Matona mia cara
(Serenata del lanzichenecco)
Orlando di Lasso

Matona mia cara
mi follere canzon. (2 v.)
Cantar sotto finestra
lantze buon compagnon.

Don don don,
di ri di ri don don don don. (2 v.)

Ti prego m'ascoltare
che mi cantar de bon. (2 v.)
E mi ti foller bene
come greco e capon.

Don don don,
di ri di ri don don don don. (2 v.)

Com'andar alle cacce cacciar,
cacciar con le falcon. (2 v.)
Mi ti portar beccacce
grasse come rognon!

Don don don,
di ri di ri don don don don. (2 v.)

Se mi non saper dire
tante belle rason. (2 v.)
Petrarca mi non saper
né fonte d'elicon.

Don don don,
di ri di ri don don don don. (2 v.)

Se ti mi foller bene
mi non esser poltron. (2 v.)
Mi urtar tutta notte
urtar, urtar come monton.

Don don don,
di ri di ri don don don don. (3 v.)