Continua dalla pagina precedente

Ha una volta a capriate con due sottarchi ogivali che scaricano il loro peso su pezzi di architrave scanalati, ad altezza circa di metri 1,80. Il pavimento in cotto rustico. L'altare vecchio, nell'abside, coperto da un tramezzo che a sua volta copre la luce dell'abside e, davanti a questo tramezzo (sul quale montata una pala d'altare con figure di santi), stato fabbricato un altare in granito grigio.
L'altare antico coi lati in muratura e pietra incoerente, era all'interno riempito di fango ed i topi ci facevano nido.
Le capriate del tetto poggiano su mensole di legno scolpito ed il tetto non stato rifatto a memoria d'uomo
Il protiro sembra un'aggiunta tarda del secolo scorso ed i vani dei lati sono stati chiusi con blocchetti di cemento.
L'architrave della porta d'ingresso presenta due rosonlaterali non identici, un rosone centrale e due rose piccole tra i rosoni.
Sulle pietre di stipite i rosoni si ripetono a met altezza.
A destra dell'ingresso, l'acquasantiera costituita da un rocco di colonna romana su cui poggia un capitello i scavato e consunto.
Ai quattro pilastri anteriori del protiro ci sono quattro rocchi di colonna romana, due inseriti nel muro d'angolo e due (i centrali) posti dinanzi ai pilastri d'ingresso al protiro. Un altro rocco di colonna affiora davanti al prospetto posteriore, mentre un pezzo di base di colonna affiora in corrispondenza dell'angolo destro posteriore della chiesa.

Ci sono quattro contrafforti: due per parte.
Il campanile centrale a vela, con una sola luce ma manca la campana.