I Ceci di Cicerale

Le grandi idee nascono sempre da soluzioni semplici sotto gli occhi di tutti ma che solo uno riesce a vedere. Sulle colline coperte di macchia mediterranea di Agropoli, lì dove finisce la strada, abbiamo pensato che per far conoscere e visitare il nostro paese sarebbe stato sufficiente dare un senso allo stemma comunale: "La terra che il cece preferisce" recita la scritta in latino attorno alla piantina di ceci. Qualche anno fa l'amministrazione presieduta da Mimmo Corrente, prima ancora che fossero istituite le denominazioni di origine comunale, ha approvato un severo disciplinare di produzione che impone la coltivazione biologica certificata Aiab e che vieta l'irrigazione. Un po' di promozione attraverso la fiera nazionale del biologico Cilento Delizie allestita nei vicoletti della frazione Monte Cicerale e il risultato è arrivato: il prezzo al chilo è passato da 1,2 euro nel 1996 ai 6,5 di quest'anno, la produzione è aumentata da 1,5 a 50 quintali.
Delizie per gli occhi e per il palato all'insegna del mangiar sano, nella grande rassegna del biologico che da molti anni si svolge nel paese dei ceci: dall'11 al 13 agosto il borgo seicentesco di Montecicerale fa da sfondo alla Fiera nazionale «Cilento Delizie». Vicoli e piazze, portoni e scalinate si trasformeranno per l'occasione in suggestive botteghe artigianali.
Promuovere i prodotti enogastronomici di altissima qualità è l'obiettivo che, fin dall'avvio della kermesse, è stato centrato dallo staff organizzativo coordinato dall'amministrazione comunale, il quale ha inteso puntare sulle nuove frontiere dell'alimentazione attraverso la genuinità dei prodotti. In pochi anni la manifestazione di Cicerale si è guadagnata una notevole visibilità a livello nazionale, divenendo un appuntamento cult del settore biologico. Quest'anno la kermesse ospiterà circa ottanta aziende, tra le più note a livello nazionale e le più significative in ambito locale.
Tante le prelibatezze salernitane, tra cui ci saranno naturalmente i celebri ceci di Cicerale, ma anche i fagioli di Controne, le alici della menaica, le cipolle biologiche di Vatolla, miele e marmellate, cioccolateria, salumi artigianali, il carciofo di Paestum Igp, mozzarella di bufala e formaggio di capra, la nocciola tonda di Giffoni Igp, i fichi bianchi del Cilento, frutta secca, castagne, liquori, olio extravergine e sette aziende vitivinicole aderenti alla "Strada del vino" della comunità montana Alento Montestella. Prestigiose le presenze di livello nazionale con tartufi, vini astigiani e peperoncino calabrese.
Quest'anno "Cilento Delizie" dedicherà uno spazio notevole anche all'artigianato di qualità, ospitando numerosi artigiani. La manifestazione, organizzata dal comune di Cicerale, si avvale del supporto della comunità montana Alento Montestella, della Provincia di Salerno e del Parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano.
Pochi sanno che a valle, a dieci chilometri dai templi di Paestum, nel territorio comunale è nata un'area con 50 aziende tra cui alcune del calibro di Mistral, Jonhson Control, Vernil, Coelin: non è però il sogno industriale a proiettare Cicerale nella modernità, ma il suo piccolo legume, antichissima cultivar tipica molto diversa da quella di uso comune. Il Cilento vanta così almeno due uscite dal tunnel delle scatolette d'alluminio in cui siamo finiti: a Controne per i fagioli e a Cicerale per i ceci. Qualche anno indietro, dopo l'approvazione del disciplinare, il Comune regalò ai contadini i semi e il fertilizzante biologico: fu così che il cece, sicuramente coltivato in queste colline sin dall'anno Mille perché di questo ci sono tracce documentali certe, è diventato nuovamente il protagonista del paese a cui da il nome. Dove comprare? Siccome si tratta di piccoli coltivatori, la strada migliore per trovarli è attraverso il Comune: basta telefonare ai numeri 0974.834021 o 0974.834455. Per un contatto ci si può collegare al sito www.comune.cicerale.sa.it .Un'altra strada è rivolgersi agli agriturismi del paese, che li coltivano. Accidenti, non ho spiegato quanto facciano bene i ceci, ma l'occasione più valida per mangiare questi di Cicerale è venire da noi ad assaggiarli. In attesa del riconoscimento Igp sono già in aumento le richieste di ceci di Cicerale. Presto, dunque, il prezioso legume dal quale prende il suo nome la cittadina cilentana, si potrà fregiare del marchio che ne garantirà la qualità. Come trovarci? Facile: Lasciare l'autostrada Salerno-Reggio uscita Battipaglia, proseguire in direzione Agropoli. Dopo Paestum, lasciare la statale all'uscita per Ogliastro cilento - Giungano - Cicerale. Proseguire in direzione di Ogliastro cilento lungo la Statale 18 seguendo l'indicazione Cicerale. Montecicerale è la prima frazione.


                                                                       
                                                                                       Gioia Simone

Per vendita diretta Ceci di Cicerale contattare:
Cooperativa agricola
"TERRA CILENTANA"
Via Roma n. 62 - 84053 Cicerale (Salerno)
Tel. 0974.834341 Cell. 320.9776908    338.3927658


Programma "Linea Verde" a Cicerale 09.11.2005
(Clicca sulle foto per ingrandirle)

Scarica il documento "Il cece di Cicerale ad un passo dall' IGP"

Ciceralecilento.it - Redazione Via Roma 79
84060 Montecicerale (SA)
Tel. 0974.834433 Cell. 328.8261392
E-Mail: gioia.m@tiscali.it