Gil Botulino (The German Observer)

Martedì 26 giugno 2001

CRONACA DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 26 GIUGNO 2001


LA MINORANZA ACCUSA DI FALSO IL SEGRETARIO COMUNALE
punto 1 - Lettura e approvazione verbali seduta precedente

Il capogruppo di minoranza fa osservare che, nella deliberazione del consiglio comunale del (non si ricorda la data) numero (non ricorda nemmeno questo), insomma della prima delibera (27/5/2001 n. 16 ndr) si legge che "Sentiti gli ampi chiarimenti forniti dal Segretario comunale e poi dal    Sindaco-Presidente, il Consigliere Criniti testualmente dichiara...", al contrario, argomenta Criniti, il sindaco-presidente non ha fornito nessun ampio chiarimento... e neppure uno striminzito chiarimento. Per cui chiede che dal verbale venga tolto il pezzo "e poi dal Sindaco-Presidente" in quanto del tutto Falso. Il Segretario Comunale, Dott. Prenestini Vincenzo, dice che lui non intendeva dire che il sindaco avesse fornito ampi chiarimenti e che anzi dal verbale non si può in alcun modo ricavare questo (sic!) e che la minoranza continua a non capire l'italiano (sic!) e che il il sindaco deve pur aver detto qualcosa (sic!) altrimenti come si faceva a continuare la seduta? Appunto! Questo è troppo anche per Nick Cuoregentile che, con forza, afferma che le cose scritte in buona o mala fede se non si vuole dire quello che si scrive non vanno appunto scritte, e che le cose che non avvengono in aula non possono comparire sui verbali. Poi chiede al sindaco conferma della sua non spiegazione, e lo incita a mettere a verbale una sua dichiarazione.
Signor Sindaco è vero che non ha dato nessun ampio chiarimento? Il solito "Certamente" questa volta non lo abbiamo sentito: il sindaco è rimasto muto e non ha fatto alcuna dichiarazione.
Signor Criniti ma questo del segretario non si chiama falso in atto pubblico? "Certamente; ma per questa volta lo perdoniamo basta che non lo faccia mai più".
Sig. Prenestini è vero che non lo farà più? "Parola di scout!"
Chi ci segue, e chi era presente alla seduta di insediamento del neo eletto consiglio comunale, sa bene che il sindaco non ha fornito né brevi né ampi chiarimenti e che al contrario incitava il segretario a non darne nemmeno lui intimandogli ripetutamente di andare avanti. Ora è giusto chiedersi: la minoranza consiliare denuncerà per falso ideologico il segretario comunale o lo perdonerà? E se reato c'è, non è forse perseguibile d'ufficio: Come fa il capogruppo Nick Cuoredilatte a impegnarsi in un perdono che non potrà mantenere? (F.L.)

Osservazioni e/o domande

ci risiamo, ancora una volta hanno dimostrato  cosa significa fare opposizione (o sono stupidi o lo fanno di proposito). (Er Mò 30-6-2001)