torna in cucina

 

TOSCANA

Lardo di Colonnata
 
A Colonnata - paesino delle Alpi Apuane, vicino a Carrara, proprio in mezzo alle cave di marmo, in un paesaggio pi lunare che terrestre - era inevitabile che prima o poi anche il marmo, la sua principale risorsa, venisse piegato anche ad usi alimentari.
Dal marmo infatti si ricavano le vasche - le conche - in cui vengono poste, a strati alterni, le alte falde di lardo suino maturo e profumato e la salata con tutti i suoi aromi: pepe, cannella, chiodi di garofano, coriandolo, salvia, rosmarino. La vasca piena viene incoperchiata, governata periodicamente, e la si riapre circa 10 mesi pi tardi, a stagionatura ultimata.
E' splendido, incantevole, seducente.
Quando cattivo, puzza. Quando buono, una poesia prima per il naso che per il palato. Specialmente su cresce bianche, crostini, piadine.
Io ho provato anche a buttare per un attimo le fette sottili sottili sulla padella antiaderente, giusto il tempo di farle accartocciare un po' su se stesse, prima di appoggiarle su un letto di spinaci.