Gil Botulino

Go Home

The German Observer
dal 2001

Gazzettino di libera [contro]informazione scritto per tutti i badolatesi soprattutto per i tanti [dis]informati e non informati dal cronista e dall'amministrazione locali

FOTOSERVICE

BADOLATO DREAMING

Badolato Superiore 8 agosto 2002
2002080813.jpg (9479 byte)
il presidente del Kozzala Social Club
2002080806.jpg (8611 byte)
Celestino prepara il coniglio per la gara
I giochi popolari
2002080819.jpg (9549 byte)
i pignati
2002080807.jpg (10556 byte)
la gara del coniglio
Tra la gente nella piazza
2002080815.jpg (7201 byte) 2002080821.jpg (11586 byte)
2002080816.jpg (10302 byte) 2002080818.jpg (10178 byte)
La conferenza stampa di Imelda Bonato
2002080829.jpg (7341 byte)
Imelda Bonato con il presidente de "La Radice" Vincenzo Squillacioti
2002080831.jpg (9998 byte)
e con Salvatore Mongiardo e Francesca Viscone
2002080833.jpg (10736 byte) 2002080827.jpg (11934 byte)
la mostra di pittura
2002080826.jpg (9210 byte) 2002080830.jpg (10506 byte)

 

Articoli correlati

il programma del Badolato dreaming 2002

 

BADOLATO DREAMING 2002: TIRAMMA I CUNTI

Il Badolato dreaming 2002 ha chiuso i battenti ed Ŕ l'ora del bilancio. Della riuscita dal punto di vista del divertimento e della partecipazione   vi abbiamo giÓ informati. Oggi il "Kozzala Social Club", organizzatore della  manifestazione con la collaborazione dell'associazione culturale la Radice e con il Club dei vedovi Neri, ci invia il resoconto economico. Ecco la missiva:

Caro Gil, tiramma i cunti.
ENTRATE: 7115 euro
Vendita biglietti lotteria 2370; Sponsorizzazioni 1100; Incasso stands 3645.
USCITE: 3710 euro
Contributo ai suonatori 650; service 300; spese bevande e griglia 1470; spese varie 840; siae ed enel 450.
UTILIT└ ECONOMICA: 3405 euro.

Ringraziamo tutti quelli che hanno partecipato, quelli che avrebbero voluto ma non hanno potuto, quelli che sono capitati per sbaglio e quelli che non ci sono stati.

L'appuntamento alla stessa ora e allo stesso posto per l'anno prossimo. I Kozzala (Gil Botulino 11 agosto 2002)

 

GRANDE PARTECIPAZIONE ALLA PRIMA SERATA SERATA DEL BADOLATO DREAMING

Intorno a mille persone, e non esagero, giunte da tutte le parti, si sono date appuntamento alla prima giornata del Badolato Dreaming, accogliendo gli inviti del Kozzala Social Club dell'associazione culturale La Radice e del Club dei Vedovi Neri.

Un grande successo, inaspettato di queste dimensioni: gli 800 panini, preparati per le due serate, alle 23 e 30 erano giÓ terminati e i ritardatari si sono dovuti accontentare dei dolciumi delle bancherelle. Ma non vi preoccupate i Kozzala hanno giÓ prenotato gli altri per questa sera.

Molto soddisfatti i presidenti delle tre associazioni che, con compiti diversi, hanno preparato e gestito la giornata di ieri.

Una partecipazione festosa che ha coinvolto molti bambini, e famiglie intere, venuti anche per partecipare ai giochi tradizionali.

Un grande applauso Ŕ stato tributato alla regista Imelda Bonato alla fine della proiezione del suo film "Badolato, il paese luminoso (appunti di viaggio)".

Al termine della serata balli in piazza al suono delle tarantelle di Mimmo Audino, direttore artistico della manifestazione, che non ha potuto fare a meno di accogliere la richiesta. (Gil Botulino 9 agosto 2002)

 

Due giorni di ricca manifestazione promossa dal "Kozzala Social club"
PARTE "BADOLATO DREAMING 2002"
Saranno allestiti stand gastronomici con specialitÓ locali

"Badolato Dreaming 2002" Ŕ il titolo della ricca manifestazione promossa per i giorni 8 e 9 agosto dal "Kozzala Social Club" di Badolato, in collaborazione con l'Associazione culturale "La Radice" ed il "Club dei Vedovi Neri", sempre di Badolato.

Due intensi giorni di iniziative che vanno dalle mostre, al documentario, allo spettacolo teatrale, alla musica tradizionale, il tutto a Badolato Borgo, l'antico e suggestivo agglomerato di case in cima ad una collina che guarda il mar Ionio.

Dall'impegno sinergico delle tre associazioni Ŕ nato il ricco programma che vi proponiamo nel dettaglio e che farÓ per due giorni del borgo un luogo vivace e come sempre ospitale.

giovedý 8 agosto, alle ore 20 inaugurazione della mostra di pittura, scultura ed artigianato, nel medievale e bellissimo Palazzo Nistic˛. Alle 21,30, in piazza Castello, proiezione del film-documentario "Badolato paese luminoso" di Imelda Bonato; alle 22,15, l'associazione culturale "Il brigante" di Serra San Bruno presenterÓ lo spettacolo teatrale "Cuntanducantu".

Venerdý 9 agosto, alle ore 19, prevista l'apertura delle sale della mostra, alle ore 21,30 in piazza castello, "Etnicanto", un vivace e divertente spettacolo di musica tradizionale di Anna Cinzia Villani (tamburello, flauto, organetto, armonica, nacchere), Valentino Santagati (chitarra battente, fischiotti, lira, tamburello e voce), Diego Pizzimenti (tamburello e ciarameddi), Giuseppe Pizzimenti (oragnetto e ciarameddi), e ancora Mimmo Audino (chitarra battente e voce).

Oltre agli appuntamenti giÓ citati, il festival "Badolato Dreaming" ha previsto anche nelle due giornate alcuni giochi popolari, come il classico albero della cuccagna, la gara del coniglio, dell'uovo e delle pignate.

Inoltre saranno allestiti diversi stands gastronomici con specialitÓ locali che delizieranno i palati dei partecipanti con piatti tipici locali.

Il "Kozzala social club", l'associazione di badolatesi nata per riscoprire e valorizzare la genuina identitÓ locale, ha finanziato interamente la manifestazione, che si preannuncia divertente e stimolante... (Viviana Santoro, Il Quotidiano, 7.8.2002)

 

il film di Imelda Bonato: "BADOLATO: IL PAESE LUMINOSO"

"Badolato: il paese luminoso". Questo il titolo dell’interessante documentario che sera di giorno 8 agosto, alle ore 21,30, sarÓ proiettato in piazza Castello a Badolato Superiore, nel quadro del programma di due serate (8 e 9) organizzate dal "Kozzala Social Club", con la collaborazione dell’Associazione culturale "La Radice" e del "Club dei Vedovi Neri".

Badolato, il borgo medioevale in particolare, non nuova a riconoscimenti del genere, questa volta riceve l’omaggio di una regista che ha la sua residenza abituale a Milano: Imelda Bonato. Una donna che ormai da anni fa la spola tra Milano e Badolato, alla ricerca del perchÚ e del come un popolo del Sud, quello badolatese, peraltro non ricco, apre le porte a dei poveri disgraziati in fuga dal Kurdistan. Una regista alla ricerca delle peculiari caratteristiche di popolazioni tanto distanti dal Nord quanto pervase da luminositÓ mediterranea.

Badolato, il paese luminoso -sostiene la Bonato- "merita di essere indagato e raccontato con la complessitÓ che possiede…anche con l’intento di restituire valore di ‘Storia’ alla recente storia sociale, culturale, lavorativa, migratoria di Badolato…un’indagine che si rivolge ‘al cuore’ dei badolatesi, alla memoria emotiva, alle passioni, alla fatica, al dolore, alla gioia, alla festa…".

"La Radice" invita gli amici, di questo ‘luminoso paese’, del Comprensorio e di fuori, a venire a Badolato per assistere alla proiezione di questo promo che anticipa, nelle immagini, nella tematica e nell’impostazione, lo spessore culturale e l’arte di quello che sarÓ il documentario finale, ormai in fase avanzata di realizzazione. Vincenzo Squillacioti, presidente de "La Radice". (Gil Botulino 7 agosto 2002)