La classificazione istologica del linfoma di Hodgkin - Informazioni per pazienti

Autore: Vincenzo Cordiano 
Divisione di Medicina Generale, O.C. Valdagno (VI) 
Ultimo aggiornamento: 13/09/2002 17.28.51

I termini tecnici sono spiegati succintamente nel Glossario dei termini tecnici.  Potete accedervi semplicemente cliccando sulla parola sottolineata; per ritornare a questa pagina basta cliccare sul pulsante Indietro o Back del vostro navigatore, o dal menu rapido che compare dopo aver premuto il tasto destro del mouse

Per saperne di pi¨..

Consultate il sito Alcmeone ed il Sito mirror del SIE Ematologia

Esistono almeno quattro sottotipi principali di linfoma di Hodgkin, identificabili con l'esame istologico del linfonodo prelevato mediante biopsia:
  1. Predominanza linfocitaria
  2. Sclerosi nodulare
  3. CellularitÓ mista
  4. Deplezione linfocitaria

Ogni sottotipo ha delle caratteristiche particolari; in ognuno di essi sono comunque presenti delle cellule caratteristiche, le cosiddette cellule di Reed-Sternberg (fig.1), di cui si conoscono diverse varianti; esse sono assenti nei linfomi non Hodgkin e  consentono di stabilire la corretta diagnosi.

Fig. 1 - Linfonodo. Le cellule di Reed-Sternberg sono le due cellule giganti con due nuclei ed uno o due nucleoli ben evidenti. Le altre cellule sono in maggioranza linfociti

Il sottotipo pi¨ frequente Ŕ la sclerosi nodulare: tipicamente interessa giovani donne che si presentano con masse mediastiniche in stadio I o II. Istologicamente si caratterizza per la presenza di una variante di cellule neoplastiche, conosciute come cellule lacunari, e per la presenza di abbondante tessuto fibroso (sclerosi) che delimita i noduli all'interno dei quali sono presenti le cellule neoplastiche (fig.2)

Il sottotipo a predominanza linfocitaria non Ŕ molto frequente (5-6 % dei casi); si presenta quasi sempre in stadio localizzato, risponde bene alla terapia, ma spesso si osservano delle recidive anche a distanza di molti anni. Una caratteristica particolare Ŕ che le recidive sono spesso del tipo linfoma non Hodgkin, fra i quali, secondo le pi¨ moderne vedute, esso andrebbe effettivamente classificato.
Il sottotipo  tipo a deplezione linfocitaria Ŕ il pi¨ raro fra i quattro, almeno nei paesi sviluppati. I pazienti sono spesso anziani, generalmente in stadio avanzato. ╔ il tipo istologico comunemente osservato nei soggetti HIV positivi. Pu˛ essere facilmente confuso il linfoma non Hodgkin anaplastico a grandi cellule.
Il sottotipo a cellularitÓ mista Ŕ il secondo in ordine di frequenza: istologicamente non si osservano fibrosi o noduli ben formati, le cellule neoplastiche sono numerose e ben evidenti

Fig. 2 - Linfonodo. A sinistra sono evidenti le bande di tessuto fibroso o sclerosi che delimitano formazioni rotondeggianti (i noduli) contenenti le cellule neoplastiche, variante lacunare, visibili nell'ingrandimento a destra.

backward.gif (1639 byte)forward.gif (1641 byte)

AVVERTENZE IMPORTANTI     

Le notizie contenute nel S.I.E. hanno solamente scopo divulgativo. In particolare non possono essere considerate sostitutive delle informazioni fornite dal personale sanitario responsabile dei singoli casi. Si declina ogni responsabilitÓ per ogni uso scorretto delle informazioni contenute nel sito, soprattutto se esse sono utilizzate per la diagnosi e terapia di qualsiasi malattia o disturbo. E' sempre consigliabile in questi casi rivolgersi al proprio medico. 
Per altre informazioni potete rivolgervi all' Autore all'indirizzo:    ematologia@yahoo.it