Ittireddu conserva una serie di tradizioni e usanze popolari che in alcuni casi sono tipiche del paese. il caso del Cabude , un dolce a forma di torta con all’interno marmellata di sapa. In mezzo alla pasta si mettono pezzi di mandorle e uva passa. Viene preparato in occasione del capodanno; il dolce pi grande veniva rotto sulla testa del figlio pi piccolo e le briciole dovevano cadere sul braciere. Il capofamiglia recitava una frase di buon augurio:"Cantas renzas ruene in su fogu appemus annos de bona fortuna"

La cantata a "sos tres res"

Sos tres Res : la sera prima dell’Epifania i ragazzi si riuniscono e cantano di porta in porta per annunciare la venuta del Messia.Si offrono frutta, noci, caramelle mentre gli adulti colgono l'occasione per "somministrarsi dosi massicce di alcool "!!!

Nova novas de allegria, novas de su naschimentu,

Novas de grande cuntentu chi bos damu su messia,

Su messia est beru deus naschid’ in notte e nadale

Un’ istella orientale chi a postu in camminu lughiat

Tres pastores chi b’aiat cando su Gess naschesit

Ei sa musica s’intendesit chi sos anghelos faghian

La cantamu sa melodia c’amus concluidu s’annu

Bona notte e bon’annu bonas pascas a la cumprire

E deus bos diat vida e mezzus a un’ater annu

A NON DE DADESE?

Ringraziamentu

A chent’annos sa padrona a chent'annos su padronu

la godedas custa Festa, Gesus Christu a manu dresta 

chi Bos ponzad in ora ona, a chent’annos sa padrona

a chent'annos su padronu.

 

Nel caso in cui i padroni di casa non aprano la porta, il gruppo di ragazzi intona una filastrocca di malaugurio: 

Tira tira sa colora dae su lettu a su foghile

cantu nazzis dadu a mie bonde restede

intro e fora.

Festa di San Giacomo: la festa pi importante e viene celebrata il 25 luglio. Fino al 1975 essa veniva fatta il 1 maggio, ma si dice che sia stata spostata a causa della mietitura e della trebbiatura. La festa si svolge nell’omonima chiesa campestre d’impianto romanico ma che ha subito pesanti rifacimenti. Sul santo si racconta una leggenda secondo cui vi era una disputa tra Ittireddu e Mores che rivendicava il possesso della statua ;dopo varie liti sembra che i Moresi avessero deciso di portare via il santo quando arrivati al fiume non riuscirono a passare e questo fu interpretato come un segnale da parte del santo. processione.JPG (13819 byte)
.....Qualche poesia

 

 

Ammentade su poeta

Musa lea su olu che colomba ,

bola’ como a su campu sagradu

e delicademente bussa in cussa tomba

e nd’ isveglias su poeta istimadu

a bolu rapidu nde lu attis a Ittireddu

chi dea chimb’ annos est mancadu ,

cun sos iscrittos si no cun su faeddu

a fagher parte a su cuncursu e poesia

cun sos tuos bellos versos o Nanneddu

‘a resu onore a sa terra nadia ,

ch’in custa festa sempre fis’presente

cun sa tu suarve armonia .

Fisti ammiradu dae tanta zente

su sardu idioma onore t’a dadu

pro su versu tou eloquente ,

a dea toutu sos sardos fis’ ammidu

ga larga manu ‘asa ispaltu

su donu chisa natura ti ‘a dadu

E da ghi sas alas a ballare asa ispaltu

peri sos palcos de Sardegna

ponzende tanta poesia in risaltu

cun musa sinzera e boghe digna

e dae tottu sos collegas rispettadu

pro sa rima chi tenias in cunsigna

da ghi in Franza Belgio ses ‘ andadu

a fagher festa in cussa zente emigrava

‘as dogni coro tristu allegraddu cun sa tua bella improvvisada

augurende cantu ‘aiasa in coro

Ammentende s’issoro terra istimada

augurende a torrare a domo issoro

abbandonare cussa minera

ga’ e tribagliu de duros e de moros

e tottu unidos a una ischiera

nde torren prestu in Sardegna

a tribagliare in terra issoro

a sa nostra istimada terra digna .

Mauro Sechi

SU PASTOREDDU

Poveru pastoreddu isventuradu

chi vivese in campagna solu solu ,

dea tottu sa zente immentigadu

isoladu che unu rusignolu ,

no bi pensa’ Guvernu n Istadu

a pagare su tou disconsolu ,

ga abbandonadu an su pastore sardu

chie pensa’ troppu, bi pensa’ troppu a tardu

Pensende mi la passo sa nottada

ga a boltas so de dubbios pienu ,

cando iscappo sa robba in sa leada

mi ratrista’ cudd’ animu serenu

penso in s’ ijerru a calchi temporada

e a su fogu cando sicca’ fenu ,

best chi so sempre in dun’ iinfferru ,

sia de istiu o sia de ijerru

Pastore gia ti naran fortunadu

Se sempre in presse che puzzone in aeras ,

guppa chi hasa su tempu limitatu ,

de sos divertimentos ite isperas ,

in s’ atanzu cand’ ides annuadu

ti leas solu calchi imbreagera ,

ecco chi fini’ gai su divagu

nde falas sanu e torras imbreagu

Falas a bidda una olta a su mese

Ga a tottu sos divagos ses’ asente ,

si falo a santu Giagu crese

de divagu’ appo cassu solamente

cando nde torras ti nde buffas sese

sa e sette t’ annebbia sa mente

sa falda ti pare punt’ issusu

pro nde buffare una tazza in piusu

Gesuino Baragliu

HOME PAGE