logo20.gif (4485 byte)

21:34:10

Anno 50

Giovedì 2/1/2003

La nostra storia         Abbonati on-line        Ricerca nel Sito        Links

Cronache Calabresi

Reggio Calabria
Cosenza
Catanzaro
Crotone
Vibo Valentia
Cronache Regionali

Cronache Siciliane

Messina
Catania
Siracusa
Ragusa
Cronache Regionali

Altre Pagine

Nel Mondo
In Italia
Commenti
Economia
Spettacoli
Cultura
Sport

Informazioni Utili

Per chi viaggia
Hotel e Ristoranti
Meteo
Pagine Gialle
Musei
Enti Pubblici
Mp3

Speciali

E-MAIL

Joppolo / Le precisazioni della De.pa servizi srl

Nel 2003 completata l'anagrafe tributaria

Pino Brosio


JOPPOLO - La "De.pa servizi s.r.l." non ci sta e rispedisce al mittente gli addebiti mossi a suo carico dai dirigenti di Rifondazione comunista in un recente convegno nel corso del quale è stato duramente messo sotto accusa il sistema tributario del comune di Joppolo. La società incaricata di procedere all'accertamento dell'importo Ici da far pagare ai cittadini, affida la replica all'avv. Michele Pagnotta, che, senza alimentare i toni della polemica, cerca di offrire un suo contributo alla volontà di fare chiarezza sulla vicenda. Egli, in particolare, mira a spiegare i meccanismi che regolano gli accertamenti Ici. ««Nel comune di Joppolo - asserisce - è stato predisposto un progetto specifico con un preciso obiettivo: ridurre la pressione fiscale sulle famiglie con tutela di tutte le fasce. Tale progetto si concretizza, in primo luogo, nella individuazione del legittimo proprietario dell'immobile gravato da Ici d cui non risulta la titolarità perché non è stato registrato il trasferimento dell'immobile»». In particolare, spiega l'avv. Pagnotta, «se il titolare dell'immobile risulta deceduto ed a suo nome continuano a risultare degli immobili, è necessario che qualcuno risponda del possesso. Non a caso sono stati chiamati gli eredi o i parenti più prossimi perché ognuno possa comunicare la propria quota di spettanza o l'eventuale trasferimento». Nel caso specifico, non sarebbero pochi, secondo il legale della "De.pa", gli immobili il cui passaggio di proprietà non risulterebbe registrato con evidente danno per i contribuenti, cosa questa che non sarebbe emersa nella relazione del Prc. L'impegno della società che gestisce l'Ici ha già consentito, sostiene l'avv. Pagnotta, l'individuazione di tutti i contribuenti joppolesi. Ciò, a suo avviso, consentirà «di redigere entro il 2003 l'anagrafe tributaria e la regolarizzazione di tutte le annualità arretrate sino al 2002». C'è di più. Le attività di accertamento e di verifica condotte, mediante avviso pubblico, nel 2002 e relative agli anni 1995/96, hanno indotto i cittadini a presentarsi in Comune per chiarire o regolarizzare la propria posizione. Allo sportello, aggiunge il legale della "De.pa", «ebbe a presentarsi anche il signor Vecchio (segretario di sezione del Prc, promotore della protesta dei cittadini, ndc), verificando egli stesso l'operato senza nulla contestare». A parere di Pagnotta, non risponde a verità neppure il lamentato disinteresse delle istituzioni sull'intera vicenda perché egli stesso è stato convocato dagli organi competenti per chiarire «tutti i passaggi delle operazioni svolte e delle iniziative intraprese in tal senso ». I ogni caso, la "De.pa" manifesta l'intenzione di mantenere aperto il dialogo con i contribuenti, che anche per il prossimo anno saranno invitati a presentarsi in C mune per chiarire definitivamente la propria posizione.

 

Inserire le parole da ricercare:

 

ricerca avanzata

SONDAGGIO

INVIA SMS

HOME PAGE

Tutti i diritti riservati © 1998-2001 SES S.p.A. - Società Editrice Siciliana - Copyright

Realizzazione, Layout e Gestione - Linea Futura Creative srl