Home
Su 

ANTIGONE

 

ANNO 2000

Il piccolo principe

Ancoraggi nel cosmo

Lo scorso anno scolastico si formulò l'ipotesi che fra i modi con i quali è possibile utilizzare la lettura nel tessuto formativo quello teatrale fosse quello in grado di sviluppare nuovo coinvolgimento, più matura rielaborazione.

Il testo di Samuel Beckett ha costituito mirabile stimolo da un lato , dall'altro ha permesso di "contenere" entro un disegno unitario l'insieme dei lavori del teatro dei ragazzi.

L'esperienza, non l'esperimento, fatta da adulti che stavano fra la scuola e il teatro, ha avuto sviluppi proprio perché "leggere "con quella modalità permette di aderire alla dimensione "estetica" compendio di conoscenza, rielaborazione critica, ludica progettualità e non appiattimento contemplativo

Lo scopo formativo che aveva promosso l'iniziativa è apparso al termine sottodimensionato e anche in sede di verifica la narratività che tentava di restituire il senso dell'esperienza era insufficiente, incapace di ricostruire ai non partecipanti la qualità del vissuto in analogia con quanto accade ad un lettore che voglia per tratti essenziali coinvolgerci nelle emozioni che un libro gli ha suscitato.

 

La proposta che interessa il presente anno scolastico non si configura come " ideale continuazione " , contiene bensì pari ambizione e medesima finalità con il conforto , già esperito, che questi percorsi di incontro si dilatano dalla scuola, abbracciano e investono realtà culturali che restituiscono ricchezza formativa.

 

 

L'impegno di lavoro proposto è:

Indagare sui propri legami attraverso l'azione specifica del "teatrare".

Per fare questo si utilizzerà quale sfondo comune il testo di

ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Scelto per la maestosa ricchezza di stimoli, ma anche perché patrimonio che con grande semplicità si può mettere in comune con le ragazze/ i ragazzi.

Gli incontri di laboratorio che si nutrono dello specifico apporto dei partecipanti necessitano di tempi distesi , non immediatamente quantificabili, la loro contrazione risulterebbe analoga all'ordine dato ad un lettore di spegnere la luce perché è tardi.

 

 

Di seguito si propone una scansione tematica degli incontri che si ispira ad un'ipotesi di lettura verificabile.

- L'ancoraggio delle memoria

- I voli nei deserti

- I deserti incontri

- L'ancoraggio del mondo proprio

- Attraversare i mondi del mondo

- L'essenziale ancoraggio

- Il nuovo volo

 

 

Affrontare il tema forte del dovere, del ruolo

 Non è da escludere che a conclusione del laboratorio si giunga ad una proposta di spettacolazione da condividere con altri, la condizione implicita è che questa opzione sia l'esito di una accresciuta consapevolezza.

Coerentemente con questo assunto è invece da ricercare il coinvolgimento di un gruppo di ragazze/i nello spazio di uno o più incontri per consentire intrecci e contaminazioni vitali di cui si nutrono in egual misura la lettura e il teatro.

LABORATORIO DI TEATRO PER ADULTI /2

Giulietta e Romeo

Il laboratorio di teatro con i genitori si è sviluppato intorno al testo di Shakespeare " Giulietta e Romeo " nella versione di Roberto Piumini.

I bambini delle classi quarte nel corso dell'anno avevano già affrontato il testo e scelto alcuni momenti da rappresentare.

Con i genitori abbiamo deciso di inserirci nello spettacolo colmando le parti tralasciate dai bambini , in modo da ricostruire i tasselli mancanti della storia.

Il percorso si è sviluppato in vari momenti:

lettura del testo

riscrittura della partitura

scelta dei personaggi

delle musiche

della scenografia

prove di recitazione.

Naturalmente gli incontri non sono stati sufficienti per completare il lavoro, che si dovrebbe concludere con la messa in scena di uno spettacolo da bambini e adulti.
 

Home ] Su ]

Copyright 1999 Circolo Didattico Castrezzato
Aggiornato il: 14 marzo 2000
 

 

Copyright 1999 Circolo Didattico Castrezzato
Aggiornato il: 10 Gennaio 2001