LA RIDIT

Piccola selezione antologica


UNA VLTA

Una vlta s
ch'u s'atruvva la farena bona!
E salteva fura un pan
ch'u s magnva
nench dp t d ch'l'era fat.
E e brd?
Fat cun la chrna d'una galena
una vlta igna tant,
l'aveva un amr
che incud un s sent pi.
E chi man furt
p d narbadra
ch'i liveva i cvintl
cm s'la fs pula
indv i and a fin'?

Una vlta s!
Una vlta...
Una vlta l' e prinzpi d'una fla.

UNA VOLTA

Una volta s
che si tovava la farina buona!
Ne usciva un pane
che si mangiava
anche dopo una settimana dalla cottura.
E il brodo?
Fatto con la carne di una gallina
una volta ogni tanto,
aveva un sapore
che oggigiorno non si sente pi.
E quegli uomini forti
muscolosi
che alzavano i quintali
come fosse pula
dove sono finiti?

Una volta s!
Una volta...
Una volta l'inizio di una favola.


LA RIDIT

Se on u i gvrda
u i ven sobit da abasr j c.
Av un bl dr, vujtar,
che a sen tot pracs
e che tot cvnt
i magna e i bev
i sent e frd e e chld
i cipa e fardr cumpagn a l.

L' temp intil.

Parch
sudizion
varggna
pavra
u s'al j sintdi
int l'ambrla dal j s
par it e it.

L' smpar st
par zintnra d'n
cun e capl int al man
e j c a tra
a dr sgnors.

L'EREDITA'

Se uno lo guarda
gli viene subito da abbassare gli occhi.
Avete un bel dire, voialtri,
che siamo tutti uguali
e che tutti quanti
mangiano e bevono
sentono il freddo e il caldo
buscano il raffreddore come lui.

E' tempo perso.

Perch
soggezione
vergogna
paura
se le sentite
nel midollo delle ossa
per genarazioni e generazioni.

E' sempre stato
per centinaia di anni
con il cappello in mano
e gli occhi a terra
a dire signors.


E PRM ARLI

Al cumpr
cun la pga da manvl
a cvatrg n brsa ciump.

E mi prm arli!

Ads
ch'a j pas i cvarnta
e va incra, ci,
ch'un sgra d'un mint.

Ul prta mi p.

L
pr'avr e su prm arli
l' duv tnir d'astr
che m am cumprs e sgnd.

IL PRIMO OROLOGIO

Lo comprai
con la paga da manovale
a quattordici anni non ancora compiuti.

Il mio primo orologio!

Adesso
che ho passato i quaranta
va ancora, caspita,
che non sbaglia di un minuto.

Lo porta mio padre.

Lui
per avere il suo primo orologio
ha dovuto aspettare
che io mi comprassi il secondo.


A L'JA DA CRDAR?

T'am cont che da bastrd
d'inst
t'stasvtia a e mr un ms
cun i tu
senza pinsr
a e gran da btar,
al bidal da cavr,
a l'cva da dr al vid,
a e fen d'ardsar.

E t cont incra che
d'invran
t'andvtia a sghinlr sra a la nv
cun i tu
senza pinsr
al vid da pudr,
a i stch da cjar,
a e gran da runchr,
al vach da monzar.

E pr impusbil.

DEVO CREDERLO?

Mi racconti che da ragazzo
d'estate
stavi per un mese al mare
con i tuoi
senza pensare
al grano da trebbiare,
alle barbabietole da estrarre,
ai trattamenti per le viti,
al fieno da raccogliere.

E racconti pure che
d'inverno
andavi a sciare sulla neve
con i tuoi
senza pensare
alle viti da potare,
ai tralci da raccogliere,
al grano da sarchiare,
alle vacche da mungere.

Sembra impossibile.


E VC

Csa aspitval che vc
che tot i d
l'andva a mts' insd ins la zca
a l'ra dla pipa de crusri?
E staseva a l dal j r
cun al man psi s ins la zanta
e cun j c fs
e gvardva luntan.

Di cvand in cvand
e pasva un cvalcadon in biciclta
o cun la brza
e u i dasva la vs:
Nun, cm vla?
Mh! Da pvar vc.
A s a cv ch'a spt.
Ormai ch'an s pi n da vita e n da pchr
an pos f' t che tn' da st'.

Un salt cun la man,
una prilda a i bfi,
e pu un'tra ucda in zir,
lenta,
pr'armastr int j c
i ss dla str
l'cva di fs
i cdal dal tr
al fj dal j lbar
e vl dj usl
e turchen de zil
la lus de sl.

L'amr dla vita.

IL VECCHINO

Cosa aspettava quel vecchino
che tutti i giorni
andava a sedere sul ceppo
all'ombra del pioppo del crocevia?
Stava l delle ore
con le mani posate sul bastone
e con gli occhi fissi
guardava lontano.

Di quando in quando
passava qualcuno in bicicletta
o con la birroccia
e gli rivolgeva la parola:
Nonnino, come va?
Mah! Da poveri vecchi.
Sono qui che aspetto.
Ormai che non servo pi a niente
non posso far altro che aspettare.

Un saluto con la mano,
una attorcigliata ai baffi,
poi un altro sguardo in giro,
lentamente,
per conservare negli occhi
i sassi della strada
l'acqua dei fossi
le zolle dei campi
le foglie degli alberi
il volo degli uccelli
l'azzurro del cielo
la luce del sole.

Il sapore della vita.


E PIV

Un'acvarna
m fena fena
la bat i p
in vta a i cp
che l' un pias
stla a sint
sota i linzl.

PIOVE

Un'acquerugiola
ma fine fine
batte i piedi
sopra i coppi
che un piacere
starla a sentire
sotto le lenzuola.


E ZUGADR

Gigion e dgva smpar:
"S'a venz a e lt
a vi str a l'ustarja
tot e d.
Am vi gud' la vita
una bona vlta".

Una stmana
l'imbrucht un tran sch
ch'un staseva pi int la pl
de grand ch'l'era cuntent.

Sim
cvand ch'e vens e mument d'arscdar
i l'aveva za spl da du d.

IL GIOCATORE

Luigione diceva sempre:
"Se vinco al lotto
voglio stare all'osteria
tutto il giorno.
Voglio godermi la vita
finalmente".

Una settimana
azzecc un terno secco
tanto che non stava pi nella pelle
per la contentezza.

Senonch
quando giunse il momento di riscuotere
l'avevano gi sepolto da due giorni.


E TEMP

man,
brsa sminghtal.

Al mira d'n
pr'avr la fronta lsa senza pl.
I sfurz santsum
par scrar cun i vsen senza mutlr.
E temp t'i ms
pr'adtan che al garnl de gran
al fa una prbia bianca
ch'la n fa brsa murir.
La fadga t' fat par gvintr un s-cian.

Brsa sminghtal mai
e pu va pu dret par la tu str,
che e temp
a t
u t'e d e Signr par gnit.

IL TEMPO

Uomo,
non dimenticartelo.

Le migliaia di anni
per avere la fronte liscia senza peli.
Gli sforzi tremendi
per parlare con i vicini senza mugghiare.
Il tempo che hai impiegato
per scoprire che i chicchi del grano
danno una polvere bianca
che non fa morire.
La fatica che hai fatto per diventare uomo.

Non dimenticartelo mai
e poi va pure dritto per la tua strada,
che il tempo
a te
lo d il Signore gratuitamente.


CAMBIR

Cma s'e fs fzil
cambir
acs
da un d a cl'tar
cvand che sota al j ng
u s vd incra
i sgn dla tra.

CAMBIARE

Come se fosse facile
cambiare
cos
da un giorno all'altro
quando sotto le unghie
si vedono ancora
i segni della terra.


CUNSUNTV

L' st
prpi un gran sgnr:
l' sempr av
tot cvl ch'e vlva.

Parch
l' sempr' avl
sl cvl
ch'e putva avr.

CONSUNTIVO

E' stato
proprio un gran signore:
ha sempre avuto
tutto quello che desiderava.

Perch
ha sempre desiderato
solo quello
che poteva avere.

Torna indietro