Proverbi

Chi vuole vivere e star bene prende il mondo come viene.

L'amico nunn' conusciuto fino a ch nunn' perduto.

No lass mai lo pane certo , p l'oro ngerto.

Chi troppo vole mangi, arriva lo tiempo c rimane riuno.

Chero ca succere a l'ati , te pote sembe mbar cocche cosa.

Chi troppo s'avanda, vene lo tiempo ca face brutte fiure.

N cerc mai re par chero ca n ss.

Chi tene pacienza arriva sembe a ddo chi non ng mai arrivato.

Spisso li uai re l'ati te mbarano a camb.

Chi no s'accontenta re chero chi uno tene, spisso perde pure chero.

Come la creta, accuss veneno l pignatielli.

Pe cummann ng vole lo capo co lo cerviello bbuono.

Non t fir re chi te mena porvere inda l'uocchi, te vole ver cecato.

Non penz ca la croce toa la cchi pesante,, ngenne so cruci assai cchi pesanti.

Na cosa perde cocche cosa, ma n la vita.

Si fai bbene pe esse ringraziato, ai voglia r'aspett.

Quanno ti viri perduto, aspetta lo momento bbuono ca quasi sicuro vene.

Si pierdi cocche cosa non te resper, ca tanto tutto cc lassa.

Pure c poco non te lo fa sfuie, ca gi sicuro.

Co lo lev e n mette, pure l grano r faraone fernette.

Le cose longhe addevendano sierpi.

Chi tene assai fretta meglio ca se assetta.

Na mamma mantene ciendo figli e ciento figli non manteneno na mamma.

Pe fa na cosa grande nge vole lo stesso tiembo ca si la fai malamente.

P n fa trase mosche mmocca la vocca adda st chiusa.

Viata chera rapa ca lo mese rausto nata.

Lo pataterno non se vaie a curc si n mette le cose a posto.








Leggende Ciceralesi

Ciceralecilento.it - Redazione Via Roma 79
84060 Montecicerale (SA)
Tel. 0974.834433 Cell. 328.8261392
E-Mail: gioia.m@tiscali.it