Provincia di Lecce

 


Visita i Comuni
  1) Acquarica del Capo
  2) Alessano
  3) Castrignano del C.
  4) Gagliano del Capo
  5) Gallipoli
  6) Morciano di Leuca
  7) Nardo'
  8) Patù
  9) Presicce
10) Salve
11) S.M. di Leuca
12) Trepuzzi
13) Ugento

 

 
 
 
La città di Lecce fu fondata, secondo la leggenda, almeno un secolo prima della guerra di Troia da Malennio, re dei Salentini, discendente da Minosse. La collocazione geografica della penisola salentina ha sempre favorito le immigrazioni dei popoli provenienti dalle vicine coste dei Balcani e delle isole dell'Egeo. Vari ritrovamenti, infatti, confermano le prime immigrazioni egee nei secoli XIX-XVI a.C. Successivamente il Salento subì nel secolo VIII a.C. la colonizzazione laconica dalla quale originò la splendida Taranto. Le primitive popolazioni, appartenenti al ceppo illirico, furono dai laconi chiamate japigie, cioè discendenti da Japige, figlio di Dedalo, e questo col fine evidente di stabilire un'origine comune. In particolare furono detti Salentini e Messapici gli abitanti dell'attuale penisola salentina. Malennio avrebbe poi fondato Rudiae, pochi chilometri ad ovest di Lecce, di cui avanzano i ruderi con il tracciato di alcune vie e piazze, nonchè vasellame conservato nel museo cittadino.  Il poeta latino Quinto Ennio nacque a Rudiae. Dopo la sconfitta di Taranto al tempo della colonizzazione greca, Lecce passò sotto la dominazione dei romani che la fortificarono contro possibili attacchi provenienti dalla Macedonia. Fu l'imperatore Adriano che volle e costruì la via che congiungeva Brindisi a Lecce e quest'ultima al mare, segno dell'importanza che Lecce aveva assunto, sotto il profilo commerciale, al tempo. I resti di un anfiteatro, del periodo romano, capace di ospitare 25.000 spettatori e quelli di un teatro, sono ancora ammirabili nella città di Lecce. Altra testimonianza romana, a undici chilometri da Lecce sono i resti del porto Adriano a S.Cataldo dove, secondo gli storici, sarebbe sbarcato Ottaviano, reduce da Apollonia, diretto a Roma  per esservi incoronato imperatore. Viaggiando lungo la provincia ci si imbatte in cattedrali, santuari, castelli, chiese rupestri, cripte bizantine, borghi medioevali e cinte urbane, torri e masserie fortificate. Oggi è possibile osservare la testimonianza di civiltà passate grazie ai numerosi musei che rappresentano arti e tradizioni popolari del Salento, espongono vasi attici, apuli ed italioti, bronzi, terracotte, epigrafi romane e messapiche, armi e monete. Una Lecce da visitare, una Lecce da conoscere, ma anche una costa con splendide spiagge e scogliere con le sue località turistiche quali Gallipoli, Otranto, S.Maria di Leuca, S.Cesarea Terme, Porto Cesareo, Castro.