MERI'

Piccolo comune tra S.Lucia,Milazzo e Barcellona Pozzo di Gotto,ha avuto origine dal feudo del Barone Don Visconte Rizzo intorno al 1583.La zona è stata sempre sede di insediamenti umani, come del resto tutta l'area tra Tindari e Milazzo, basti pensare, che anche di recente, durante gli scavi per la realizzazione di una discarica è stata rinvenuta una necropoli e che già nel secolo scorso si erano avuti rinvenimenti di reperti archeologici. Durante la conquista della Sicilia, da parte di Garibaldi, la zona fu immediata retrovia della linea del fuoco durante la battaglia di Milazzo.

monumento dedicato al barone Visconte Rizzo; il giovane barone,originario di Messina, ereditò il feudo dopo una lunga lotta giudiziaria per la successione, ed intuendo che la vicinanza del porto di Milazzo e la posizione lungo la strada di collegamento Messina - Palermo avrebbero giocato a favore di un rapido sviluppo, vi realizzò anche un impianto per la produzione e la lavorazione della seta, come ricorda il nome "manganelli". Infatti per la lavorazione della seta,oltre ai filatoi,erano necessari i mangani per la manganatura del prodotto grezzo.Il barone fece costruire magazzini e case per gli operai,come ricorda il nome di via "Setaioli", favorendo così l'immigrazioni di operai dai paesi vicini e l'urbanizzazione della zona.

 

monumento eretto in memoria del Maggiore Filippo Migliavacca, ufficiale di origine milanese ferito gravemente in combattimento durante la battaglia di Milazzo e successivamente deceduto a Merì

     
 antico pozzo sito in Piazza XXIV Maggio.

Il pozzo fu rinvenuto durante i lavori di costruzione della piazza,era stato interrato, e fu ricostruito nella parte superiore qualche decennio addietro; riteniamo che i materiali usati nella ricostruzione abbiano tenuto poco conto dell'epoca della sua realizzazione. Guardandovi dentro sono ben visibili le antiche pareti.

Questa piazza era situata davanti l'antico palazzo del Visconte Rizzo, ancora oggi è intesa come " chianu palazzu".

Dell'antica dimora non rimane traccia.


Pubblicazioni:

Antonino Coppolino - Merì nella storia, Merì, 1995

ATTENZIONE: Ai visitatori che non vedessero lo schermo diviso in due finestre ed il cui browser supporta i frames si consiglia di cliccare sulla chiave per visualizzare l'indice generale. Autori: Bonavita Ozanam - Naselli Maria Rosa, sono graditi suggerimenti ed impressioni: