Non esitare a contattarmi!

Scuola Matteotti

Quanto spazio porta via il nero a tutto ciò che è luce

 

Una perla nasce dal difetto d’una conchiglia: ammirandone la perla non si pensa alla malattia della conchiglia. Una compagna disabile in classe è la perla di fronte alla quale conosciamo  meglio noi stessi

 

 

Lavorando tutti insieme ed osservandoci l'un l'altro, si evidenziavano gli errori o le giuste attenzioni del caso. L'iscrizione di un allievo in situazione di handicap, in qualsiasi genere di scuola, diviene un elemento rivelatore di importanti valori, sui quali riflettere e parlare.  

 

D'altro canto, educare significa aiutare a superare uno stato attuale, per accedere ad un altro che sarà superiore , che formerà gli ideali del  divenire. La partecipazione ad una vita comunitaria significa facilitare l'integrazione. 

La vita è  fatta unicamente di conquiste personali, che di volta in volta arricchiscono la storia del proprio vivere quotidiano.

E' accertato che esiste la tendenza a sottovalutare le possibilità di chi si trova in situazione di  handicap. Infatti, è sufficiente considerare ciò che non può fare per cadere in un pregiudizio e scavalcare così, la possibilità su ciò che potrebbe fare.  

Per tutti iniziava una camminata in discesa dentro noi stessi: vale a dire, verso tutti quei sentimenti che noi nutriamo, e che spesso condizionano il nostro corpo, ed il nostro sguardo.

Bisognava avvicinare ed allontanare le sensazioni di paura, di apprensione che l'abitudine o la non conoscenza avevano modellato in molti nostri gesti, condizionando i nostri pensieri, e le nostre azioni.

Così, si cresce a qualsiasi età.  Dai giovani maturano le più forti aspirazioni, soprattutto se hanno modo di valutare, di confrontare il loro mondo con la realtà esterna; una maturazione personale, che in seguito sfocerà in un impegno sociale importantissimo.

In questa condizione di crescita è fondamentale trovare delle mete significative per dar loro la possibilità di scommettere ed investire sul futuro del mondo.

  Il problema di chi viene definito handicappato è quello di trovare nella società una varietà tale di svantaggi, da sentirsi svantaggiato a causa di una disattenzione generale, che creando le difficoltà, creava l'handicap.

 

 

 

 

  L'esperienza insegna. 

Quante persone disabili 

 e quanta forza dovevano sprigionare per vivere e lottare, per arrivare ad amare e farsi amare come prima e come gli altri.

Per entrare in un problema è necessario scavare il percorso ponendo domande a se stessi e poi confrontandole con le risposte degli altri .

Un luogo qualunque può essere adatto per dialogare, basta essere predisposti con una mente aperta, capace di captare non solo ogni parola, ma ogni gesto ed ogni espressione.

 

Anche tu puoi dialogare con noi !Scriveteci

vi leggeremo e vi  risponderemo direttamente dalla nostra scuola......lavorando tutti insieme!

 

 

Articolo

Articolo

Articolo

Articolo