Presentation   News Events   Archives    Links   Sections Submit a     paper Mail

FRENIS  zero 

Psicoanalisi applicata alla Medicina, Pedagogia, Sociologia, Letteratura ed Arte

  Home Frenis Zero

        

 

 Frenis Zero  Publisher

 

Rosenthal Space / Spazio Rosenthal (a cura di / edited by Laura Montani) 

presents

       "VAGINAL VERITAS. Pensieri sulla Misoginia,  sulla Psicoanalisi, e sulla Democrazia"

 

 

 di Jill  Gentile

 

Jill Gentile è psicoanalista e psicologa clinica, professore associato al "NYU Postdoctoral Program" in Psicoterapia e Psicoanalisi, nonché analista di "training" e  supervisore all'" Institute for the psychoanalytic Study of Subjectivity" di New York.  Con Michael Macrone è co-autrice del libro  "Feminine Law: Freud, Free Speech, and the Voice of Desire" (Karnac, 2016).

Il presente articolo è stato originariamente pubblicato in  "Room" (giugno 2019). La traduzione in italiano è di Giuseppe Leo. 

      


 

            

 

 

  

   

 

Rivista "Frenis Zero" - ISSN: 2037-1853

Edizioni "Frenis Zero"

clicca qui per la ricerca nel sito/Search in the website
A.S.S.E.Psi. web site (History of Psychiatry and Psychoanalytic Psychotherapy ) 

 

A.S.S.E.Psi.NEWS (to subscribe our monthly newsletter)

 

Ce.Psi.Di. (Centro di Psicoterapia Dinamica "Mauro Mancia") 

 

Maitres à dispenser (Our reviews about psychoanalytic congresses)

 

Biblio Reviews (Recensioni)

 

Congressi ECM (in italian)

 

Events (our congresses)

 

Tatiana Rosenthal and ... other 'psycho-suiciders'

Thalassa. Portolano of Psychoanalysis

 

PsychoWitz - Psychoanalysis and Humor (...per ridere un po'!)

 

Giuseppe Leo's Art Gallery

Spazio Rosenthal (femininity and psychoanalysis)

Psicoanalisi Europea Video Channel

A.S.S.E.Psi. Video Channel

EDIZIONI FRENIS ZERO

 

Ultima uscita/New issue:

"Enactment in Psychoanalysis"

Edited by Giuseppe Leo & Giuseppe Riefolo

Writings by:   E. Ginot  J.R. Greenberg  J. Kraus  J.D. Safran

Publisher: Frenis Zero

Collection: Borders of Psychoanalysis

Year: 2019

Pages: 326

ISBN: 978-88-97479-15-4

Click here to order the book

 

"Infant Research and Psychoanalysis"

Edited by Giuseppe Leo

Writings by:   B. Beebe  K. Lyons-Ruth  J. P. Nahum  E. Solheim  C. Trevarthen   E. Z. Tronick     L. Vulliez-Coady

Publisher: Frenis Zero

Collection: Borders of Psychoanalysis

Year: 2018

Pages: 273

ISBN: 978-88-97479-14-7

Click here to order the book

 

"Fundamentalism and Psychoanalysis"

Edited by Giuseppe Leo

Prefaced by: Vamik D. Volkan

Writings by:   L. Auestad   W. Bohleber     S. Varvin  L. West

Publisher: Frenis Zero

Collection: Mediterranean Id-entities

Year: 2017

Pages: 214

ISBN: 978-88-97479-13-0

Click here to order the book

 

 

 

"Psicoanalisi, luoghi della resilienza ed immigrazione"

Edited by/a cura di:                    Giuseppe Leo                                       Writings by/scritti di:                           S. Araùjo Cabral,  L. Curone,               M. Francesconi,           L. Frattini,           S. Impagliazzo, D. Centenaro Levandowski, G. Magnani, M. Manetti,  C. Marangio,       G. A. Marra e Rosa,   M. Martelli, M. R. Moro,                        R. K. Papadopoulos,  A. Pellicciari,        G. Rigon,            D. Scotto di Fasano,   E. Zini, A. Zunino          

 Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collection/Collana: Mediterranean Id-entities

Anno/Year: 2017

Pagine/Pages: 372

ISBN:978-88-97479-11-6

 

"Psicoanalisi in Terra Santa"

Edited by/a cura di: Ambra Cusin & Giuseppe Leo                              Prefaced by/prefazione di:               Anna Sabatini Scalmati                Writings by/scritti di:                          H. Abramovitch  A. Cusin  M. Dwairy A. Lotem  M. Mansur M. P. Salatiello       Afterword by/ Postfazione di:            Ch. U. Schminck-Gustavus                 Notes by/ Note di: Nader Akkad

 Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collection/Collana: Mediterranean Id-entities

Anno/Year: 2017

Pagine/Pages: 170

ISBN:978-88-97479-12-3

 

 

"Essere bambini a Gaza. Il trauma infinito" 

Authored by/autore: Maria Patrizia Salatiello                                     

 Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collection/Collana: Mediterranean Id-entities

Anno/Year: 2016

Pagine/Pages: 242 

ISBN:978-88-97479-08-6 

 

 

Psychoanalysis, Collective Traumas and Memory Places (English Edition)

Edited by/a cura di: Giuseppe Leo Prefaced by/prefazione di:               R.D.Hinshelwood                                      Writings by/scritti di: J. Altounian       W. Bohleber  J. Deutsch                        H. Halberstadt-Freud  Y. Gampel           N. Janigro   R.K. Papadopoulos            M. Ritter  S. Varvin  H.-J. Wirth

 Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collection/Collana: Mediterranean Id-entities

Anno/Year: 2015

Pagine/Pages: 330

ISBN:978-88-97479-09-3

 

 

"L'uomo dietro al lettino" di Gabriele Cassullo

 Prefaced by/prefazione di: Jeremy Holmes                                                         Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collection/Collana: Biografie dell'Inconscio

Anno/Year: 2015

Pagine/Pages: 350

ISBN:978-88-97479-07-9

Prezzo/Price: € 29,00

Click here to order the book

(per Edizione rilegata- Hardcover clicca qui)

 

"Neuroscience and Psychoanalysis" (English Edition)

Edited by/a cura di: Giuseppe Leo Prefaced by/prefazione di: Georg Northoff                                            Writings by/scritti di: D. Mann               A. N. Schore R. Stickgold                   B.A. Van Der Kolk  G. Vaslamatzis  M.P. Walker                                                 Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collection/Collana: Psicoanalisi e neuroscienze

Anno/Year: 2014

Pagine/Pages: 300

ISBN:978-88-97479-06-2

Prezzo/Price: € 49,00

Click here to order the book

 

Vera Schmidt, "Scritti su psicoanalisi infantile ed educazione"

Edited by/a cura di: Giuseppe Leo Prefaced by/prefazione di: Alberto Angelini                                             Introduced by/introduzione di: Vlasta Polojaz                                                   Afterword by/post-fazione di: Rita Corsa

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana: Biografie dell'Inconscio

Anno/Year: 2014

Pagine/Pages: 248

ISBN:978-88-97479-05-5

Prezzo/Price: € 29,00

Click here to order the book

 

 

Resnik, S. et al.  (a cura di Monica Ferri), "L'ascolto dei sensi e dei luoghi nella relazione terapeutica" 

Writings by:A. Ambrosini, A. Bimbi,  M. Ferri,               G. Gabbriellini,  A. Luperini, S. Resnik,                      S. Rodighiero,  R. Tancredi,  A. Taquini Resnik,       G. Trippi

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana: Confini della Psicoanalisi

Anno/Year: 2013 

Pagine/Pages: 156

ISBN:978-88-97479-04-8 

Prezzo/Price: € 37,00

Click here to order the book

 

Silvio G. Cusin, "Sessualità e conoscenza" 

A cura di/Edited by:  A. Cusin & G. Leo

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana/Collection: Biografie dell'Inconscio

Anno/Year: 2013 

Pagine/Pages: 476

ISBN:  978-88-97479-03-1

 Prezzo/Price: € 39,00

Click here to order the book

 

 

AA.VV., "Psicoanalisi e luoghi della riabilitazione", a cura di G. Leo e G. Riefolo (Editors)

 

A cura di/Edited by:  G. Leo & G. Riefolo

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana/Collection: Id-entità mediterranee

Anno/Year: 2013 

Pagine/Pages: 426

ISBN: 978-88-903710-9-7

 Prezzo/Price: € 39,00

Click here to order the book

 

 

AA.VV., "Scrittura e memoria", a cura di R. Bolletti (Editor) 

Writings by: J. Altounian, S. Amati Sas, A. Arslan, R. Bolletti, P. De Silvestris, M. Morello, A. Sabatini Scalmati.

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana: Cordoglio e pregiudizio

Anno/Year: 2012 

Pagine/Pages: 136

ISBN: 978-88-903710-7-3

Prezzo/Price: € 23,00

Click here to order the book

 

 

AA.VV., "Lo spazio  velato.   Femminile e discorso psicoanalitico"                             a cura di G. Leo e L. Montani (Editors)

Writings by: A. Cusin, J. Kristeva, A. Loncan, S. Marino, B. Massimilla, L. Montani, A. Nunziante Cesaro, S. Parrello, M. Sommantico, G. Stanziano, L. Tarantini, A. Zurolo.

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana: Confini della psicoanalisi

Anno/Year: 2012 

Pagine/Pages: 382

ISBN: 978-88-903710-6-6

Prezzo/Price: € 39,00

Click here to order the book

 

AA.VV., Psychoanalysis and its Borders, a cura di G. Leo (Editor)


Writings by: J. Altounian, P. Fonagy, G.O. Gabbard, J.S. Grotstein, R.D. Hinshelwood, J.P. Jimenez, O.F. Kernberg,  S. Resnik.

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana/Collection: Borders of Psychoanalysis

Anno/Year: 2012 

Pagine/Pages: 348

ISBN: 978-88-974790-2-4

Prezzo/Price: € 19,00

Click here to order the book

 

AA.VV., "Psicoanalisi e luoghi della negazione", a cura di A. Cusin e G. Leo
Psicoanalisi e luoghi della negazione

Writings by:J. Altounian, S. Amati Sas, M.  e M. Avakian, W.  A. Cusin,  N. Janigro, G. Leo, B. E. Litowitz, S. Resnik, A. Sabatini  Scalmati,  G.  Schneider,  M. Šebek, F. Sironi, L. Tarantini.

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana/Collection: Id-entità mediterranee

Anno/Year: 2011 

Pagine/Pages: 400

ISBN: 978-88-903710-4-2

Prezzo/Price: € 38,00

Click here to order the book

 

"The Voyage Out" by Virginia Woolf 

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

ISBN: 978-88-97479-01-7

Anno/Year: 2011 

Pages: 672

Prezzo/Price: € 25,00

Click here to order the book

 

"Psicologia dell'antisemitismo" di Imre Hermann

Author:Imre Hermann

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero 

ISBN: 978-88-903710-3-5

Anno/Year: 2011

Pages: 158

Prezzo/Price: € 18,00

Click here to order the book

 

"Id-entità mediterranee. Psicoanalisi e luoghi della memoria" a cura di Giuseppe Leo (editor)

Writings by: J. Altounian, S. Amati Sas, M. Avakian, W. Bohleber, M. Breccia, A. Coen, A. Cusin, G. Dana, J. Deutsch, S. Fizzarotti Selvaggi, Y. Gampel, H. Halberstadt-Freud, N. Janigro, R. Kaës, G. Leo, M. Maisetti, F. Mazzei, M. Ritter, C. Trono, S. Varvin e H.-J. Wirth

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

ISBN: 978-88-903710-2-8

Anno/Year: 2010

Pages: 520

Prezzo/Price: € 41,00

Click here to have a preview 

Click here to order the book

 

 

"Vite soffiate. I vinti della psicoanalisi" di Giuseppe Leo 

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Edizione: 2a

ISBN: 978-88-903710-5-9

Anno/Year: 2011

Prezzo/Price: € 34,00

Click here to order the book

OTHER BOOKS

"La Psicoanalisi e i suoi confini" edited by Giuseppe Leo

Writings by: J. Altounian, P. Fonagy, G.O. Gabbard, J.S. Grotstein, R.D. Hinshelwood, J.P. Jiménez, O.F. Kernberg, S. Resnik

Editore/Publisher: Astrolabio Ubaldini

ISBN: 978-88-340155-7-5

Anno/Year: 2009

Pages: 224

Prezzo/Price: € 20,00

 

"La Psicoanalisi. Intrecci Paesaggi Confini" 

Edited by S. Fizzarotti Selvaggi, G.Leo.

Writings by: Salomon Resnik, Mauro Mancia, Andreas Giannakoulas, Mario Rossi Monti, Santa Fizzarotti Selvaggi, Giuseppe Leo.

Publisher: Schena Editore

ISBN 88-8229-567-2

Price: € 15,00

Click here to order the book

 

In una recente intervista,[1] Adam Phillips ha osato ipotizzare che la psicoanalisi è stata inventata per affrontare il problema della misoginia. Ciò ha rappresentato un'affermazione coraggiosa e non comune; e sebbene siamo stati abituati da tempo ai suoi assunti innovativi, anche scandalosi, rispetto a ciò che per altri versi spesso è banale o familiare, ciò sembra, almeno a me, una posizione sorprendente,  non perché stravagante, bensì perché assolutamente ed evidentemente vera.

 Naturalmente, la psicoanalisi generalmente presenta un differente quadro di se stessa, un quadro di progressiva auto-conoscenza, persino di liberazione. O quantomeno della democrazia in quanto teoria. In pratica, la democrazia ha inevitabilmente reiterato il patriarcato ed ha assorbito in sé la sua sottostante misoginia. Sin dai tempi di Pericle le democrazie hanno predicato l'uguaglianza e l'inclusione mentre in pratica semplicemente stabilivano nuove forme di gerarchia di tipo invidioso. Le democrazie hanno schiavizzato; hanno colonizzato; hanno soggiogato l'"altro" —  il tabù, l'estraneo, il marginale, e, soprattutto, il femminile. Ma la degradazione delle donne, come notava lo psicoanalista D. W. Winnicott è fondamentalmente anti-democratico. La misoginia (che egli faceva risalire alla paura di essere in debito e sottomesso dalla madre) va di pari passo con l'autoritarismo, col culto del potere. Egli perciò ha visto in anticipo la nostra crisi-attrazione contemporanea e globale per l'autocrazia, il fascismo e i discorsi pseudo-maschilisti.

 è un luogo comune della psicoanalisi che il nostro "padre fondatore", Sigmund Freud, iniettasse la propria misoginia nelle nostre teorie, legando le origini della psicoanalisi alla violenza fondativa che similmente amplificava la voce del patriarcato, anche quando egli al contrario faceva appello alla voce dell'Eros, alla voce del desiderio. Il femminile veniva degradato, e la vagina subiva lo scotto dell'ingiuria, relegata a qualcosa di inferiore, a una ferita, al marchio della castrazione.  Altri gruppi, come quello degli omosessuali o delle personalità borderline, forse considerati come rappresentanti del femminile, vennero ritenuti marginali e "inadatti" al trattamento. La nostra pratica che aspira ad essere democratica — una terapia della parola tra colui che parla e colui che ascolta — divenne uno strumento di privilegio che ricreava il proprio sistema di classi distinte tra chi ha e chi no, divise per genere, orientamento sessuale, diagnosi e naturalmente condizioni economiche. Così la psicoanalisi, che fa leva sulla capacità simbolica degli uomini per i suoi effetti curativi, ha sfruttato gli ingredienti grezzi della psiche umana per segnare, segnalare e parlare di desiderio, per affermare, per revocare i diritti degli altri.

 Perciò è del tutto degno di nota che coloro che hanno fondato la democrazia e la psicoanalisi — tutti patriarchi peraltro — intuirono i principi di ciò che chiamo la "Legge Femminile" (Gentile & Macrone, "Feminine Law", 2016). Nel Primo Emendamento e nella Regola Fondamentale essi stabilirono impegni, fondativi  anche se paradossali, rivolti alla libertà di pensiero e di parola insieme ad una pratica di incontro fisico. Le loro leggi erano non vincolanti e permissive, leggi di "non legge" e di "legge di nessuno", la vera antitesi alle leggi totemiche proibitive del "no". Progetti minimali ed astratti sancirono una legge del desiderio, uno spazio potenziale abilitato per obbligo ad un discorso candido e sincero, ad un affrancamento sociale e politico, all'auto-determinazione al di là delle condizioni di servitù. Ad un desiderio disordinato e ad una capacità erotica che potrebbero non solo distruggere dogmi e tirannie, ma in realtà far risorgere e guidare la vita, compresa quella collettiva e politica.

 

La legge femminile — quella del desiderio — sta a gettare scompiglio nell'ordine del patriarcato. Non crea esclusioni né colonizzazione. Non è il ripudio del femminile che è così minaccioso per noi, come affermava Freud quando definiva tale ripudio psichico come "il fondamento". Invece, è l'affermazione del femminile,  — davvero un'affermazione dei nostri incontri più familiari e singolari col femminile a partire dalla nostra dipendenza più precoce da esso — che temiamo ed eppure desideriamo. è qui che la differenza anatomica, così cruciale nelle formulazioni psicoanalitiche, diventa un elemento chiave, poiché il vaginale pensa ai contorni spaziali, all'ambiguità sancita — gli spazi vuoti — delle nostre regole fondamentali. Gli spazi vuoti nel discorso, quelli che ci interrompono, che ci dislocano — essi sono rievocazioni dello spazio vuoto originario del genitale femminile.

 Se la missione della psicoanalisi (almeno in parte) è di trattare il terrore della gente per la propria misoginia, dobbiamo nominare quello spazio vuoto e quindi ottenere un simbolo non solo di uguaglianza rispetto al simbolo fallico ma qualcosa col suo unico carattere, creando un ponte tra il simbolico e l'ambito di ciò che sta nell'eccesso di simbolizzazione. Il vaginale è la porta paradossale non solo per entrare nella stessa vita, ma anche per la vita simbolica.

Ma storicamente la psicoanalisi ha affermato la regola delle associazioni libere cancellando la sua derivazione ancestrale nella femminilità elementare. La psicoanalisi ha caratterizzato la vagina come qualcosa di inferiore, quando si è occupata a caratterizzarla, in genere relegando essa ed il femminile al registro innominabile del Reale traumatico, del non simbolizzabile. Ciò che abbiamo perso con questa strategia, ciò che si è perso quando le democrazie brandiscono un fallo monopolistico, sono le verità oscure e marginalizzate nonché le voci che si rivelano solo negli spazi vuoti.  Il vaginale significa ciò che è ineluttabilmente reale; esso serve come metafora per ciò che è al contempo accessibile ed inaccessibile, entrambi sempre soggetti agli sforzi fallocratici volti alla colonizzazione ed all'impossessamento, mentre invece esso serve come canale per il femminile, come segno distintivo di ciò che eccede un tale controllo.

 

 Non è un caso che l'era di Trump sia caratterizzata da una preoccupazione per i confini, per i migranti, per i muri, per la sorveglianza nei confronti della riproduzione, e da un timore generalizzato per lo spazio femminile. E nel contesto di un''escalation' di polarizzazioni ed ingiustizie — rosso e blu, bianco e non bianco — siamo testimoni delle conseguenze devastanti dell'erosione del femminile (che funziona anche come esempio per altre categorie di persone marginalizzate, escluse, colonizzate). Sebbene parliamo di spazi vuoti che si stanno ampliando, è in realtà la giustapposizione degli opposti, delle polarità che rivela ciò che si sta perdendo: lo spazio vuoto (femminile) stesso è soggetto all'escissione — ad un'escissione traumatica, dato che è proprio esso quello spazio vuoto, riverberante, che fa nascere il desiderio.

 

Eve Ensler, attivista ed autrice dei "Monologhi della Vagina", esprime ciò con forza: "La vagina è la parola più terrificante, la più minacciosa, in qualsiasi linguaggio di qualsiasi paese in cui io sia stata ... è  più disprezzata e temuta di parole come plutonio, genocidio e fame. In molti paesi la parola che indica i genitali femminili è così dispregiativa o carica di disgusto che non può essere pronunciata in pubblico. In pochi posti non c'è addirittura nessuna parola che indichi la vagina"[2]

 

Viviamo in un tempo di ripercussioni catastrofiche del degrado spietato ed arrogante ai danni della Terra, che riflette il regime di sorveglianza patriarcale e di brutale violenza ai danni del corpo femminile. Il flusso del fluido (femminile) dei migranti che attraversano i confini fa da controaltare ad un altro attraversamento migratorio di confini: un crescente numero di terroristi, di jihadisti, di nazionalisti bianchi, di terroristi informatici. Mentre solo questi ultimi sono dichiaratamente ed esplicitamente motivati dalla misoginia, l'ascesa dello Stato Islamico, come anche quella dei gruppi occidentali di estrema destra e neonazisti, è stata messa in relazione alla vulnerabilità ed alla vergogna maschile. E se riconoscessimo che la vergogna è un'esclusione dal femminile, un'esperienza di essere forclusi - in un esilio percepito dal - vaginale? Come osano gli altri entrare, visto che sono essi stessi esiliati?

 

  Si considerino queste recenti statistiche: c'è un divario stimato di 70 milioni tra i maschi e le femmine nella popolazione della Cina e dell'India, un'eredità di una misoginia sistematica. Se il vaginale funziona come io suggerisco, dovremo presto  (dato che questa popolazione raggiungerà la pubertà e la maturità sessuale negli anni a venire) fare i conti con conseguenze cataclismatiche a livello globale e sociale di una scarsità senza precedenti.

 

 Se, come suggerisce Phillips, la psicoanalisi  — e, aggiungerei, la democrazia  — sono invenzioni che affrontano la misoginia, i loro interventi sono urgentemente necessari. Le loro regole fondamentali sono impegni a credito verso ciò che le loro pratiche potrebbero essere, ossia private del patriarcato. Esse osano riconoscere che la libertà di parola, l'autentica libertà di desiderio e del desiderio, fanno perno sul femminile. Che la legge del desiderio è prefigurata da un vaginale che si diffonde nello spazio, che si democratizza. Sebbene il vaginale resti sempre soggetto alla predazione ed all'usurpazione ed alla sorveglianza patriarcale, il femminile elude la cattura, come fa la libertà. Come il simbolo di ciò che è libero in modo inopportuno, come la porta di entrata tra ciò che è accessibile e ciò che resta in eccesso rispetto a ciò che sappiamo, che padroneggiamo ed addomestichiamo, abbiamo bisogno che il simbolico vaginale sia disponibile per tutti.

 

 

 



[1] “Politics in the Consulting Room: Adam Phillips in conversation with Devorah Baum,” Granta, no. 146 (Winter, 2019). Disponibile in  https://granta.com/politics-in-the-consulting-room/.

[2] Eve Ensler, “Nothing Short of a Sexual Revolution,” Huffington Post, December 2, 2010. Disponibile in https://www.huffpost.com/entry/nothing-short-of-a-sexual_b_791303.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
   

 

 

 

   
 
 

 

 

 

 

 

 

         

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   
   
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
   
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

Responsabile Editoriale : Giuseppe Leo

Copyright - Ce.Psi.Di. - Edizioni "FRENIS ZERO" All right reserved 2004-2005-2006-2007-2008-2009-2010-2011-2012-2013 - 2014 - 2015 - 2016 - 2017 - 2018 - 2019