Astragalus siculus Biv.

 


1645. Astragalus siculus Biv. (= A. granatensis Lam. subsp. siculus Franco et P. Silva)
Astragalo dell'Etna - 3766136 - Ch frut/NP. 3-6 dm (!). Simile a 1647. ma f. piu grossi (diam. 5-10 mm), nerastri: fg. con 6-12 segm. larghi fino a 1 mm, con mucrone apicale corneo pungente, dopo la fior. glabrescenti di sopra: rachide indurito in una punta lunga circa quanto i segm. apicali: calice con tubo di 5 mm e denti di 4 mm, verdi, irsuti, con mucrone subnullo: corolla rosea venata di purpureo.
Pendii aridi su lava acida. (1000 - 2400 m). - Fi. VI-VIII - Endem.
Sic. sull'Etna, soprattutto sul vers. merid.: CC.