Testi di canzoni classiche 

NO POTO REPOSARE (S. Sini)
BADDE LONTANA (Strinna – Costa)

DEUS TI SALVET MARIA

NANNEDU MEU (Peppino Mereu)
 
IN SU MONTE ’E GONARE

BARONES SA TIRANNIA (Francesco Ignazio Mannu)

ADIOS NUGORO AMADA (A.G. Solinas)

A S’ANDIRA

 Musica da ascoltare - MP3 

 Musica moderna 

Arregordusu (E. Lai)

 Artisti 

Argia
Sandra Ligas

 Cultura musicale 

Ballo, musica

 

La Sardegna, isola al centro del Mediterraneo, è una terra ricca di tradizioni musicali antiche, che continuano a vivere e a rinnovarsi.

La musica in Sardegna è sinonimo di festa, e la festa vuol dire Ballo Sardo, e come espressione popolare, accompagna tutti i momenti della vita, quelli festosi, del lavoro, della sofferenza o della giustizia.

Le origini sono antichissime, come dimostra “il suonatore di cetra”, bronzetto proveniente dalla cittadella punica di Monte Sinai nel Sulcis –CA, e ancora oggi, si balla si canta e si suona, con strumenti la cui origine è a testimonianza della vita contadina e pastorale.

Le launeddas rappresentano in se un patrimonio musicale unico al mondo, nate in Sardegna dove si è sviluppata una cultura legata al ballo, e dove nonostante tutto, ancora resistono. È  realizzata a mano dagli stessi suonatori, ed è costituita da tre canne, diverse per dimensione e suono, che hanno i nomi di tumbu, mancosa e mancosedda. Sono suonate a fiato continuo e il suono ricorda quello delle cornamuse, o dell’organo.

Su cantu a tenores, è anch’esso una ricchezza della Sardegna, diffuso in tutta l’isola specialmente nelle zone interne, è costituito da tre voci maschili: sa hoghe, su bassu, sa hontra, sa mesuhoghe.

Sa cantada campidanesa, sa cantada logudoresa, sono altre espressioni come il canto polifonico, che arricchiscono il patrimonio isolano e contribuiscono con la molteplicità delle interpretazioni e degli innumerevoli gruppi, a mantenere Sa musica e su Cantu Sardu, sempre vivo, giovane e attuale.

Questa rassegna, è una vetrina aperta a tutti e a tutte le espressioni di canto, ballo e musica sarda.

Tutti coloro che vogliono contribuire al progetto “Sa Musica e su Cantu Sardu”, possono inviare il loro materiale, all’indirizzo e-mail: samusica@sardegnasposi.com     

o alla CASELLA POSTALE:   SardiniaNETWORK  - 09012  CAPOTERRA – CA.

Il materiale sarà inserito nel sito, e sarà a disposizione di tutti.

Sardegna Sposi lancia il concorso “Vota Su Cantu Sandu”

I lettori avranno la possibilità di votare il canto più bello o meglio interpretato tra i presenti in formato mp3.

 

Non potho reposare (S. Sini)

Non poto reposare amore e coro

pensende a tie so donzi momentu

no istes in tritura o prenda e oro

 

ne in dispiaghere o pensamentu

t’assicuro chi a tie solu bramo

ch’a t’amo forte t’amo t’amo e

t’amo.

 

Si messere possibile d’anghelu

s’ispiritu invisibile picaro

sas formas che furbo dae chelu

su sole e sos isteddos che formabo

unu mundu bellissimu pro tene

pro poder dispensare cada bene

isposa.

 

Amore meu rosa profumada

amore meu gravellu olezzante

amore e coro, immagine dorada

amore e coro, so ispasimante

amore ses su sole rilughente

chi ispunta su manzanu a s’oriente.

 

Ses su sole chi illuminad’a mie

chi m’esaltat sa coro e sa mente

lizzu froridu candidu che nie

sempre in coro meu ses presente

amore meu amore meu amore

bive senza amargura ne dolore.

 

Amore meu prenda e istimare

s’affettu meu a tie solu es dau

si aere jutu sas alas pro bolare

milli ortas a s’ora ippo bolau

pro benner nessi a ti saludare

s’athera cosa nono a t’abisare.

 

 

Badde lontana (Strinna-Costa)

Sutta su chelu de fizzu meu

como si cantat finzas tres dies

badde lontana, badde 'e Larentu

solu deo piango pensende a tie.

Molthu mi l'hasa chena pietade

cun d'una rocca furada a deu

badde lontana, badde 'e Larentu

comente fatto a ti perdonare

Zente allegra e bella festa

poetese in donzi domo

chelzo cantare, chelzo pregare

ma non m'aschultada su coro meu.

Dammi sa manu Santu Larentu

deo so gherrende intro a mie

dammi sa manu chi so gherrende

faghemi isperare umpare a tie.

Dammi sa manu Santu Larentu

deo so gherrende intro a mie

dammi sa manu chi so peldende

faghemi isperare umpare a tie.

Sotto il cielo di mio figlio

ora si canta fino a tre giorni

valle lontana, valle di Lorenzo

solo io piango pensando a te.

Me l'hai ucciso senza pietà

con una roccia rubata a Dio

valle lontana, valle di Lorenzo

come faccio a perdonarti.

Gente allegra e bella festa

poeti in ogni casa

voglio cantare, voglio pregare

ma non mi ascolta il cuore mio.

Dammi la mano San Lorenzo

io sono in lotta con me stesso

dammi la mano che sto lottando

fammi sperare insieme a te.

Dammi la mano San Lorenzo

io sono in lotta con me stesso

dammi la mano che sto perdendo

fammi sperare insieme a te.

Deus ti salvet Maria

Deus ti salvet Maria,

chi ses de grassias piena;

de grassias ses sa vena ei sa corrente.

Su Deus Onnipotente

Cun tegus est 'istadu;

pro chi t'ha preservadu immaculada.

Beneitta e laudada

subra tottu gloriosa,

mama, fiza e isposa de su Segnore.

Benedittu su fiore,

fruttu de su sinu;

Gesus, fiore Divinu, Segnore nostru.

Pregade a fizu bostru

pro nois peccadores,

chi tottus sos errores nos perdonet.

Ei sas gassias nos donet,

in vida e in sa morte,

ei sa bizzosa sorte, in Paradisu.

Dio ti salvi, Maria

Perché sei piena di grazia;

di grazie sei la sorgente e la corrente.

Il Dio Onnipotente

È stato con te;

perciò ti ha preservato immacolata.

Benedetta e lodata,

gloriosa sopra tutti,

sei madre, figlia e sposa del Signore.

Benedetto il fiore,

frutto del tuo seno;

Gesù, fiore divino, Signore nostro.

Prega il tuo Figlio

per noi peccatori,

affinché perdoni tutti i nostri errori.

E ci dia le grazie

in vita e in morte

e una fortunata sorte in Paradiso.

Nanneddu meu (Peppino Mereu)

Nanneddu meu, su mundu est gai
a sicut erat non torrat mai.

Semus in tempus de tirannia
infamidade e carestia,
como sos populos cascant che cane
gridande forte: cherimus pane.

Famidos nois semus papande,
pane e castanza e terra cun lande,
terra chi a fangu torrat su poberu
sena alimentu, sena ricoveru......
 

In su monte 'e Gonare

In su monte ‘e gonare

cantat una sirena

chi canta notte e die

 

In su monte ‘e gonare

si non mi dona a tie

mi trunco carchi vena

e mi lasso irvenare.

 

Barones sa tirannia (Francesco Ignazio Mannu)

S’Innu de su patriotu sardu a sos feudatarios

Procurad''e moderare,
Barones, sa tirannia,
Chi si no, pro vida mia,
Torrades a pe' in terra!
Declarada e' già sa gherra
Contra de sa prepotenzia,
E cominza' sa passienzia
In su pobulu a faltare.

Mirade chi est azzendende
Contra de 'ois su fogu,
Mirade chi no e' giogu,
Chi sa cosa andat 'e veras;
Mirade chi sas aeras
Minettana temporale;
Zente consizzada male,
Iscultade sa oghe mia.

No appretedas s'isprone
A su poveru ronzinu,
Si no in mesu caminu
S'arrempellat appuradu;
Minzi ch'es lanzu e cansadu
E non de pode' piusu;
Finalmente a fundu in susu
S'imbastu nd'hat a bettare.

Su pobulu chi in profundu
Letargu fi' sepultadu
Finalmente despertadu
S'abbizza ch'est in cadena,
Ch'ista' suffrende sa pena
De s'indolenzia antiga:
Feudu, legge inimiga
A bona filosofia.

Che ch'esseret una inza
Una tanca, unu cunzadu,
Sas biddas hana donadu
De regalu a bendissione;
Comente unu cumone
De bestias berveghinas
Sos homines e feminas
Han bendidu cun sa cria.

Pro pagas mizas de liras,
E tale olta pro niente,
Isclavas eternamente
Tantas pobulassiones,
E migliares de persones
Servint a unu tirannu.
Poveru generu humanu
Povera Sarda Zenia!

Deghe o doighi familias
S'han partidu sa Sardigna,
De una manera indigna
Si nde sun fattas pobiddas;
Divididu s'han sas biddas
In sa zega antighidade:
Però sa presente edade
Lu pensat rimediare.

Nasche' su Sardu soggettu
A milli cumandamentos;
Tributos e pagamentos
Chi faghet a su Segnore,
In bestiamen e laore,
In dinari e in natura;
E paga' pro sa pastura,
E paga' pro laorare.

Meda innantis de sos feudos
Esistiana sas biddas,
Et issas fini pobiddas
De saltos e biddatones.
Comente a bois, Barones,
Sa cosa anzena es passada?
Cuddu chi bos l'ha' dada
Non bos la podia' dare.

Non es mai presumibile
Chi voluntariamente
Happa' sa povera zente
Zedidu a tale derettu;
Su titulu 'ergo est infettu
De infeudassione,
E i sas biddas reione
Tenen de l'impugnare....

....Si no calchi die a mossu
Bo nde segade' su didu,
Como ch'e' su filu ordidu
A bois toccat a tessere;
Minzi chi poi det essere
Tardu s'arrepentimentu;
Cando si tene' su bentu:
Es prezisu bentulare.

 

Adios Nugoro amada (A.G. Solinas)

Adios Nugoro amada

proite parto in terra anzena

chin crudelissima pena

ti lasso terra istimada.

 

Ca es già benida s’ora

de partire dolorosa

già de purpura e de rosa

s’oriente si colora.

 

A s'andira

Ite bellu Nugolo

subra una collina

cun s'istradone in mesu.

Ite bellu Nugoro

amada signorina proite lu lassas goi

s'amore chena 'e attesu.

In sa piazza 'e Bosa

mama tua t'hat fattu

pro incantare a mie parma deliziosa.

Ohi ohi su pede

non potho camminare

mancu cun s'istampella

Ohi ohi su pede

e sas bajanas bellas

lassadelas 'istrare gai sun tuttu pro mene.

a s'andira, a s'andira, andira andira allirò…

 

Che bella Nuoro

sopra una collina

con lo stradone in mezzo.

Che bella Nuoro

amata signorina perché lo lasci così

l'amore senza accudirdo.

Nella piazza di Bosa

tua madre ti ha fatta

per incantare me palma deliziosa.

Ohi ohi il piede

non posso camminare

nemmeno con la stampella.

Ohi ohi il piede

e le giovani belle

lasciatele stare così sono tutte per me.

a s'andira, a s'andira, andira andira allirò….

 

Arregordusu (Enrico Lai)

Deu candu sciccu de chistionai de custa vida inzandu m'arregordu candu vemmu piccioccheddu Curremmu facc'e bentu gioghendi a mamma cua gioghendi a pencareddu attidendi in sa ruga Dominigu de festa, su pani fattu in dommu, bessemusu in lambretta po andai a sa passillada E sezziusu in sa lolla pighemmusu su friscu, buffendi binu spuntu e scraffendisi su biddiu

Rit: E sa notti abarru scidu e mi prangiri su coru, custa vida esti unu giogu Immoi m'agattu becciu e no du pozzu baliai, chi custa vida esti unu giogu Chi immoi esti accanta de accabbai

Arregordusu de vida, pariada sempri istadi, su tempu de sa binnenna su tempu de s'amori Su cantu de su caboni amengianeddu chizzi, chi babbu fiada giai prontu po andai a traballai

Rit: E sa notti abarru scidu e mi prangiri su coru, custa vida esti unu giogu Immoi m'agattu becciu e no du pozzu baliai, chi custa vida esti unu giogu Chi immoi esti accanta de accabbai

Ascolta il brano
 


Sardegna Sposi® è una iniziativa di Sardinia Network Srl - Tutti i diritti riservati