Home

Chi siamo

Biofilmografia

Opere Video

Artisti

Scritti

Interviste

Web Indipendente

Cinema e diversitÓ

Arte della visione
Testimonianze
Una rete di corti
Videocamere

Contatti

Ringraziamenti

Link


Forum
DiarioNaufrago




 

 


Il cinema "straccione" e l'isola di Utopia.


 

 

Nel 1997 pubblica, per la Casa Editrice Samizdat - collana idee di libertÓ (Via Messina 32, 65100 Pescara) 


Il cinema "straccione" e l'isola di Utopia.

Cinema del pensiero laterale, esperienza di un cinema possibile. 

(pagg.122 L.14.000).


Il libello Ŕ un resoconto personale fatto di tracce, proprie testimonianze e citazioni tratte dai grandi Autori del cinema d'arte, fratello maggiore del cinema povero, non ufficiale, marginale, sotterraneo che at/traversa la nostra cultura. 

Il cinema "straccione" Ŕ terra di rivolta, di innovazione, luogo dell'esperimento.

E' periferia dell'arte dove artisti si ritrovano per riunire le loro forze in un progetto anti-industriale.

La rivolta del cinema "straccione" sta nel non prostituirsi, non si preoccupa di essere di successo, minando appunto le fondamenta del cinema industriale/mercantile/commerciale.

E' il tentativo, quasi infantile, di contrastare la produzione commerciale, molto potente ma poco disposta ad osare e quindi nonostante tutto, ritenuta fragile.

A voi lettori spetta aprire gli occhi al di lÓ dello schermo bianco del cinema.

AGLI AUTORI IL TENTATIVO DI OSARE.

 

 (Tratto dal quarto di copertina del libro, in vendita in tutte le librerie oltre che ordinabile presso l'editore fab.pal@libero.it Tel. 0871/402573 o su Internet sul sito www.unilibro.it.)

 

Hanno scritto...... http://www.anarca-bolo.ch/a-rivista/248/14.htm

 


Lo sguardo liberato.


 a cura di Roberto Chiesi

 

Nel 1999 un suo intervento dal titolo "Cinema e Utopia. L'isola che c'Ŕ. - quell'insopprimibile bisogno di libertÓ" Ŕ pubblicato sul libro "Lo sguardo liberato - itinerari di una federazione di cinema indipendente" a cura di Roberto Chiesi, caporedattore della rivista CartediCinema (Edizioni Manent - Firenze, pagg. 318 L. 34.000).