homepage
Conoscere la Cina


Vincenzo Tusa
Il mio incontro con la Cina


In Tibet con La Malfa
La festa in onore di La Malfa. L'arrivo
Lo spettacolo
La visita di La Malfa. I protagonisti
Lhasa
Arte


Viaggio a Pechino
Beijing, città dell'impero
La Città proibita
Piazza Tiananmen
Il Tempio del Cielo
Il Tempio dei Lama
Il Parco Beihai
Musei, parchi, templi


Musei, Sichuan.
La corte delle imposte
La consegna
Il controllo
La prova del moggio
I conti
L'estorsione
La liberazione


Omaggio a Zhang Yimou
Percorso Cina


Forum sulla Cina
forum


Viaggio nello Yunnan
Contrasti di primavera
Kunming
Yuantong, Yuxi
Foresta di pietra
Dali, Lijiang
Dayan, Lincang
Xishuangbanna


 
 
 

Associazione Italia-Cina

piazza Grazioli, 18
00186 Roma

tel. +39 066798758
telefax +39 066991560

e-mail: assitaliacina@tiscalinet.it

e-mail: presidenza@italiacina.org
e-mail: viaggi@italiacina.org
e-mail: studieservizi@italiacina.org
 
 

in collaborazione con
 



Conoscere la Cina


In queste pagine riportiamo alcuni testi e alcune foto di un museo singolare per certi versi, ma sicuramente interessante dal punto di vista sociologico e artistico.

Nel distretto di Tayi, nel Sichuan, un museo creato nella residenza del locale funzionario e proprietario terriero dà una bella immagine della creatività di artisti contadini cinesi, dotati sicuramente di ottima mano e grande verve descrittiva.

In effetti, sotto certi aspetti, è la stessa situazione che l'Italia visse dalla fine dell'Ottocento fino alle famose, tragiche e cruente lotte contro la mezzadria degli anni '50, epoca risoltasi con un ammodernamento dell'agricoltura ed un poderoso sviluppo dell'economia nazionale, similmente a quanto è accaduto in Cina.

I testi e le immagini sono tratte da La cour des fermages: figure des terre, Pekin, Editions en langue etrangère, 1968, pp. [84]

 


La vessazione, lo sfruttamento, l'oppressione intollerabili esercitati dai proprietari fondiari costringono i contadini, gettati nelle più atroci sofferenze e ardenti di odio, a rivoltarsi, a organizzarsi e a prendere le armi per condurre una seria e durevole lotta contro i proprietari fondiari.

Nel 1949 l'Armata popolare di liberazione libera la Provincia del Sichuan e cattura insieme ai contadini il proprietario Lieou Wen-tsai.

È così che la dominazione [...] è interamente debellata e che viene fondato il potere popolare.

La liberazione

estorsioneLa vessazione e l'oppressione crudele del proprietario suscita l'odio e la rivolta. Questo contadino serra i pugni in segno di collera.

estorsionePer armarsi si prendono le armi dalle mani del fattore del proprietario fondiario.

estorsioneOperai e contadini si slanciano tutti insieme: catturano vivo il turanno Lieou.