zoom flag

 

Lo scudo con croce rossa accantonata da quattro mori bendati Ŕ il simbolo del popolo sardo.Gli studiosi di tutti i tempi si sono mossi in un complesso intreccio fatto di leggenda e realtÓ storica, tra Sardegna e Spagna, cercando di ricostruire origini, significati e vicende, ma lo stemma dei quattro mori rimane ancora oggi sostanzialmente un mistero.Nella tradizione spagnola lo si considerava una creazione di re Pietro I d'Aragona, quale celebrazione della vittoria di Alcoraz (1096), successo ottenuto anche grazie all'intervento di San Giorgio (campo bianco e croce rossa) e che avrebbe lasciato sul campo le quattro teste recise dei re arabi sconfitti (quattro mori).Sulla tradizione iberica si inserý la tradizione sarda che, contro ogni evidenza storica, legava lo stemma al leggendario gonfalone dato da papa Benedetto II ai Pisani in aiuto dei Sardi, contro i crudeli saraceni di Museto che in quegli anni minacciavano di conquistare Sardegna e Italia (1017).In realtÓ, la pi¨ antica attestazione dell'emblema risale al 1281 ed Ŕ costituita da un sigillo della cancelleria reale di Pietro il Grande d'Aragona. Ma fu soltanto nella seconda metÓ del XIV secolo che i quattro mori apparvero per la prima volta legati alla Sardegna, simbolizzandone il regno all'interno della confederazione della Corona d' Aragona (Stemmario di Gerle). Importato dunque dai re Aragonesi, il simbolo apparve nella Sardegna spagnola nelle opere a stampa, monete e sui gonfaloni dei corpi speciali dei Tercios de Cerde˝a, istituiti da Carlo V per la difesa dell'isola e distintisi a Tunisi (1535) e Lepanto ( 1571) nelle operazioni contro i Turchi. L'iconografia del simbolo fu in questi secoli quanto mai confusa e le teste dei mori furono rappresentate in vario modo: volte a destra e a sinistra o affrontate, scoperte, coronate, cinte da una benda sulla fronte. Risale alla metÓ del Settecento l'iconografia destinata a consolidarsi, con le teste volte a sinistra e le bende calate sugli occhi. Delle ragioni di quest'ultima innovazione, se dettate dal caso oppure pi¨ maliziosamente alludenti agli atteggiamenti (oppressivi) del governo piemontese verso la popolazione isolana, non sapremo mai.Lo stemma comparve nell'arma composita della dinastia piemontese, su atti, monetazione di zecca sarda e bandiere dei miliziani. Successivamente orn˛ gli stendardi delle brigate combattenti sarde, tra queste la "Sassari", divenuta leggendaria per le imprese eroiche sul fronte austriaco della Grande Guerra.Nel 1952 lo scudo dei quattro mori diventava stemma ufficiale ed ornava il gonfalone della Regione Autonoma della Sardegna (decreto del Presidente della Repubblica del 5 Luglio 1952).Oggi i Sardi hanno la loro bandiera, grazie alla legge regionale del 15 Aprile 1999 n░10,  ma i quattro mori, memori dell'antico affronto piemontese, hanno significativamente voltato la testa e aperto gli occhi, non pi¨ fasciati dalla benda che torna a cingere la fronte.