Nello Cassata nacque a Barcellona Pozzo di Gotto il 6 aprile 1913. Si laure˛ in giurisprudenza presso l'UniversitÓ di Messina, dove ebbe come docente di diritto e procedura penale l'ex Presidente della Repubblica Giovanni Leone. Agli inizi della libera professione lasci˛ la toga, la moglie ed i figli, ancora in tenera etÓ, per servire la Patria in armi, col grado di sottotenente, sul fronte di Albania, dove, alla fine di una giornata di accanito e rovinoso combattimento, venne invitato a recitare le poesie di Micio Tempio, risollevando il morale dei colleghi ufficiali. I poeti catanesi Tempio e Martoglio e il grande palermitano Meli alimentarono la sua passione per la poesia dialettale. Racchiuse il dramma di tutta un'epoca individuale e collettiva nei lavori Il Labirinto, L'odore del mosto e La mia preistoria. L'amore per la cittÓ natale gli ha fatto dare alle stampe Barcellona Pozzo di Gotto nel Risorgimento e Barcellona Pozzo di Gotto dal 1860 ad oggi. La raccolta Aranciu amaru racchiuse alcune delle sue poesie in lingua siciliana, liriche che nel 1953 gli meritarono il primo premio nell'ambito di un concorso regionale di poesia dialettale tenutosi a Messina : fu il primo di numerosi riconoscimenti alla sua opera poetica e novellistica. La molteplice attivitÓ febbrile, sempre protesa ad un'ansia di realizzazione di fratellanza umana e cristiana, la schietta sicilianitÓ del sentire in termini universali permearono la sua vicenda terrena, facendolo sempre trovare in prima linea nella realizzazione di progetti di conservazione delle proprie radici e di promozione sociale e culturale. La sua cittÓ natale, dove Ŕ rimasto vivo il compianto per la sua scomparsa avvenuta nel 1997, le ha dedicato un monumento, inaugurato il 26 aprile 1998 nella centralissima piazza della Basilica Minore di San Sebastiano, alla presenza di numerosi rappresentanti delle autoritÓ civili e politiche, ma soprattutto di quei moltissimi anonimi concittadini che avevano sperimentato la sua grande carica umana. (cfr. M. D'agata, Enciclopedia dei poeti siciliani, Catania 1973).

Autori: Bonavita Ozanam - Naselli Maria Rosa, sono graditi suggerimenti ed impressioni: Ultimo aggiornamento domenica 08 settembre 2002

ATTENZIONE: Ai visitatori che non vedessero lo schermo diviso in due finestre e quindi, non potendo visualizzare l'indice generale, non potrebbero accedere correttamente a tutte le nostre pagine, si consiglia di cliccare sulla chiave