PIAZZA AFFARI  
 METEO Le previsioni 
   OROSCOPO  
 KWSEARCH Web
 Cerca
 il titolo
 
 Cerca la
 località
 
 Scegli
 il segno
 
 
 Cerca
 nel Network
mercoledì 10 novembre 2004



Primo piano   
     
Salerno   
Cava - Costiera   
Valle dell' Irno   
Nocera - Agro   
Pagani - Angri   
Scafati - Sarno   
Pontecagnano 
Sele - Picentini
 
 
Battipaglia   
Vallo Lucania 
Cilento
 
 
Eboli   
Sala Consilina 
Vallo di Diano
 
 
Agropoli 
Capaccio 
 
I nomi di oggi   
     
Sport   
Cultura 
Spettacoli
 
 
     


 
 


Luigi Ciancio responsabile della Uil

opere pubbliche
La metropolitana si arena
Fermi i cantieri, sciopero e appello degli operai

I lavori della metropolitana sono giunti su un ''binario morto''. In pratica, i cantieri aperti in città sono tutti fermi e, in totale, figurano ancora in servizio appena cinque lavoratori. Gli stessi che, ieri mattina, hanno deciso di incrociare le braccia e di fare opera di ''sensibilizzazione'' distriduendo volontani davanti alla stazione ferroviaria centrale, quella denominata ''M3'' sul progetto approvato per la linea ferrata cittadina. Uno stop annunciato, quello dei lavori alla metropolitana. Non più di tre settimana fa, l'allarme era stato lanciato dai responsabili provinciali della Feneal-Uil, Luigi Ciancio e Patrizia Spinelli. Gli stessi che ieri hanno guidato i manifestanti. A provocare lo stop, due problemi principali: uno tecnico, l'altro economico. Il primo è relativo al progetto delle banchine della stazione centrale, allo scalo di Mercatello interessato dai ritorvamenti archeologici, a una perizia di variante in via Parmenide, oltre a problemi sorti sul rilevato della massicciata e sul sistema di controllo dei treni. ''Inconvenienti'' che hanno portato le Ferrovie a bloccare i lavori del progetto redatto da una sua stessa controllata, la Italfer, incaricata peraltro dal Comune di dirigere anche i cantieri. Il secondo problema, quello economico, deriva dalla mancanza di ulteriori fondi, necessari per finanziare le modifiche da apportare al progetto originario. Su questo punto, il sindacato chiede l'intervento della Regione. Gli stessi amministratori comunali, in verità, hanno lanciato un appello alla Regione perché si faccia carico almeno dei fondi necessari a sbloccare la situazione della stazione di Mercatello. E la disponibilità, da parte dell'assessore regionale ai Trasporti, Ennio Cascetta, è anche arrivata. Sta di fatto che, in attesa degli interventi ministeriali o regionali, altri cinque lavoratori sono quelli rimasti nell'unico cantiere aperto dell'Arbostella stati licenziati. E gli ultimi rimasti hanno deciso di incrociare le braccia per sottolineare la gravità della situazione. Peraltro, ha ribadito la Feneal-Uil, c'è il rischio anche di perdere i 27 milioni di euro destinati al prolungamento della metropolitana fino a Pontecagnano. Di qui, la mobilitazione e l'appello a fare presto e ad abbondare il ''binario morto''.