D'NANZ NA MÀNN


"Indifferenza", "Egoismo", Violenza"

ch d st tnn s' snt tan parl,

o sunt parol ch dir faitar s putunt p

e p'ss d'ghinn u paije nnt

iaranta p maia st.

Sl a nuss unta p p'ns,

d'lo cunt nnt sunta p scurd,

ma f'r'manz na zich a p'nz a chi i pattaij

a chi gli sul o abbandun.

D'nanz na mnn p'cch accuss

mancunn et meije sl n t e n g.

Aiutann lo st, migliae tst t

fa p d'mnn s't'lu pou f av.

T' sbaglj p a p'ns

a la frz d n mnn a d'n

a un surrr ch t pou p ni,

lu pr'mmije p i tocc a t a lu f

e ch u post d'avair et migliae a d'n.

S d'ghienn lo cuor nt aiatt su sti,

d pac e s'r'n't u paije nt s'camp'r.

D'nanz na mnn p'cch accuss

l g'n'ranziunn s' sn'tunt mije un,

a lo gin l spranz i sunt aff'd

p f ch lu d'mnn migliae i s'r.
"Indifferenza", "Egoismo", Violenza"

di cui si sente tento parlare in questi giorni

sono parole che non si possono pronunciare in Faetano

e perci nel nostro paese

non dovrebbero mai esistere.

Non dobbiamo pensare solo a noi,

non dobbiamo dimenticarci delle nostre vicende,

ma fermiamoci un momento a pensare a chi soffre

a chi solo o abbandonato.

Diamoci una mano perch in questo modo

nessuno resta pi da solo ne io e ne te.

Aiutiamo gli altri, meglio stai tu

non farlo domani se puoi farlo oggi.

Non sbagli a pensare

a la forza (che ha) il dare una mano

a un sorriso che non puoi negare,

il primo passo tocca a te farlo

e che al posto di avere meglio dare.

Se nel nostro cuore custodito (tutto)questo,

nel nostro paese si vivrebbe in pace e serenit.

Diamoci la mano perch in questo modo

le generazioni si sentono amalgamate meglio,

ai giovani sono affidate le speranze

di un domani migliore.

Indietro