Comunicati 2002
Clicca sulla data per accedere alle informazioni

 

<<<< -- Comunicati 2001

 

 

 

 

02/01/2002

Il nuovo anno della politica cittadina si apre con una dichiarazione del segretario cittadino di Rifondazione che ha ad oggetto il metodo delle scelte del futuro candidato a Sindaco della nostra città. Di discorsi sul metodo noi abbiamo studiato ed apprezzato quelli svolti da Cartesio per questo ci riesce assai difficile commentare quelli di Bruno. Leggendo però il pensiero del dirigente comunista ci viene spontaneo chiedere se egli in questi anni abbia vissuto nella città di Cosenza e, in caso affermativo, se egli la conosca e conosca i tanti miglioramenti che l'Amministrazione Comunale, grazie alla guida illuminata del suo Sindaco ha realizzato. Prima di sbraitare e di affermare "mai con Mancini", Bruno farebbe meglio a considerare com'era Cosenza agli inizi degli anni novanta e raffrontarla alla città che quotidianamente vivono tutti i cittadini. Si accorgerebbe che la nostra città è una realtà viva dal punto di vista culturale nella quale fervono le iniziative di ogni tipo, dove sono state create tante occasioni di lavoro, dove anche le comunità come quella dei Rom che, per tanti decenni sono state abbandonate e mai considerate hanno trovato un'amministrazione attenta ai propri bisogni ad iniziare da quello primario di una casa, dove le famiglie dei detenuti trovano ascolto e sostegno, dove insomma i ceti deboli, quelli ai quali dovrebbe parlare il partito al quale Bruno appartiene, hanno trovato considerazione e realizzazioni nei loro bisogni e nelle loro aspettative. Se Bruno sarà in grado di fare ciò e di conseguenza di dare un giudizio positivo, renderà un buon servizio al proprio partito, altrimenti non farà altro che favorire il ritorno di quelle forze che hanno mal governato la nostra città nei decenni precedenti e verso le quali Bruno non ha mai speso una sola critica.

Salvatore Magarò

TOP


08/01/2002

Giacomo Mancini jr, deputato al Parlamento, ha presentato un' interrogazione a risposta immediata al Ministro dell'ambiente e tutela del territorio, On. Altero Matteoli, per avere chiarimenti sulla vicenda riguardante la costituzione e la gestione degli impianti componenti il sistema integrato di smaltimento di rifiuti denominato " Cosenza Nord".
Con l'ordinanza del 27 novembre 2001, n° 1644, il Commissario delegato per l'emergenza ambientale nel territorio della Regione Calabria, On Giuseppe Chiaravalloti ed il responsabile unico del procedimento, Dott. Ing. Giovanni Battista Papello, disponevano la realizzazione "di un impianto di trattamento RSU per la selezione meccanica dei rifiuti indifferenziati con una sezione per la produzione di combustibile derivato da rifiuti in balle" da ubicare nel territorio del comune di Figline Vegliaturo.
Tale decisione, fa notare il deputato socialista, presa senza nessuna preventiva consultazione con i rappresentanti istituzionali del territorio interessato, è stata accolta con preoccupazione dalla stragrande maggioranza della popolazione del Savuto.
Contro di essa si sono mobilitati consiglieri comunali, sindaci, consiglieri provinciali e regionali che attraverso le forme istituzionali hanno espresso la loro contrarietà nei confronti di un intervento inconciliabile con una realtà territoriale con vocazioni e peculiarità paesaggistiche, ambientali e sociali che la rendono incompatibile con la realizzazione di un impianto di trattamento RSU. Giacomo Mancini jr, pertanto, interroga il Ministro per sapere se non ritenga opportuno attuare i propri poteri ispettivi e di controllo nei confronti del Commissario delegato per l'emergenza ambientale e dei vertici della Giunta della Regione Calabria per scongiurare la realizzazione di un intervento fortemente contestato dalla popolazione del Savuto e che va in senso opposto rispetto alle direttrici di sviluppo dell'intera zona.

TOP


10/01/2002

Giacomo Mancini jr, deputato al Parlamento, in riferimento ad un concorso bandito dal Ministero della Pubblica Istruzione, su sollecitazione dello SNALS ( Sindacato Nazionale Autonomo Lavoratori Scuola ) ha presentato al Ministro della Pubblica Istruzione, Sig.ra Letizia Moratti, un'interrogazione a risposta immediata per sapere " premesso che:
in data 19-2-2001 ha avuto luogo la prova scritta per il concorso per titoli ed esami per personale educativo e negli educandati.A tuttoggi, dopo quasi un anno, la correzione degli elaborati non è stata completata e tantomeno è stata comunicata data precisa in cui sarà effettuata.Il perdurare di questo stato di incertezze sull'esito finale provoca comprensibilmente uno stato psicologico di frustrazioni nei candidati in attesa di una risposta che per molti significherebbe la risoluzione definitiva al problema della disoccupazione;se e quali iniziative intenda prendere per sbloccare tale ingiusta situazione cosi' da pervenire alla pubblicazione dei risultati di tale concorso".

TOP


14/01/2002

Siamo preoccupati per le divisioni persistenti nel centrosinistra cosentino. Siamo preoccupati perché le divisioni finiscono per favorire la destra.Cosenza non deve finire nelle mani degli uomini del centrodestra. E' questo il pericolo più grande. Sarebbe particolarmente grave, ed al limite del masochismo, consegnare una città simbolo del cambiamento in corso nel Sud alla destra. Per scongiurare questo rischio il centrosinistra deve unirsi, riaggregarsi, dare voce e speranza ai tanti fermenti sociali, economici e culturali che animano la società cosentina.
Negli ultimi anni Cosenza ha cambiato volto. E' diventata una città più bella, più attrattiva, più vivibile, più aperta. Si è radicalmente trasformata la sua morfologia, si sono dilatate le sue geometrie fisiche, dopo decenni di immobilismo e localismo urbano. Il cambiamento materiale si è accompagnato con un altrettanto evidente dinamismo sociale e culturale. Sono cresciuti i centri di aggregazione, l'associazionismo, le sedi di incontro e di dibattito pubblico. Ha ripreso fiato il senso di appartenenza, di identità e di orgoglio dei cosentini, dopo lunghissime stagioni di oblio e di decadenza culturale.
Avere lavorato, costruito e alimentato questo cambiamento sono i grandi meriti della politica amministrativa di Giacomo Mancini e delle Giunte cittadine di centrosinistra.
Naturalmente, Cosenza è lungi dall'essere diventata una città perfetta. Le storture, le disfunzioni e le carenze sono ancora tante e palpabili, sia nella sfera materiale, urbanistica e della mobilità, sia in quella sociale, che in quella istituzionale. C'è ancora tanto lavoro da fare. Sul piano dell'allargamento della partecipazione democratica dei cittadini alle scelte collettive. Sul piano dell'integrazione e del raccordo funzionale della città nei flussi di mobilità e di socialità dell'area urbana. Sul piano della mobilitazione istituzionale per lo sviluppo economico locale e il potenziamento delle occasioni di occupazione.
Il solco però è stato tracciato. L'azione amministrativa di questi ultimi anni ha avviato l'opera. Toccherà al nuovo Sindaco e alle nuove Giunte di centrosinistra continuarla, rafforzarla, estenderla e, dove necessario, cambiarla e correggerla. Per questo appoggiamo la candidatura a Sindaco di Eva Catizone. Perché rappresenta un segnale di continuità con il cambiamento avviato negli anni passati. Perché rappresenta, allo stesso tempo, un chiaro segno di innovazione e di irruzione nell'arena pubblica cittadina di una nuova sensibilità politica ed amministrativa, nuove idee, nuovi stili di governo.Oggi Cosenza è in bilico. Il centrosinistra ha sufficienti energie per continuare, completare e arricchire la trasformazione della città. Tuttavia difetta del coraggio politico per un sussulto e una strategia unitaria. Dall'altro, il centrodestra aspetta che siano le divisioni del centrosinistra a consegnargli il governo della città.
Il nostro appello accorato è per una ripresa del dialogo costruttivo e unitario tra le forze del centrosinistra. La città ne ha bisogno!

Rosa Adamo, Fabrizio Aggarbati, Giovanni Anania, Riccardo Barberi, Roberto Bartolino, Giorgio Bernabò, Sabrina Bruno, Vittorio Cappelli, Ada Cavazzani, Domenico Cersosimo, Renata Ciaccio, Filippo Cinnanante, Angela Costabile, Michele Costabile, Franco Crespini, Pierangelo Da crema, Giuseppe De Bartolo, Fernanda Farina, Demetrio Festa, Daniele Gambarara, Silvio Gambino, Giovanni Giannatasio, Paolo Jedlowski, Davide Infante, Angelo Liguori, Laura Luchi, Maliria Marchetti, Nicola Merola, Giuseppe Nisticò, Rosanna Nisticò, Federico Parise, Franco Piperno, Ilario Principe, Antonio Procopio, Francesco Rossi, Nino Russo, Albino Saccomanno, Anna Salvo, Renate Siebert, Cesare Umeton, Gisèle Vanhese.

TOP


18/01/2002

Giacomo Mancini jr, deputato al Parlamento, rappresentato e difeso dall'Avv. Carmelo Salerno, ha notificato, presso i rispettivi luoghi di residenza, atti di citazione al Sen. Achille Occhetto ed al Dott. Paolo Palma, per ottenere il rimborso delle spese elettorali sostenute in loro favore in occasione delle elezioni politiche del 13 Maggio 2001.
In particolare, si tratta del rimborso di spese, tutte debitamente documentate, sostenute per l'organizzazione di alcune manifestazioni pubbliche ( ad esempio manifestazione di chiusura della campagna elettorale, cene, lavoro di segreteria, volantinaggio, affissione di manifesti), cui hanno partecipato il Sen. Occhetto e il Dott. Palma, e di altre attività delle quali gli stessi hanno beneficiato.
Gli oneri economici per l'organizzazione e l'esecuzione di dette manifestazioni erano stati anticipati esclusivamente dall'On. Mancini il quale, con la proposizione dell'azione giudiziaria innanzi il Tribunale di Cosenza, richiede il rimborso pro quota delle spese sostenute.
L'azione intrapresa fa seguito ad una serie di richieste, formulate dal mandatario elettorale dell'On. Mancini, per ottenere bonariamente il rimborso di quanto anticipato alla quale Occhetto e Palma avevano risposto riconoscendo il loro debito, ma sostenendo in modo risibile la mancanza di una preventiva contrattazione tra le parti.

TOP


18/01/2002

Giacomo Mancini jr, deputato al Parlamento, socialista iscritto al gruppo DS-U, membro della commissione Giustizia della Camera dei Deputati, in riferimento al resoconto a firma di Mattia Feltri dal titolo "Il prigioniero, cronaca quotidiana del tempo spezzato di Adriano Sofri" pubblicato da Il Foglio del 18-1-2002, ha redatto la seguente nota:

"Ho letto con grande interesse "Il prigioniero, cronaca quotidiana del tempo spezzato di Adriano Sofri".
Non ho pudore a dire che mi sono profondamente commosso.
Il resoconto di Mattia Feltri deve costituire momento di attenta riflessione.
Cosa c'entrano gli agghiaccianti particolari riferiti dal cronista con il principio costituzionale secondo il quale la pena deve tendere alla rieducazione del condannato?
Il fatto che Sofri e, con lui, tutti i reclusi nel carcere Don Bosco di Pisa siano costretti a trascorrere le giornate in piccole celle illuminate soltanto da luce al neon che provoca gravi danni alla vista, il fatto che sia impedito loro di avere la disponibilità di lampade da tavolo e da letto, il fatto che durante la notte si ripeta anche per tredici volte il rito della battitura dei ferri da parte delle guardie penitenziarie impedendo il riposo ai detenuti, il fatto che sia vietato l'uso di qualsiasi pomata che allievi il prurito per le punture delle zanzare, il fatto che sia impedito di coltivare anche una sola piccola piantina nella propria cella, tutto ciò non è degno di uno stato democratico.
Questo sistema di divieti ed il tipo di vita che ne consegue in nulla differiscono da una vera e propria tortura quotidiana.
Mi chiedo perché di questa ignobile situazione che si vive nelle carceri del nostro paese non si parli: perché il dottor Caselli, che pure delle carceri è stato il responsabile, non dice una sola parola nelle sue frequenti articolesse? perché il dottor Borrelli, non dedica nemmeno un passaggio delle sue invettive a questa drammatica situazione?
Il Parlamento non può ignorare questa agghiacciante realtà, che per quanto mi riguarda non potrò che denunziare con grande forza al Presidente della Commissione Giustizia ed agli altri colleghi membri chiedendo una attivazione immediata.
Da deputato della sinistra, poi, mi auguro che la mia parte politica abbia la volontà di spendersi in questa direzione per garantire a Sofri ed a quelle decine di migliaia di extracomunitari che affollano le nostre carceri, perché condannati a volte anche per piccoli reati, per i quali magari non hanno avuto una difesa qualificata e preparata, un trattamento che sia rispettoso della dignità umana".

Giacomo Mancini Jr

TOP


21/01/2002

La nostra campagna elettorale per l'elezione del nuovo Sindaco è iniziata ufficialmente con la manifestazione dell'otto gennaio che si è svolta nel cinema Italia, gremito in ogni ordine di posto e straboccante di cittadini, durante la quale il Sindaco Giacomo Mancini, l'artefice del rilancio di Cosenza grazie all'opera amministrativa iniziata nel 1993, ha presentato ai cosentini la candidatura di Eva Catizone, docente dell'Università della Calabria ed ottimo assessore della sua squadra.
Nel corso della manifestazione il Sindaco ed il candidato a Sindaco hanno illustrato gli ottimi risultati conseguiti nel corso di questi anni ed hanno tratteggiato i programmi futuri evidenziando come ogni sforzo sarà compiuto per rafforzare il modello amministrativo affermatosi a Cosenza ed additato anche dall'Unione Europea come esempio di buona amministrazione.
Il Sindaco poi, in maniera chiara, ha anche affermato che su questo progetto è bene accetta la collaborazione ed il sostegno di tutti coloro i quali in questi anni, hanno contribuito con i rispettivi ruoli e le loro diverse competenze, a consolidare il "Modello Cosenza" ed a questo proposito il Sindaco ha testualmente affermato: <Le nostre porte sono aperte a tutti>.
Per tutta risposta una settimana dopo in una saletta angusta dell'Hotel Royal, alcuni dirigenti politici hanno presentato la candidatura di Salvatore Perugini in contrapposizione a quella di Eva Catizone.
Saranno gli elettori a valutare la bontà e le ragioni di questa seconda candidatura che a noi sembra sostenuta da forze unite tra di loro soltanto dall'avversione personale che nasce dai motivi più vari e più disparati, nei confronti del nostro Sindaco.
Per quanto ci riguarda i giochi sono fatti e non è il caso per questo di alimentare trattative sottobanco che hanno l'unico obiettivo di indebolire la nostra candidata. Mai e poi mai potremmo accettare che faccia parte della nostra compagine chi in questi anni è sempre stato contrario all'opera dell'Amministrazione Mancini, costruendo palazzi abusivi, diffamando a mezzo di quella stampa nostra nemica, insultando con invettive tipiche del vicolo.
Le forze che con chiarezza e con determinazione hanno apprezzato la candidatura di Eva Catizone devono iniziare a lavorare nei quartieri ed in giro per la città affinché il nome di Eva Catizone venga conosciuto e sostenuto.
L'avversario da battere è rappresentato dalla destra che si presenta agguerrita e che può vantare al suo arco gli strumenti ed i mezzi che gli provengono dal governo nazionale e da quello regionale.
Per questo è bene non attardarsi in inutili tatticismi ammantati da pretese di partecipazione alla prossima fase di governo.
L'impegno di tutti deve essere teso alla vittoria e deve essere limpido e non caratterizzato da furbizie che non sono recepite come positive da noi come dall'intero corpo elettorale.

IL DIRETTIVO PROVINCIALE

TOP


22/01/2002

Il candidato a Sindaco dei PSE-Lista Mancini, Eva Catizone, ha scritto ai segretari provinciali del PDCI, dei DS, dei Verdi e dello SDI per informarli di aver ricevuto in mattinata una lettera afirrna dell'ex parlamentare Mario Brunetti.
"Vi trasmetto- scrive Eva Catizone ai segretari dei partiti della sinistra- per vostra opportuna e doverosa conoscenza, nell' ambito dei rapporti di collaborazione esistenti in vista della tornata elettorale che ci vedrà prossimamente impegnati, la lettera che ho ricevuto in data odierna.
A questa lettera- sottolinea ancora la Catizone- ritengo di non dover rispondere in quanto rappresenta una autentica provocazione.
Le parole di Brunetti non meritano alcun seguito, anche perché provengono da persona che, a quanto pare, non farebbe più parte del PDCI".

TOP


22/01/2002

Le difficoltà nell'approvvigionamento idrico che interessano costantemente la città di Cosenza ed i comuni serviti dall'acquedotto dell'Abatemarco, sono state portate all'attenzione el Parlamento e del Governo centrate dal Deputato dei Pse Giacomo Mancini jr.
Il giovane parlamentare già ne lo scorso mese di luglio, aveva presentato un'interrogazione urgente in seguito al movimento franoso verificatosi nel territorIo di San Marco Argentano e che, come si ricorderà, aveva fortemente danneggiato la condotta adduttrice dell'acquedotto con conseguenti gravi disagi per gli utenti. La popolazione infatti era stata costretta a rifornirsi dei prezioso liquido presso le autobotti predisposte dai vigili del fuoco e dalla protezione civile. Questa mattina, a distanza di circa sette mesi il Governo ha inteso rispondere alle sollecitazioni, avanzate da Mancini jr, per mezzo del Sottosegretario all'ambiente e alla tutela del territorio Antonio Martuscello, il quale ha dovuto prendere atto che per la stessa condotta adduttrice dell'Abatemarco, sono ancora in corso le verifiche geologiche per individuare un percorso alternativo rispetto a quello ancora sottoposto al rischio di parziale o totale interruzione. Sì tratta di un quesito molto attuale - ha detto il giovane Deputato in aula, replicando al Sottosegretario - dal momento che il danno verificasi il sette luglio scorso potrebbe nuovamente accadere, considerata la condizione critica in cui versa l' acquedotto Abatemarco, uno dei più importanti della Calabria. La crisi strutturale ha aggiunto il parlamentare del Pse è dovuta principalmente al fatto che l'acquedotto è situato in una zona soggetta a frane; inoltre le tubazioni in acciaio sono sprovviste di protezione soggette pertanto a corrosione". Nel concludere il proprio intervento l'On. Mancini jr ha voluto sottolineare che "nella regione Calabria non mancano i corsi d'acqua e tuttavia l'acqua periodicamente manca nelle case dei cittadini. L'auspicio è che la città di Cosenza, capoluogo importante del Mezzogiorno d Italia, che in questi anni ha fatto registrare un notevole sviluppo, possa essere servita da un acquedotto funzionante, che eroghi acqua e che non costringa i suoi Cittadini a vivere in condizioni assai difficili, come quelle verificatesi nel luglio scorso".

TOP


23/01/2002

Il Deputato Giacomo Mancini jr, nell'ambito dei lavori della Commissione Giustizia della Camera della quale è membro, ha rivolto un appello al Presidente Gaetano Pecorella, per sensibilizzarne l'attenzione sulle condizioni, in alcuni casi agghiaccianti ed indegne di uno Stato di diritto,, nelle quali versano i detenuti delle carceri italiane. Richiamandosi ad un recente articolo di Mattia Feltri relativo alle sofferenze di Adriano Soffi, rinchiuso nel carcere Don Bosco di Pisa, il giovane parlamentare ha sottolineato come tra l'altro, i detenuti vengano sottoposti alla cosiddetta battitura dei ferri per tredici volte che ne impedisce il riposo notturno e che agli stessi venga vietato l' uso delle normali lampadine elettriche al posto delle luci al neon che danneggiano la vista o addirittura l'applicazione di pomate che alleviano le punture degli insetti. 'Non si può rimanete indifferenti - ha detto Mancini Jr rivolgendosi anche agli altri componenti della Commissione nè come giuristi nè come uomini, di fronte a così gravi denunce di costanti violazioni del rispetto dei diritti umani". Il Presidente della Commissione Giustizia, Gaetano Pecorella ha accolto favorevolmente l'invito del Deputato del Pse, condividendone le osservazioni e lamentandosi dell'inefficienza di molti tribunali di sorveglianza che, con una presenza più assidua dei magistrati, potrebbero garantire condizioni di detenzioni più umane. La denuncia sollevata dal giovane parlamentare ha raccolto il plauso anche da parte dei sottosegretari di stato Giuseppe Valentino e Jole Santelli. In particolare, l' on. Valentino, dopo aver preso atto dell'allarmante quadro esposto da Mancini jr. ha assicurato la disponibilità del Governo ad effettuare una ricognizione di verifica, riconoscendo inoltre che in alcuni casi, esistono delle responsabilità oggettive da parte dei magistrati d sorveglianza.

 

TOP


24/01/2002

Il Deputato dei Pse Giacomo Mancini li. ha inteso esprimere la propria convinta partecipazione alla manifestazione di protesta programmata dalle organizzazioni sindacali per la giornata di domani.
Il giovane parlamentare ha ribadito come le conquiste sociali dei lavoratori, che per anni si sono battuti per vedere riconosciuti i propri legittimi diritti, non possono essere cancellate dall' azione governativa del centro-destra, tesa a sminuire in maniera sensibile la funzione esercitata dalle associazioni di categoria, senza tener conto delle esigenze e delle richieste dei lavoratori stessi.
"Il prezioso ruolo ricoperto dal sindacato è scritto nella nota dell'on. Giacorno Mancini jr. - non può essere pregiudicato dall'atteggiamento antidemocratico che contraddistingue esecutivo guidato da Berlusconi. E' giusto che in questo momento il sindacato faccia sentire forte la voce dei lavoratori, ma è anche giusto che si parli e si spenda qualche parola nei confronti dei disoccupati e di quei giovani che ancora sperano di potersi inserire nel inondo del lavoro, anche a tempo determinato In questa direzione - ha aggiunto il parlamentare del Pse è necessario promuovere l'avviamento di idee e di progetti moderni, basati sull'applicazione delle nuove tecnologie che possono rappresentare una risorsa a beneficio di coloro che sono in cerca di prima occupazione. Un moderno sindacato ha concluso Mancini Jr - -deve battersi per la difesa di chi un lavoro già ce l'ha, ma ,in maniera analoga e con lo stesso vigore, deve battersi per promuovere lo studio di nuove opportunità in grado di garantire un futuro stabile ai giovani che ambiscono ad entrare all' interno del tessuto occupazionale."

Salvatore Magarò

TOP


28/01/2002


Il Deputato Giacomo Mancini jr ha incontrato sabato sera, presso la sede del municipio, il Sindaco di Santo Stefano di Rogliano Franco Garofalo, unitamente ad una delegazione della Giunta e del Consiglio Comunale del piccolo centro del Savuto. Un cordiale confronto che rientra nelle iniziative avviate dal giovane parlamentare per mantenere e rafforzare il rapporto con il territorio e per raccogliere direttamente dai cittadini quelle istanze e quelle problematiche spesso ignorate dalle istituzioni. "Sono particolarmente grato all'on. Mancini jr - ha esordito il Sindaco Garofalo - per il costante impegno che egli da parlamentare dedica a beneficio delle nostre comunità. In un momento nel quale si avverte l'esigenza di restituire dignità alla politica, con la Regione Calabria troppo spesso distante e avulsa dalle realtà locali, ci sentiamo invece pienamente rappresentati in seno al Parlamento". Garofalo ha quindi ringraziato il Deputato del Pse per il proprio autorevole intervento a difesa della Valle del Savuto, nella quale l'amministrazione regionale aveva nei giorni scorsi manifestato l'intenzione di allocare un impianto di smaltimento dei rifiuti. "L'interpellanza presentata da Mancini jr al Ministro dell'Ambiente - ha detto Garofalo - ha consentito di richiamare l'attenzione del Governo su un'iniziativa calata dall'alto in maniera arbitraria e senza tenere in alcun conto le caratteristiche paesaggistiche ed ambientali di una porzione di territorio che meriterebbe ben altra destinazione".
La carenza dei collegamenti con il capoluogo e l'alto tasso di disoccupazione sono stati alcuni degli argomenti successivamente trattati dal Sindaco di Santo Stefano.
In merito, Giacomo Mancini jr ha sottolineato come l'assenza di un efficace politica dei trasporti penalizzi fortemente anche le attività imprenditoriali: "Per incentivare gli investimenti anche nei territori del Savuto - ha detto il giovane parlamentare - è necessario che la Calabria esca dall'isolamento e si riavvicini all'Europa. Sono passati otto mesi dall'insediamento del Governo Berlusconi ma da allora nulla è cambiato. L'attivazione del progetto Bin-Bus ha dato un primo importante impulso allo sviluppo dei collegamenti nell'ambito dell'area urbana cosentina. Ma bisogna anche battersi affinché la vetusta linea delle ferrovie della Calabria venga potenziata, così come le infrastrutture viarie ed in particolare la Superstrada Piano Lago-Coraci, siano finalmente portate a compimento. Sono convinto - ha aggiunto il Deputato del Pse - che i comuni del Savuto meritano una maggiore considerazione ed è su questi obiettivi che i nostri sforzi devono convergere. Invece i parlamentari che mi hanno preceduto in passato non sempre hanno saputo operare in favore delle popolazioni che li avevano eletti. Il mio auspicio è che questi incontri amichevoli con i rappresentanti degli enti locali possano ripetersi con maggiore frequenza per consentire un reciproco e costruttivo scambio di idee".

TOP


04/02/2002

Giacomo Mancini jr, deputato al Parlamento, ha presentato un'interrogazione al Ministro per le attività produttive, On. Antonio Marzano, per sapere se non ritenga che le ultime scelte operate dalla dirigenza dell'ARSSA siano confliggenti con gli scopi di promozione e di valorizzazione di prodotti calabresi che la legge istitutiva attribuisce all'Ente.
Nelle scorse settimane, infatti, sono state chiuse senza alcuna apparente motivazione i centri vendita presenti nei comuni di S.Giovanni in Fiore di Locri di Lametia e di Crotone e contemporaneamente è stato aperto un punto vendita a Paola che ha innescato una seria di critiche da parte sia dei cittadini, sia degli esercenti paolani e sia degli stessi dipendenti dell'ARSSA.

TOP


08/02/2002


Giacomo Mancini jr, deputato al Parlamento, ha espresso la propria solidarietà al dott. Alberto Liguori, magistrato di sorveglianza presso il Tribunale di Cosenza, vittima nei giorni scorsi di una grave intimidazione.
Il parlamentare socialista, nel corso del cordiale colloquio telefonico, ha dichiarato al magistrato cosentino che "i rappresentanti delle istituzioni democratiche devono essere vicini a quei magistrati che esercitano la loro delicata funzione con riserbo e con dedizione esprimendo il loro impegno unicamente attraverso il silenzio dei propri atti.
La magistratura di sorveglianza che ha il compito di fare osservare l'esecuzione delle pene deve trovare supporto quando si pone come obiettivo l'effettiva attuazione del principio costituzionale che sancisce la rieducazione della pena.
Purtroppo all'interno delle carceri il regime al quale sono sottoposti i detenuti troppo spesso assomiglia ad una vera e propria tortura che impedisce, anche, ai bravi agenti penitenziari di svolgere al meglio il proprio lavoro. Quando un magistrato mostra attenzione nei confronti di queste problematiche non può che essere apprezzato e sostenuto nella sua azione quotidiana".

TOP


21/02/2002

Il PSE - Lista Mancini ha organizzato un convegno sul tema " Una nuova politica di sviluppo per il rilancio della Calabria e del Mezzogiorno" che si terrà domani 22 febbraio alle ore 18 presso il Cinema Italia di Cosenza.Interverranno il Prof. Beniamino Quintieri, docente di Economia presso l'Università Tor Vergata di Roma ed attualmente Presidente dell'Istituto per il Commercio con l'Estero, il Prof. Domenico Cersosimo, docente di Economia presso l'Unical, il Prof. Pierangelo Dacrema, docente della Bocconi di Milano ed assessore al Comune di Cosenza.
E' anche prevista la partecipazione di Giacomo Mancini jr, Deputato al Parlamento del PSE, e di Eva Catizone, candidato a Sindaco alle prossime elezioni del 26 Maggio.
Gli organi di informazione sono invitati a partecipare.

TOP


 


02/05/2002

Corso Mazzini diventerà un grande salotto.

Tra le opere progettate, finanziate e realizzate dal Sindaco Mancini che hanno cambiato in meglio il volto di Cosenza, molto apprezzata è la nuova Piazza 11 settembre, che costituisce una zona di incontro, di sosta e di passeggio ogni giorno per migliaia di cosentini.
Come spesso è accaduto in questi anni non subito sono stati apprezzati e capiti gli enormi vantaggi che la realizzazione della piazza avrebbe garantito. Infatti i lavori di realizzazione sono stati accompagnati da lunghe polemiche da parte degli oppositori del Sindaco Mancini che ancora una volta hanno dimostrato la loro miopia nel non capire la bellezza dell'opera e l'apprezzamento da parte cittadini che essa avrebbe avuto, una volta compiuta. La nostra volontà oggi è quella di partire da Piazza 11 Settembre per fare della zona centrale di Corso Mazzini e delle sue traverse, un grande salotto all'aperto per tutti i cittadini di Cosenza e dei comuni limitrofi.
Noi pensiamo che la zona centrale debba diventare un'area a traffico limitato, in maniera tale da essere liberata dal traffico e dallo smog delle macchine e resa fruibile a beneficio di tutti i cittadini che lì si vogliono recare per passeggiare e per dedicarsi allo shopping. Il grande salotto, secondo il nostro pensiero, dovrà iniziare da piazza dei Bruzi ed arrivare fino a via Molinella e comprendere le traverse di corso Mazzini delimitate da una parte da via Montesanto e dall'altra, da via XXIV Maggio. In questo modo anche le traverse godrebbero di nuova vita e di maggiore frequentazione anche perché pensiamo che sia giusto pavimentarle ed arredarle nello stesso modo in cui è stata pavimentata piazza 11 Settembre. Così facendo si darebbe la possibilità ai tanti commercianti della zona di migliorare i loro esercizi che diventerebbero fruibili da tutti quei cittadini che oggi non li raggiungono.
11 grande salotto sarà facilmente raggiungibile grazie ad un servizio di autobus ben studiato e soprattutto troverà sfogo nella possibilità di utilizzare il grande parcheggio di piazza Matteotti che è in via di completamento e che ospiterà più di 1000 posti auto.
Sono queste le nostre idee per una zona che oggi grazie a piazza li Settembre è diventata tra le più belle di Cosenza e che deve continuare a crescere e diventare sempre più attraente.


Il Direttivo Provinciale


TOP


05/05/2002

Nel quadro degli incontri programmati con i cittadini, i dirigenti del Pse - Lista Mancini hanno organizzato per domani pomeriggio, alle ore 19 un incontro con cittadini presso i giardini di piazza Giovanni XXIII, lungo viale della Repubblica, di fronte la sede della V circoscrizione. Parteciperanno il candidato alla presidenza della quinta circoscrizione, Luigi Gagliardi e i candidati del Pse al consiglio comunale e al consiglio circoscrizionale Alla manifestazione interverranno il candidato a Sindaco Eva Catizone e il deputato Pse Giacomo Mancini jr. capolista al Consiglio Comunale.

TOP


06/05/2002

Giacomo Mancini Jr Deputato al Parlamento, capolista del Pse-Lista Mancini al Consiglio Comunale, ha rilasciato la seguente dichiarazione.

Nei nove anni di amministrazione del Sindaco Mancini è stata data grande attenzione nei confronti degli impianti sportivi. Prima del 1993 a Cosenza l'unico sport che meritava l'attenzione da parte degli amministratori era il calcio. Giacomo Mancini invece ha voluto che oltre allo sport più amato e più praticato, venisse data importanza a tutti i cosiddetti sport minori e quindi in ogni quartiere ed in ogni frazione sono stati realizzati in poco tempo, impianti ed attrezzature sportive di ogni genere che poi sono state concesse in gestione, alle varie società sportive. Per questo Cosenza è diventata una città dello sport unica nel mezzogiorno d'Italia. Lo stadio San Vito è stato rammodernato con il completamento della curva nord. A fianco è stato costruIto uno stadio per il rugby ed anche un centro per l'atletica leggera.
Prima del Campagnano, alla piscina coperta è stavi affiancata una piscina olimpionica scoperta che è l'unica esistente nel centro-sud. Sono stati realizzati poi il pattinodromo a Via Popilia e tutta una serie di campi da calcetto e da tennis in tutta quanta la città. Grazie al Sindaco Mancini le giovani generazioni di cosentini hanno la possibilità di crescere anche attraverso la pratica sportiva. La nostra volontà è quella di continuare nella direzione intrapresa ed è per questo che riteniamo giusto che anche all' interno delle scuole comunali si possa offrire agli alunni la possibilità di fare sport. In questi anni sono state ristrutturate e rimesse a nuovo diverse palestre nelle scuole cittadine come quelle, soltanto per fare un esempio, di via De Rada. di via degli Stadi. di via Roma, di piazza Spirito Santo, della scuola media Zumbini.
Oggi riteniamo di impegnarci affinché ogni scuola di Cosenza abbia la sua palestra nuova e funzionante. Cosi facendo sarà completato un programma che sta portando velocemente Cosenza allo stesso livello, delle più progredite città europee nelle quali, ogni tipo di sport può essere praticato senza alcuna difficoltà.

TOP


08/05/2002


Giorno 6 maggio, presso il Centro Anziani di Donnici. si è tenuta una riunione per la presentazione della lista del PSE, per la prima circoscrizione. Insieme ai candidati alla circoscrizione, erano presenti l'on. Giacomo Mancini jr e alcuni candidati al consiglio comunale di Cosenza. In questa occasione il candidato Giacomo Bozzo ha avanzato una proposta alternativa per lo sviluppo della zona di Donnici, finalizzata al recupero e alla valorizzazione della zona di Donnici. In accordo con il programma del candidato a sindaco Eva Catione, il progetto prevede l'incentivazione delle attività di produzione, trasformazione, commercializzazione di prodotti tipici della zona. attraverso tecniche di agricoltura biologica.

Tutto ciò dovrà essere accompagnato da uno sviluppo edilizio e infrastrutturale adeguato alle nuove esigenze e dalla nascita di attività di ristoro e di accoglienza sulle colline a sud di Cosenza.

In tal modo Donnici avvierebbe uno sviluppo reale, moderno e diventerebbe un centro produttivo vitale, con opportunità lavorative per giovani, pur mantenendo intatta la sua identità.

TOP


08/05/2002

I dirigenti del Pse-Lista Mancini, nel quadro degli incontri programmati con i cittadini, hanno organizzato per domani sera nove maggio alle ore 20, una manifestazione nel cuore del centro storico di Cosenza. Nell'ultimo tratto di corso Telesio, in largo Von Platen di fronte la salita che conduce presso il vecchio liceo "B. Telesio" sarà presentato il candidato del Pse alla presidenza della terza circoscrizione Umile Trausi. Interverranno il candidato a Sindaco Eva Catizone e l'on. Giacomo Mancini jr, capolista del Pse al Consiglio Comunale.

TOP


09/05/2002

Giacomo Mancini jr, Deputato al Parlamento e capolista del PSE lista-Mancini, ha inviato un messaggio di ringraziamento all'on. Massimi D'Alema protagonista della riuscita manifestazione commemorativa del Sindaco Giacomo Mancini.

Questo il testo:

Caro Presidente,

Ti ringrazio sentitamente per la Tua partecipazione alla manifestazione in memoria di Giacomo Mancini e per lo splendido ricordo di lui che hai consegnato ai tantissimi cosentini presenti al Cinema Citrigno.
La lezione di Giacomo Mancini rappresenta per tutti i giovani dirigenti della sinistra riformista calabrese uno stimolo per lavorare all'unità e alla concordia tra le nostre forze mettendo da parte le ormai inutili contrapposizioni che nel passato. anche recente. sono state causa di rallentamento a solo vantaggio delle forze che ostacolano lo sviluppo della Calabria e del Mezzogiorno.

La nostra volontà è quella di onorare il suo lungimirante pensiero politico lavorando per allargare i tradizionali confini della sinistra, continuando e rafforzando la sua eccellente azione amministrativa che ha permesso a Cosenza di imporsi come un modello amministrativo positivo apprezzato anche da quei cittadini tradizionalmente non vicini alle nostre posizioni.

TOP


09/05/2002

Cosenza O9/maggio/2002 - "L'ospedale è una città nella città ed è per questo che l'amministrazione vigilerà con attenzione al miglioramento di servizi sanitari che riguardano i cittadini di ogni categoria sociale, senza nessuna distinzione o favoritismo cli sorta". Sono le parole di Eva Catizone, candidato a sindaco per il centro sinistra che ha visitato insieme a Giacomo Mancini jr e Maria Francesca Corigliano l'Ospedale di Cosenza. Durante l'incontro sono stati visitati molti reparti per rendersi conto direttamente delle esigenze di chi si trova ricoverato e di chi lavora all'interno di questa nostra importante struttura. Eva Catizone ha voluto ascoltare le richieste dei medici e del personale paramedico e amministrativo soffermandosi soprattutto sulle esigenze degli ammalati. "E' necessario migliorare la qualità della vita di chi si trova in ospedale e che soffre. Tutelare l'ammalato dedicandosi anche alla politica dell'accoglienza e al sostegno alle famiglie. Un'attenzione particolare, poi, deve essere dedicata ai malti terminali. L'occhio dell'amministrazione - ha proseguito Eva Catizone- sarà attento e vigile nei confronti di questi problemi", Poi la discussione con il personale medico si è rivolta verso l'esigenza "diventata urgentissima" di realizzare il reparto di cardiochirurgia nel nostro Ospedale. Ci sono le professionalità, le capacità e anche le strutture per realizzare questo reparto nel nostro ospedale. I tempi sono davvero maturi e ci prodigheremo affinché si giunga presto a quest'importantissimo risultato affinché i nostri concittadini non siano più costretti spostarsi in altre città per sottoporsi a interventi di questo tipo". Sull'ipotesi di chiusura del centro di Emodialisi del Mariano Santo che è circolata in questi giorni Eva Catizone è stata categorica: "Si tratta di un'inaccettabile politica di depauperazione del territorio cosentino. C'è una visione della sanità troppo personalistica che va contro gli interessi del cittadino. Non riesco a capire a chi porterebbe beneficio lo spostamento di una così importante realtà sanitaria locale, che tra l'altro ha costi di gestione relativamente bassi, in un'area più decentrata rispetto alla città. Noi siamo per l'apertura di altre strutture sanitarie, non per il taglio di quelle esistenti. Se si deve risparmiare che lo si faccia su altre voci di bilancio e non sui servizi sociali che migliorano la qualità della vita e della salute dei nostri cittadini".


TOP


10/05/2002

Su iniziativa dei dirigenti del Pse-Lista Mancini si è svolta ieri sera una partecipata manifestazione nel cuore del centro storico di Cosenza, per la presentazione del candidato alla presidenza della terza circoscrizione Umile Trausi. Sul palco allestito in largo Von Platen, lungo l'ultimo tratto di corso Telesio, ha introdotto il segretario provinciale del partito Salvatore Magarò, il quale ha ricordato la figura del sindaco Mancini e l'impegno da lui profuso per rivalutare il patrimonio di Cosenza vecchia, per riportare a nuova vita i tanti quartieri e per rendere più funzionali i servizi anche in questa zona della città. Successivamente ha preso la parola il deputato del Pse Giacomo Mancini jr, capolista al consiglio Comunale. "Da questa piazza tante battaglie sono iniziate , ha detto, Proprio da qui abbiamo intrapreso l'azione amministrativa che tanti benefici ha apportato alla nostra città. Nel 1993 il centro storico era buio, squallido, abbandonato, poco frequentato, emarginato e considerato come un luogo assolutamente da evitare. Adesso invece è diventato il simbolo della rinascita - ha aggiunto - meta preferita nelle ore notturne di tutti i cosentini e dei tanti giovani che vengono dalla nostra provincia. Sono tutti segnali che indicano il cambiamento intervenuto a Cosenza e che rappresentano il lavoro di un sindaco capace di capire quanto fosse importante per la nostra comunità la crescita e lo sviluppo sociale e culturale della parte antica del capoluogo. Da qui è iniziato il Modello Cosenza, conosciuto e apprezzato da tutti i cittadini, da qui vogliamo continuare e pensiamo a migliorare anche le zone interne - ha concluso Giacomo Mancini jr - come Santa Lucia, con il contratto di quartiere e per tutte le vie interne fino ad arrivare al Castello che sarà possibile raggiungere anche attraverso i nuovi percorsi meccanizzati che consentiranno di fruire di tutta la città storica. Da P.zza Duomo sarà cosi possibile raggiungere brevemente Via Vittorio Emanuele e il Castello da una parte, l'Arenella, Corso Plebiscito e Palazzo Arnone dall'altra, mentre si sta valutando l'opportunità di meccanizzare il collegamento da Piazza Valdesi a Santa Lucia.
Tra pochi giorni poi sarà aperta una parte importante della Villa Vecchia che diventerà un bel polmone verde per il quartiere e la città.".
L'intervento del candidato a Sindaco Eva Catizone ha concluso la serata. "Vi chiedo di ricordare come fosse l'ex albergo Bologna, piazza Prefettura, questi luoghi che oggi frequentiamo con grande piacere. Era necessario compiere una riqualificazione di questa parte del centro storico di Cosenza per giungere gradatamente ad un recupero più globale. Chi continua ad asserire che la nostra città non è cambiata o è cieco o continua a fingere di non vedere".


TOP


12/05/2002

Il segretario provinciale del Pse-Lista Mancini, Salvatore Magarò, ha rilasciato la seguente dichiarazione.

Nei prossimi giorni verrà a Cosenza Gianfranco Fini, Vicepresidente del Consiglio dei Ministri e leader che ha saputo trasformare la destra da forza antisistema a parte importante del Governo del Paese. A Cosenza come al solito sarà accolto da tanti cittadini che ne condividono i ragionamenti ed i programmi e che sono orgogliosi per la sua presenza qualificata al Governo ma che nel contempo non capiscono come mai la destra della nostra città, che ha storia e tradizioni rispettabili, sia rappresentata da un rozzo personaggio consigliere regionale del Lazio che nulla sa della storia della nostra città, nessuno conosce e niente rappresenta.Livido, nella sua mortifera presenza a Cosenza si è distinto unicamente per una lunga e interminabile serie di insulti nei confronti del Sindaco Mancini che perdurano anche oggi che lui non c'è più. I primi a dolersene sono proprio i tanti militanti di destra che amano Fini ma detestano Livido, che amano Cosenza e vogliono che si affermi sempre più come città importante del Mezzogiorno d'Italia e che in nessun modo la vogliono affidare nelle mani di ex socialisti ed ex democristiani che hanno portato i propri affari ed i propri interessi sotto le insegne di Forza Italia.
Dalla destra cosentina ci separano tante cose ma ci unisce l'amore nei confronti di Cosenza e la volontà di far rimanere Cosenza ai livelli importanti che ha raggiunto grazie al lavoro del Sindaco Mancini che, tra i tanti meriti, ha avuto la capacità di coinvolgere nelle scelte importanti per la nostra città, tante personalità ed intelligenze vicine alla destra ma tenute lontane dalla gestione del partito da Livido e dalle sue cortigiane.

Salvatore Magarò

TOP


12/05/2002

I dirigenti del Pse-Lista Mancini, nel quadro degli incontri programmati con i cittadini, hanno organizzato per questa sera alle ore 19.30, una manifestazione in piazza Giacomo Mancini, presso l'inizio del viale Parco. Sarà presentato il candidato del Pse alla presidenza della quarta circoscrizione prof. Manlio Luise. Interverranno il candidato a Sindaco Eva Catizone e l'on. Giacomo Mancini jr, capolista del Pse al Consiglio Comunale.

TOP


13/05/2002

I dirigenti del Pse-Lista Mancini, nel quadro degli incontri programmati con i cittadini, hanno organizzato per domani sera 14 maggio alle ore 17, presso il palazzetto dello sport di Via Popilia, una manifestazione con la partecipazione dei giovani inseriti nelle cooperative sociali. Successivamente, alle ore 19.30 il direttivo del partito incontrerà i cittadini di Via Popilia presso il secondo lotto, in via Gennaro Tassiani. Interverranno il candidato a Sindaco Eva Catizone e l'on. Giacomo Mancini jr, capolista del Pse al Consiglio Comunale. Saranno presenti gli altri candidati.

TOP


13/05/2002

Giacomo Mancini jr, Deputato al Parlamento, ha presentato un'interrogazione urgente al Ministro della Salute prof. Sirchia per sapere se non ritenga utile sollecitare l'approvazione da parte della Giunta Regionale della Calabria e poi del CIPE del progetto per la realizzazione di un centro di ricerche biomediche e di servizi integrati, per soggetti con lesioni cerebrali o midollari e con disturbi osteo-muscolari, in età pediatrica ed adulta.

L'idea è nata per iniziativa del Comune di Cosenza, l'A.O. di Cosenza e l'ASL che hanno fatto proprie le richieste e gli studi dell'arch. Vincenzo Gallo e della dott.ssa Giovanna Riccipetitoni, primario di chirurgia pediatrica dell'ospedale di Cosenza.

L'approvazione di tale importante progetto permetterebbe la realizzazione a Cosenza di un centro sanitario con 95 posti-letto nell'area ospedaliera di Cosenza nei pressi dell'ospedale Mariano Santo, ed un centro di ricerca tecnologica biomedica che i tecnici hanno ipotizzato di localizzare nel parco scientifico dell'Università.

Il Deputato di Cosenza ha fatto notare la necessità di tali strutture, uniche nel Mezzogiorno d'Italia che garantirebbero un'assistenza specializzata a tanti disabili offrendo nuove speranze a tante famiglie che vivono con sofferenza e con rassegnazione l'essere disabili dei propri cari.

TOP


13/05/2002

Il direttivo del Pse-Lista Mancini, nel quadro degli incontri programmati con la cittadinanza, hanno programmato per giovedì 16 maggio, alle ore 19 presso piazza Santa Maria a Donnici Inferiore, una manifestazione con la partecipazione dei cittadini. Il candidato alla presidenza della prima circoscrizione, Stefania Vitelli, illustrerà le linee guida del programma. Interverranno il candidato a Sindaco Eva Catizone e l'on. Giacomo Mancini jr, capolista al Consiglio Comunale.


TOP


13/05/2002

I dirigenti del Pse-Lista Mancini, nel quadro degli incontri programmati con i cittadini, hanno organizzato per domani sera 14 maggio alle ore 17, presso il palazzetto dello sport di Via Popilia, una manifestazione con la partecipazione dei giovani inseriti nelle cooperative sociali. Successivamente, alle ore 19.30 il direttivo del partito incontrerà i cittadini di Via Popilia presso il secondo lotto, in via Gennaro Tassiani. Interverranno il candidato a Sindaco Eva Catizone e l'on. Giacomo Mancini jr, capolista del Pse al Consiglio Comunale. Saranno presenti gli altri candidati.

TOP


13/05/2002

Mercoledì 15 maggio alle ore 11 presso l'hotel Royal di Cosenza, Giacomo Mancini jr, deputato al Parlamento e capolista del PSE-Lista Mancini, e Eva Catizone, candidato a Sindaco, presenteranno le nuove dieci ambizioni per continuare il lavoro del Sindaco Mancini.
Grazie all'infaticabile lavoro di Giacomo Mancini e della sua squadra di collaboratori preparati ed intelligenti, Cosenza è cambiata in meglio.
Ogni aspetto della vita dei cittadini è migliorato: dalla cultura allo sport, dalle occasioni occupazionali alla crescita economica, dalle possibilità per il tempo libero alla cura degli spazi verdi.
L'ambizione del PSE-Lista Mancini è quella di continuare il lavoro del Sindaco Mancini confermando i successi ottenuti e conseguendone di nuovi e più esaltanti. Per fare questo il PSE- Lista Mancini presenterà ai cosentini dieci nuove idee da realizzare nei prossimi cinque anni da parte de Eva Catizone e la sua Amministrazione.

TOP


14/05/2002

Tobia Cornacchioli, candidato al Consiglio Comunale con il PSE-Usta Mancini ha rilasciato la seguente dichiarazione:

Tra i trentatre ( un numero che è tutto un programma ) punti programmatici presentati dal candidato degli oppositori del Sindaco Mancini, spicca quello che prevede che l'indennità che il tipografo noto a Montalto dovrebbe percepire come Sindaco sarebbe devoluta in beneficenza ai cittadini meno abbienti. Questo intendimento la dice lunga sulla cultura" del candidato degli oppositori del Sindaco Mancini che evidentemente ritiene che un amministratore debba fare elemosina nei confronti dei cittadini che egli amministra e non debba invece lavorare affinché le differenze di condizioni sociali vengano diminuite a favore di coloro che vivono nel bisogno.

Cosenza non ha bisogno di ricchi tipografi che concedono piaceri ed elargizioni ma ha bisogno che lo stile di buona amministrazione introdotta dal Sindaco Mancini continui. In questi anni il Sindaco Mancini e la sua squadra hanno lavorato per elevare le condizioni di vita di coloro i quali vivevano nel bisogno e non avevano né opportunità e né diritti. Nei confronti dei meno abbienti è stato fatto l'impossibile: è stato creato lavoro, è stata fornita unabitazione dignitosa. sono state abbattute le barriere urbanistiche tra quartieri popolari e quartieri borghesi.

Si è investito nello sport grazie al quale tanti giovani dei quartieri popolari sono riusciti ad affermarsi.
Cosenza, è soprattutto i poveri di Cosenza. non hanno bisogno di elemosine ma hanno bisogno di attenzione alla risoluzione dei loro problemi. Il nostro movimento ha inserito tra le dieci nuove ambizioni una continua e costante attenzione nei confronti dei quartieri popolari, verso i quali deve continuare il lavoro di miglioramento attraverso la realizzazione di nuove piazze, di nuovi centri di aggregazione. di nuove aree verdi, di maggiori servizi e di maggiore attenzione anche nei confronti degli anziani che lì abitano, con la realizzazione di un ascensore per ogni palazzo popolare.

A nostro giudizio questo è il compito di un buon Sindaco e dei buoni amministratori: non fare elemosina ma lavorare per il miglioramento di tutta la cittadinanza. Ecco perché Giacomo Mancini ha pensato di istituire le cooperative che costituiscono da una parte un servizio offerto a tutta la cittadinanza e dall'altra una fonte di mantenimento per i ragazzi che vi lavorano e per i quali noi pensiamo ad una definitiva stabilizzazione

TOP


14/05/2002

Il PSE-Lista Mancini rappresenta il movimento della continuità con nove anni di amministrazione guidata da Giacomo Mancini.

Il PSE-Lista Mancini ha proposto alla carica di Sindaco Eva Catizone assessore ai rapporti con l'Unione Europea e all'urbanistica.

Tra i candidati del PSE-Lista Mancini spiccano poi tre importanti collaboratori del Sindaco Mancini: Maria Francesca Corigliano, Ortensio Longo, Pietro Mari, che nel corso di nove anni hanno ricoperto incarichi diversi ed importanti nell'amministrazione di Cosenza.
I tre assessori candidati al Consiglio Comunale nei prossimi giorni presenteranno un consuntivo dei risultati ottenuti ed un programma delle ambizioni nei loro settori:


Pietro Mari, giovedì 16 maggio ore 11 nei locali del "Bar Planet", piazza XI Settembre.


Ortensio Longo, sabato 18 Maggio ore 11 sulla confluenza dei fiumi Crati e Busento.


Maria Francesca Corigliano, mercoledì 22 Maggio ore Il presso la Biblioteca dei Ragazzi, piazza dei Bruzi.


A tutti e tre gli incontri saranno presenti il candidato a Sindaco Eva Catizone e il Capolista del PSE Giacomo Mancini jr.

Gli organi di stampa sono invitati a partecipare.

TOP


15/05/2002

Il direttivo del Pse-Lista Mancini, nel quadro degli incontri programmati con la cittadinanza, ha promosso per venerdì 17 maggio due importanti manifestazioni. Alle ore 19 in via Sabotino presso la scalinata Due Leoni, il candidato alla presidenza della IV circoscrizione, Manlio Luise, illustrerà le linee guida del programma. Prevista la partecipazione dei candidati del Pse al consiglio comunale ed al consiglio circoscrizionale. Alle ore 21 invece, al primo lotto di via Popilia è in programma una manifestazione popolare con i cittadini alla presenza di Romeo Naccarato, candidato alla presidenza della VII circoscrizione. Ad entrambe le iniziative interverrà l'on. Giacomo Mancini jr, capolista del Pse al Consiglio Comunale.

TOP


16/05/2002

Giacomo Mancini jr, Deputato al Parlamento e capolista del Pse-Lista Mancini, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

"Cosenza deve diventare ancora di più una città della salute. L'elisoccorso è stata una conquista importante che il Sindaco Mancini ha voluto difendere anche contro il disinteresse dimostrato dal Governo Regionale di destra che non ha erogato alcun contributo. La nostra ambizione è che questa battaglia vinta sia solo il primo passo per avere una sanità migliore in città con maggiori disponibilità per i tanti degenti che meritano di ricevere cure rapide e risolutive senza essere costretti a spostamenti costosi e disagevoli. Grande interesse attribuiamo alla realizzazione del centro ricerche biomediche e servizi integrati sanitari e sociali per soggetti con lesioni celebrali e midollari e con disturbi osteomuscolari".

TOP


16/05/2002

Il coordinatore Provinciale del Pse-Lista Mancini Salvatore Magarò ha rilasciato la seguente dichiarazione:

"Cosenza è l'unico capoluogo di Provincia d'Italia nel quale i reduci della democrazia cristiana sono alleati con il partito della Rifondazione Comunista.
Il motivo dell'alleanza è poco chiaro, anche perché se si pone mente all'azione amministrativa del Sindaco Mancini è evidente come parte significativa del suo operato sia stato a vantaggio di quei soggetti nei confronti dei quali Bertinotti si rivolge quotidianamente.
Il Sindaco Mancini e la sua giunta hanno saputo rispondere ai bisogni degli emarginati, di coloro i quali non avevano diritti e dei disoccupati.Solo per fare un esempio in nove anni sono state realizzate le cooperative, si è intervenuto nell'area del disagio sociale creando assistenza ai detenuti ed assistenza agli anziani, si è attivata una rete di partecipazione alla conoscenza ed alle tante attività culturali anche nei confronti di chi non poteva permetterselo.Ecco perché siamo sicuri che gli elettori di Rifondazione Comunista sapranno apprezzare con il loro voto convinto ad Eva Catizone, i tanti risultati positivi ottenuti dal Sindaco Mancini ed allo stesso tempo sapranno sottolineare come i dirigenti locali del loro partito stanno sbagliando linea e posizionamento politico.Ed è probabilmente per evidenziare la sua contrarietà per le scelte compiute dal suo partito che Bertinotti non verrà a Cosenza.Il segretario di Rifondazione ammirava il Sindaco Mancini e rispettava e condivideva la sua azione politico-amministrative

TOP


16/05/2002

Il candidato del Pse-Lista Mancini Pietro Mari ha rilasciato là seguente dichiarazione:

Tra i volti consueti della politica che si affacciano o tentano di farlo, alle tradizioni della città di Cosenza, ha attratto la mia attenzione quella di un invecchiato e stanco ex ministro craxiano più noto al pubblico per le vicende di tangentopoli e per la passione verso le giovanissime fanciulle piuttosto che per l'incisività della sua attività politica. Questo personaggio, dei quale negli ultimi dieci anni Giacomo Mancini non ha mai inteso parlare, dopo aver millantato improbabili amicizie con l'uomo politico cosentino, ha ritenuto di poter affermare che a Cosenza la Giunta Mancini ha gestito semplicemente l'ordinaria amministrazione. Per passare alla fase delle grandi proposte politiche, costui ha fatto appello agli elettori di Mancini e del Pse nel tentativo di convogliare i voti nel minuscolo partito di centro-destra che rappresenta e che si spaccio per socialista.Il craxiano veneto però evidentemente non conosce il capolista di questo partito il quale, con il partito socialista di Mancini non ha mai avuto nulla a che fare essendo stato al massimo seguace e portaborse dei peggiori amici dli Tanassi e Longo.E quando gli è toccato qualche posto di assessore ha brillato per scarsa efficienza e per la capacità d.i gestione dei propri interessi. Per non fare ulteriori cattive figure l'ex ministro veneto farebbe bene a documentarsi meglio sul curriculum di chi oggi gli è vicino e sul target degli elettori che hanno continuato negli anni a richiamarsi alla linea politica di Giacomo Mancini. Gli elettori del Pse non avranno mai nulla da spartire né con l'ex ministro nè con il suo attuale portaborse.

TOP


19/05/2002

Giacomo Mancini jr, Deputato al Parlamento, Capolista del PSE Lista-Mancini, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

Il Sindaco Mancini ha avuto il merito di fare scoprire i fiumi di Cosenza ai suoi abitanti. Nei decenni passati i cosentini ignoravano i corsi d'acqua della loro città che erano addirittura impediti alla vista da una lunga fila di baracche fatiscenti. La nostra ambizione è quella di fare diventare navigabili il Crati e il Busento così da rendere possibile la pratica di attività sportive come il canottaggio e la pesca. Il Parco fluviale avrà un suggestivo specchio d'acqua che favorirà l'integrazione con le attività che già vi si svolgono

TOP


19/05/2002

Il Pse-Lista Mancini ha organizzato per lunedì 20 maggio alle ore diciotto presso il cinema Modernissimo di corso Mazzini a Cosenza, una manifestazione elettorale con la partecipazione del direttivo e dei candidati del movimento politico. Eva Catizone. candidato a Sindaco e l'On. Giacomo Mancini jr, deputato al Parlamento e capolista del Pse-Lista Mancini al consiglio Comunale, incontreranno i giornalisti per dibattere sui temi e sui programmi inerenti le prossime elezioni amministrative.

I giornalisti sono invitati ad intervenire.

TOP


20/05/2002

Nel quadro degli incontri promossi con i cittadini dal direttivo del Pse-Lista Mancini, si svolgerà domani sera, 21 maggio, alle ore 19,30 presso le palazzine popolari della zona di Torre Alta a ridosso di Via Sicilia, una manifestazione con la partecipazione dei candidati al consiglio comunale ed alle circoscrizione. Successivamente alle ore 21, in via Popilia, il direttivo del Pse parteciperà ad una manifestazione organizzata presso il quartiere Vaglio Lise.
Altre manifestazioni sono in programma mercoledì 22 maggio, alle ore 18, nella piazzetta di via degli Stadi e alle ore 21 nel Rione Bellavista, sempre in via Popilia. A tutti gli incontri interverranno il candidato a Sindaco Eva Catizone ed il Deputato Giacomo Mancini jr, capolista al Consiglio Comunale di Cosenza.

TOP


20/05/2002

Il Segretario Provinciale del Pse-Lista Mancini, Salvatore Magarò, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

Domenica scorsa Gianfranco Vini, vice presidente del Consiglio e leader di Alleanza Nazionale, è arrivato nella nostra città per il consueto comizio a Piazza Vera.
Questa volta ad attenderlo non c'era la folla oceanica che, negli anni scorsi, aveva fatto da cornice ai suoi interventi.
Non sono neanche serviti i torpedoni partiti da Rossano e da Corigliano per riempire la piazza.
Ciononostante Gianfranco Vini si è rivelato leader attento ed intelligente, dimostrando indubbie capacità di uomo di Governo, le cui scelte politiche possono essere condivise o criticate, ma che comunque denotano uno stile ed un rispetto del confronto democratico.
Nel suo intervento il vice presidente del Consiglio non ha fatto nessun accenno a Cosenza, né tantomeno alle elezioni amministrative che si celebreranno tra meno di una settimana.
Ha invece parlato di politica nazionale ed internazionale, dei temi del lavoro e della sicurezza. Ha tenuto a presentarsi come leader di una destra tranquilla e di Governo, che mette definitivamente da parte l'invettiva e lo scontro personale.
Anche questa volta lo stile di Fini è stato apprezzato dai militanti della destra presenti in piazza e dagli elettori della destra residenti a Cosenza, che anche questa volta non potranno evitare di confrontare la linea moderata di Fini con quella unicamente basata sull'insulto, sulla contumelia e sull'offesa personale, portata avanti in questi anni dal capomanipolo Livido.
La destra cosentina è assai migliore dei suoi dirigenti locali, che in questi anni non hanno reso un buon servizio alla città ed all'elettorato che guarda con favore a Fini.
Livido ed i suoi accoliti sono stati capaci soltanto di gridare, di insultare e di calunniare, con l'aggiunta di aver tentato un colpo di stato anti-democratico nei confronti dell'amministrazione eletta dai cittadini. imponendo alla guida del CORECO un presidente incompatibile che calpestando ogni regola ha bocciato il bilancio comunale ed oggi, per premio, è stato candidato nella lista di AN.
Gli elettori di destra di Cosenza, come noi, amano la città e sebbene da noi sono divisi da tante cose, insieme a noi concordano sul fatto che Cosenza deve continuare ad imporsi a livello nazionale senza correre il rischio di tornare indietro ed affidarsi a quegli ex socialisti, ora in Forza Italia, che negli anni ottanta, utilizzando il tema dell'antifascismo, hanno amministrato Cosenza sfruttando il Comune per aumentare i propri affari e le proprie clientele, facendo cadere la città nell'ignominia.

TOP


21/05/2002

Nel quadro degli incontri promossi dal PSE-Lista Mancini per ribadire la continuità rappresentata dal movimento con i nove anni di amministrazione guidata da Giacomo Mancini e che si concretizza con la candidatura a Sindaco di Eva Catizone, già assessore ai rapporti con l'Unione Europea e all'urbanistica, si svolgerà domani alle ore li, presso la Biblioteca dei Ragazzi in piazza dei Bruzi, una conferenza stampa di Maria Francesca Corigliano, candidata al consiglio comunale del Pse-Lista Mancini e già assessore alla scuola e alla diffusione del libero di Palazzo dei Bruzi. Come avevano già inteso fare nei giorni scorsi gli assessori Pietro Mari e Qrtensio Longo, Maria Francesca Corigliano presenterà un consuntivo dei risultati ottenuti ed un programma delle proprie ambizioni nel settore di competenza.

All'incontro saranno presenti il candidato a Sindaco Eva Catizone e il deputato Giacomo Mancini jr. capolista del PSE al consiglio Comunale.


Gli organi di stampa sono invitati a partecipare.

TOP


21/05/2002

Nel quadro degli incontri promossi dal PSE - Lista Mancini per ribadire la continuità rappresentata dal movimento con i nove anni di amministrazione guidata da Giacomo Mancini e che si concretizza con la candidatura a Sindaco di Eva Catizone già assessore ai rapporti con Unione Europea e all'urbanistica, si è svolta questa mattina urta conferenza stampa di Ortensio Longo, candidato al consiglio comunale del Pse-Lista Mancini e già assessore all'ambiente di Palazzo dei Bruzi. Come aveva già inteso fare in precedenza l'assessore Pietro Mari. Ortensio Longo ha presentato il consuntivo del proprio lavoro, soffermandosi sulle opere più significative realizzate nel corso della consiliatura che volge al termine.
In maniera appropriata è stato prescelto il punto di confluenza tra il Crati e il Busento quale luogo della manifestazione. Proprio il recupero e la bonifica dei fiumi hanno rappresentato uno dei cavalli di battaglia del programma realizzato dall'assessore Longo. "In questi anni - ha detto - abbiamo avuto il merito di far riscoprire ai cittadini la bellezza di questi luoghi naturali di consentire la fruizione dei corsi d'acqua che nei decenni passati erano addirittura coperti dalle fatiscenti baracche che sorgevano lungo le sponde".
Qrtensio Longo si è soffermato anche sui lavori di allargamento compiuti presso il cimitero cosentino. "Attraverso l'adozione del piano regolatore cimiteriale, siamo riusciti a sbloccare una situazione di stallo che perdurava da diversi anni e che impediva la costruzione di cappelle private per mancanza di suoli. In questa maniera
- ha aggiunto - potremo brevemente dare corso all'accoglimento delle numerose richieste pervenute tal senso presso Palazzo dei Bruzi".
Infine Ortensio Longo ha ricordato che la città di Cosenza si colloca nei primi posti della graduatoria nazionale per quanto concerne la raccolta differenziata dei rifiuti. fortemente promossa dall' amministrazione comunale. Positivi anche i dati trasmessi dall'Enea per quanto concerne la qualità dell'aria. 'Sono valori che ci confortano e che diffonderemo nei prossimi giorni ha concluso.

Si ricorda che Mercoledì 22 maggio, alle ore li presso la Biblioteca dei Ragazzi di piazza dei Bruzi l'assessore alla diffusione del libro Maria Francesca Corigliano. candidata al consiglio comunale del Pse-Lista Mancini esprimerà il proprio consuntivo.

TOP


22/05/2002

Nel quadro degli incontri promossi dal PSE-Lista Mancini per ribadire la continuità rappresentata dal movimento con i nove anni di amministrazione guidata da Giacomo Mancini e che si concretizza con la candidatura a Sindaco di Eva Catizone, già assessore ai rapporti con l'Unione Europea e all'urbanistica, si è svolta questa mattina una conferenza stampa di Maria Francesca Corigliano, candidato al consiglio comunale del Pse-Lista Mancini e già assessore alla diffusione del libro e biblioteche di Palazzo dei Bruzi: Come avevano già inteso in precedenza gli assessori alle attività economiche e produttive Pietro Mari e quello a1l'ambiente Ortensio Longo. Maria Francesca Corigliano ha presentato il consuntivo del proprio lavoro, soffermandosi sulle opere più significative realizzate nel corso della consiliatura che volge al termine. "In questi anni - ha detto - il nostro impegno è stato rivolto prevalentemente alla diffusione della cultura e alla concretizzazione di numerose iniziative volte ad avvicinare i nostri concittadini alla lettura. Il libro va considerato come un bene prezioso ma che può divenire tale solo se fruito. Questo è stato il nostro obiettivo principale. Ci siamo preoccupati di creare luoghi idonei per accogliere i ragazzi e penso alla biblioteca, ai centri di aggregazione, ai laboratori sperimentali che abbiamo promosso per avvicinare la nostra attività alle famiglie. E siccome abbiamo intenzione di raggiungere anche i quartieri periferici, stiamo pensando ad una distribuzione del libro nelle frazioni, a Donnici, Sant'lppolito, Borgo Partenope. Ma negli ultimi anni di amministrazione, idee e progetti si sono moltiplicati. "L'assessorato alla diffusione del libro - ha aggiunto Maria Francesca Corigliano - ha realizzato la mostra dell'editoria calabrese, dei sussidi didattici, ma soprattutto ha portato al confronto diretto con gli autori nel corso dei confronti settimanali che hanno portato a Cosenza personaggi di grande calibro come Paolo Crepet, Luca Goldoni, Paolo Mieli, Marcello Veneziani - ha concluso abbiamo deciso di sostenere i nostri parroci. Una azione questa voluta fortemente dal Sindaco Mancini, ma strumentalizzata in maniera pretestuosa dalle opposizioni".
Alla manifestazione. organizzata presso il Salone di rappresentanza di Palazzo dei Bruzi, hanno partecipato il candidato a Sindaco Eva Catizone e il deputato del PSE Giacomo Mancini Jr, capolista al consiglio comunale. Devo complimentarmi con Maria Francesca Corigliano - ha dichiarato il giovane parlamentare - in quanto ha diretto l'assessorato con capacità, competenza e intelligenza.
Sono contento che abbia accettato la candidatura nelle file del Pse-Lista Mancini. Una lista d'ispirazione socialista ma che lascia le porte aperte nei confronti di tutti i fermenti e le impostazioni culturali e politiche della nostra città.

Maria Francesca Corigliano si candida da cattolica e ne sono lieto poiché con i cattolici l'amministrazione Mancini ha saputo instaurare un dialogo aperto e propositivo che nei prossimi cinque anni vogliamo riaffermare e consolidare.

TOP

 

Copyright 2000 - Tutti i diritti riservati