FAITANÉLLA MMIA'

Introduzione

E' questa una canzone che esprime il profondo legame che i giovani hanno con la loro terra, ma anche il disagio dei giovani che sono costretti, come i nostri avi, a lasciare il proprio paese; ed è allora naturale ascoltare le vecchie canzoni in franco-provenzale e, mentre il cuore colmo di malinconia gronda lacrime amare, lasciare andare la propria mente al ricordo dei bei tempi andati, quando si scorrazzava felici in aperta campagna, la dove oggi sorgono case e palazzi; quando si andava nel bosco in cerca di nidi o a "raccogliere" frutti dagli alberi lasciati incustoditi dai proprietari...ma la r'lògg'(L'orologio comunale) ha continuato a scandire i minuti e il tempo è passato per tutti; è arrivato il tempo di ...trovarsi un lavoro, purtroppo lontano dagli affetti più cari. E quì si leva appassionato il richiamo alla propria amata: anche se partirò, ti porterò sempre nel mio cuore e, al più presto, tornerò all'ombra dei nostri monti a coronare il nostro sogno d'amore.


Testo
Cant vaj i sunt stà praj pl mmann',

t lo r'mm'riav na zich e arrij u post t lo m'ttiv

p t s'ntij na cianziunna talian

p t s'ntij un cià cià cià o un rock shfrnà.

ma avì nu, avì m s'é cuntì s'ntij:

"Funtan' d' Fait' " e "Cumm' un suajm' luntan' ".

Oj! S. Pròshp mmin jòr cumm g'à ffà? 

Lu ccuòr mminn d tanta mal'ncuni gl'étt accarvanà,

lo sij i shbbummiunt lacr'm azzuffunnà.

O paraj aiér ch n' s'vann quattrà,

p' nghiòcch la Rial,

d'nghiènn l n'viér mmòr

a giuccà, andò jor

ccas e palazz o sunt sra mbalà.

P' la vì du bbòw n'all'vann ngappann'

nnitt d cardìll e d'at scéj pr'l'bà,

c'rasij, nuaij e pump'lij

sénz lo patrunn

ch lo st'avant a r'm'rij.

D'nghié sél bbéj sruaj d Fait,

do séll' arja ffréshch, sapurit e raff'nà,

o par'sciv ch s v'viv d'amòr e d f'l'c'tà

ma la r'llògg' jatt fatià

e lo tuocch mmaj s'è f'rmà d d'nà

e lu tténn p tutt quant gl'ett passà;

jòr ggiòn n sun féj, étt arr'và lu tténn d fatià.

E ss mmi véi faitanélla mmià

piaura ppà ti piaura ppà...faitanélla mmià.

Traj r'ccu˛rd ròw nzénn do mì m purtrà:

lu ttinn, st'arja profumà ch ttant bbucc' jà shfamà

e Fait nnòt ch s pu˛tt mmaj shcurdà.

Oi b'llézza mmià un buhè d ffiur g t l'scjrà

e lu ccuòr mmìn p d'cchìr g turn'rà

d'ssò là mbréj dé Prazzunn a t nzurà.

Quante volte sono passati per le mani,

li guardavi un attimo e li rimettevi a posto

per ascoltare una canzone in italiano

per ascoltare un cià cià cià o un rock scatenato.

Ma oggi no, oggi ho sentito il bisogno di ascoltarle:

"Fontane di Faeto" e "Come un sogno lontano".

Oh! S. Prospero caro, come devo fare?

il mio cuore è colmo di malinconia,

gli occhi sgorgano lacrime a fiumi.

Sembra ieri che eravamo ancora ragazzi,

a la "Rial",

dentro le neviere abbandonate

a giocare, la dove adesso

sona state costruite case e palazzi.

Lungo la via del bosco andavamo alla ricerca

dei nidi dei cardellini e di altri uccelli,

(di) ciliegi, noci e meli

che i proprietari

avevano lasciato incustoditi.

Circondati dal bel sole faetano,

immersi in quell'aria fresca, gradevole e pura,

sembrava di vivere in armonia e felicità.

Ma l'orologio(Comunale) ha sempre lavorato

e non ha mai smesso di suonare (le ore)

e il tempo è passato per tutti,

adesso siamo giovani,è arrivato il momento di lavorare.

e se vado via, o mia piccola ragazza di Faeto,

non piangere, tu non piangere, o mia piccola faetana.

Tre grandi ricordi porterò con me:

il tuo, quest'aria profumata che a dato il pane a tante bocche,

e Faeto che non si può mai dimenticare.

Oh mia bella, un bouquet di fiori ti lascerò

e il mio cuore per quando tornerò

a sposarti all'ombra dei nostri monti.


Indietro