From Cultcha                   index

 

 

 

 

 

La cultura del surf ha una ricca e abbondante storia nella quale si tramanda un unico sistema di rituali, linguaggi, simboli, gerarchie....lifestyle, che dagli antichi polinesiani è giunto fino ai giorni nostri, in tutto il pianeta.

Sono stati i Polinesiani a "inventare" il surf; non esiste una data certa ma............viaggiando per gli oceani con le loro grosse canoe accompagnati da donne, bambini e grosse provviste  con il solo riferimento delle stelle del sole e del vento approdarono, come vuole la leggenda, nella più piccola punta della più piccola isola a sud delle Hawai'i. Si insediarono e trovando onde meravigliose sulle quali cominciarono a esibire e diffondere l'arte del surf. Dopo pochi anni dal loro "sbarco" surfare era uno tra gli sport più praticati sulle isole ("surf riding wos one of the favorite Hawaiian sports - Thomas G. 1896 Hawaiian Almanac and Annual);   tutti lo praticavano regnanti compresi, i quali si riservavano addirittura i migliori spots. La gente era attratta dal poter scendere le onde e dall'energia che il vasto oceano intorno gli dava. Danno i primi nomi a vari tipi di onda e nascono i primi riti e canti during the prolonged flat spells per invocare l'aumento del moto ondoso.

                                                                                                                                   
I primi viaggiatori e conquistatori "bianchi" cominciarono a raggiungere le isole(James Cook, 18 Giugno 1778-O'ahu) e verso la fine del 1800 Waikiki era una meta turistica piuttosto famosa...nel 1907 due bianchi, Alexander Hume Ford e George Freeth fondano il The Outrigger Canoe and Surfboard Club; 3 anni dopo un'altro gruppo di canoisti nuotatori e surfisti, tutti hawaiani, danno vita al Hui Nalu Club. Nel 1911 le onde e i raiders di Waikiki radunano gia una discreta folla di spettatori;l'OCSC ha circa 1200 iscritti con almeno 100 persone in lista d'attesa. Il surf è già una "moda" locale.

 

        
  Duke Kahanamoku nato nel 1890 è considerato il padre del surf moderno; medaglio d'oro nelle olimpiadi di Stoccolma del 1912 nei 100m stile libero comincia a girare il mondo esibendo l'arte del surfing. I primi a raccogliere il suo "seme" e farlo crescere sono i californiani...nascono i primi gruppi  alla ricerca di luoghi dove surfare. L'effetto che deriva dal suo "walk on the water" è elettrizzante. Con il suo bel aspetto e la sua grazia Duke attira anche l'attenzione della capitale del cinema Hollywood, recita in sette film con parti minori e interpreta il ruolo di un polinesiano al fianco di Jhon Wayne nel film "Wake of the Red Witch nel 1948. Corre l'anno 1920 quando Duke e un gruppo di nuotatori Hawaiani, di ritorno dai Giochi Olimpici  di Antwerp, tengono una  dimostrazione; a vederli c'e un giovane californiano, Tom Blake, il quale rimane talmente impressionato dall'energia e dal carisma di Duke che decide di dedicare la sua vita ai grandi sport hawaiani: il nuoto, la canoa e il surf.