lo 

hanno interrogato, riferendosi comunque, soprattutto  alla psicoanalisi.

Nasce dunque, anzi è nato, nel corso del tempo un lavoro su e nel pensiero psicoanalitico che ha permesso l’uscita di un testo singolare come quello che presentiamo nello spazio Rosenthal, e 

non a caso, proprio in questo spazio.

Il titolo  Psicoanaliste è un’asserzione forte di esistenza. Il sotto titolo: il piacere di pensare, è la conseguenza di questa asserzione.

Così, secondo una  specifica cifra di riconoscimento/rispecchiamento, Amalia Giuffrida rilegge 

Lou A. Salomé, Manuela Fraire Melanie Klein, Marina Malgherini Sabina Spielrein, Gemma 

Trapanese Anna Freud, Gabriela Tavazza Margaret Mahler, Patrizia Cupelloni Paula Heimann,

 Diomira Petrelli Marion Milner, Maria Stanzione Margaret Little, Chiara Cattelan Frances 

Tustin, Lika  Costis Piera Aulagnier, Rossella Pozzi Janine Chasseguet-Smirgel, Fausta Ferraro

 Joyce McDougall.

 

 Ma non tutte le psicoanaliste sono state avventurosamente  coinvolte, come Lou Salomé, nella 

sfida psicoanalitica: come  sfida, infatti, la psicoanalisi si poneva ai tempi del suo nascere, e Lou 

Salomé si è trovata ad esercitare il diritto di pensare e il piacere immenso che ne consegue, in 

base a una serie di complesse circostanze, tra cui non ultima la grande amicizia con Freud e con 

la figlia Anna,  e   non per tutte il diritto di pensare fu concesso pacificamente dalla comunità 

analitica, come sappiamo dalla storia di M Klein, che M. Fraire rilegge, o da quella  di P. Aulagnier presentata da A. Costis.

Se  l’essenza dell’abitare consiste in una questione etica, come vuole Heidegger, e l’abitare può 

essere considerato una metafora attiva dell’aver-cura, tutte le analiste che hanno scritto insieme 

questo testo insolito si sono prese cura della psicoanalisi   e, oltre  ad  un lavoro “genealogico” in

 senso stretto, ci hanno offerto un lavoro etico.

Lo spazio psicoanalitico emerge, nei vari contributi, veramente “abitato“ dalle psicoanaliste del 

passato, che lo hanno reso libero per i pensieri delle analiste del presente.

Il diritto di pensare, duramente conquistato dalle analiste  di ieri, rende possibile il piacere di 

pensare delle analiste del presente: il debito, che questo testo implicitamente paga, è questo.

Questa è l’assoluta'  novità di questo testo,  dove il dialogo è possibile sulla scorta di una scelta 

di piacere e di un riconoscimento di appartenenza e di discendenza implicito nel pensiero di ogni 

singola analista che ha scelto l'altra, facendola emergere dal passato per riportarla nel presente 

vivo del proprio  personale pensiero al lavoro. Ma la novità non consiste solo in questo pur 

significativo gesto che riguarda, per ciascuna delle  autrici, la scelta di un'analista del passato, ma  soprattutto nell'evidente piacere di pensare insieme,   in un gesto di comunione inedito che 

riconosce la validità del pensiero dell’altra, delle altre, dando una sua propria, direi morbida 

piegatura all’equazione inconscia sapere/potere e la flette verso il senso di “potere/ pensare” o, se vogliamo, verso un’altra piegatura, meno morbida e più assertiva: “il diritto di pensare”. Ma non 

c’è diritto senza riconoscimento dell’altro. Il diritto di pensare, duramente conquistato dalle 

analiste del passato, rende possibile il piacere di pensare delle analiste del presente: il debito, che 

questo testo implicitamente paga, è questo.

Esso inaugura un metodo:  stare insieme, pensare insieme, pur mantenendo ciascuna  autrice la 

propria singolarità.

Questo confronto  con  l’altra, per ritornare a sé, è il filo rosso che dà unità compositiva al testo e anima l’incontro  di ciascuna analista  con un’interlocutrice privilegiata, scelta  in base a  un proprio senso di appartenenza a una genealogia interna, luogo di fondazione e di discendenza. Un vero e proprio lavoro di trasmissione  dunque, in cui ciascuna analista trasmette alla comunità scientifica non solo il proprio lavoro teorico-clinico, ma la cifra di questo lavoro, il piacere di pensare, appunto,  inequivocabilmente tracciato  dalla passione del femminile, oltre che da quella per la ricerca: un pensiero  al lavoro  sulla coppia  femminile –donna in psicoanalisi, che, evidentemente, non cessa di interrogare l’orizzonte epistemico della nostra disciplina.

La diacronia che è stata scelta, oltre  al racconto del farsi del pensiero  della  studiosa prescelta in 

cui rispecchiarsi e riflettere/riflettersi,  mette in scena come, nel corso  del tempo, il pensiero  di 

ciascuna analista si sia dovuto confrontare  non solo con  le lotte e gli scontri  che hanno infuriato

 nella comunità psicoanalitica, ma soprattutto tra loro, proprio loro le analiste,  come tali, sempre

 l’una  contro l’atra, nonostante apparenti momenti di  “sororanza”, subito ringhiottiti dal conflitto.

 Credo che questo essere insieme, come analiste e proprio in quanto tali, accettando le proprie 

diversità e le proprie filiazioni senza contrapporle, faccia parte del piacere di pensare che la 

lettura di questo testo intensamente comunica.   Non  ci troviamo però di fronte a  una  “storia 

della psicoanalisi  al femminile, come la curatrice fa notare sobriamente, ma a  una qualità   altra

rispetto a una possibile definizione di genere. Tutti i lavori  presenti in “Il piacere di pensare”,  

 sono  certamente la polifonia di un pensiero femminile al lavoro,  ma si muovono, ciascuno a 

suo modo e con un proprio stile.   Ciascuna autrice in fondo affronta con passione e coraggio, 

la storia stessa della psicoanalisi, al di là del genere e, se  svela  come la stessa epistemologia psicoanalitica sia andata trasformandosi sotto la forza del pensiero di M. Klein, di  P. Aulagnier e 

delle altre pensatrici qui convocate  e rilette, ciò accade al di là della contrapposizione maschile/

femminile, ma emerge di per sé, come un “fatto scientifico“, certamente non neutro, nel momento

in cui, secondo una propria inclinazione, un proprio modo d’essere, ciascuna analista  di oggi, 

a partire da sé, restituisce attraverso la propria scrittura il debito che sente verso  la propria 

genealogia personale  e lo esplicita chiaramente.

 

BIBLIOGRAFIA:

 

 

J. Buttler, La disfatta del genere, Meltemi editore, 2006.

         M.Fraire, Arte del fare e del disfare, “Lapis”, 28 pp.11-14, 1995.

 Lou Salome, La Materia erotica, Edizioni delle donne, 1979.

 

 M . Heidegger,  L’arte e lo Spazio, Il melangolo, Genova 1997.

 

M. Heidegger, “Poeticamente abita l’uomo”, e “Costruire, Abitare, pensare”.  in "Saggi e 

discorsi", Mursia, Milano 1991.

 

P. Cupelloni ,“Plasma germinale”, generi e generazioni dentro l’urgenza della vita, in

 "Generi e generazioni. Ordine e disordine delle identificazioni“,  Franco Angeli, Milano 2008.  

     E. Lévinas, Dall’esistenza all’esistente, Marietti.        

    E. Lévinas, Il tempo e l’altro, Il melangolo.           

 

 

 

 

 

Post del 13.12.2013: E' morta Luciana Sica, giornalista di Repubblica molto vicina alla psicoanalisi. Ecco un ricordo di Laura Felici Montani:

<<La scorsa notte è venuta a mancare dopo una breve e fulminante malattia, Luciana  Sica. La voglio ricordare come l’ho conosciuta: un viso sottile da ragazza, gli occhi vivi e attenti, Luciana  Sica. Avrebbe compiuto sessant'anni il prossimo 16 gennaio.  La psicoanalisi - i suoi articoli  sempre puntuali nell’interrogare il destino della disciplina,sono stati quello che ci ha unito nei nostri brevi, intensi incontri, dove una simpatia reciproca, forte, intensissima, non ha dato seguito a una vera amicizia, per i percorsi accidentati delle nostre vite, simili però nella passione per la conoscenza e il rifiuto dei dogmi disciplinari che, nonostante ciò avrebbero condotto  lei a riconoscimenti prestigiosi come il premio Musatti, a coronamento del  suo incontro con la psicoanalisi.  Sua passione privata, mai  tradotta in passione professionale. La passione per la psicoanalisi nasceva in Luciana da una più vasta curiosità,  da un ‘ansia di conoscere  che dette il via a un lungo colloquio con i classici e con le più rilevanti personalità del mondo psicoanalitico internazionale. Si deve a lei un "Manifesto in difesa della psicoanalisi", sulle pagine de La Repubblica, che aprì un percorso di riflessione tra analisti di varie scuole, sfociata nel recente volume einaudiano Salvate il dottor Freud. .I funerali di Luciana Sica saranno celebrati domani, sabato 14 dicembre, alle ore 14, nella Basilica di Santa Maria in Trastevere a Roma.  E che la terra le sia lieve, come molti miei colleghi  a cui mi unisco le hanno augurato>>.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   
   
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
   
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

Responsabile Editoriale : Giuseppe Leo

Copyright - Ce.Psi.Di. - Edizioni "FRENIS ZERO" All right reserved 2004-2005-2006-2007-2008-2009-2010-2011-2012-2013-2014-2015-2016-2017