Il Poetto di Cagliari...    Pag. 3
.
.
.
.
.

I balli si svolgevano sotto gli occhi dei genitori, soprattutto le madri, che sedute tutt'intorno, non perdevano mai di vista le loro figlie e se un cavaliere si faceva troppo vivace la fanciulla veniva richiamata all'ordine con una frase del tipo: "Nara, sbrigungia: non ddu scisi chi gussu est'unu bagamundu, unu chicchiu! Lassaddu perdi chi cussu tanti no ri coiara!" (ascolta, svergognata: non lo sai che quello un vagabondo, un poco di buono, lascialo perdere che tanto non ti sposa!).

clicca per ingrandire

.

.