"Spina Azzurra" Il voto contrario di RIFONDAZIONE

Il periodico del comune "BUCCINASCO INFORMAZIONI" ha informato i cittadini di Buccinasco sul progetto, approvato in Consiglio Comunale, per la riqualificazione della zona dei tre laghetti (Fagnana) per un impegno di spesa a opera finita di due miliardi e cinquecento milioni. Il progetto principale consiste nella realizzazione di un percorso pedonale ("serpentone") lungo circa 900 metri, in parte su terra, in parte sopra ad un laghetto.

Rifondazione Comunista ritiene tale progetto interessante, formulato con corretti criteri sia ambientali che architettonici. Un conto, però, è giudicare una proposta, anche bellissima: per questo si fa appello ai gusti individuali; ben altro conto è dare un giudizio sulle priorità del comune: qui si deve fare appello alla ragione.

La nostra contrarietà alla realizzazione di tale progetto si fonda su due considerazioni:

1) Crediamo che sia prioritario investire in zone dove mancano strutture (quali il Q. MUSICISTI, Q. MANZONI,Q. ROBARELLO); molte richieste sono state avanzate da anni dagli abitanti di questi quartieri e tuttora risultano disattese.(centri di aggregazione, nuova farmacia, ecc.).

Crediamo, altresì, che si debba prendere in seria considerazione anche il fatto di potenziare al più presto la disponibilità di plessi scolastici, in seguito ai nuovi insediamenti; infatti, già attualmente la disponibilità di aule risulta insufficiente; si rende quindi necessaria la costruzione di nuove scuole, sia materne sia elementari.

2) Il nostro progetto per quella zona è di tutt’altra natura.

Per noi non si dovrebbe realizzare un’opera in funzione dell’immagine della zona; riteniamo invece che si debba formulare un progetto i cui principali beneficiari siano anzitutto le associazioni ed i ragazzi che già per altri motivi frequentano quella zona. Infatti, nella zona in questione, si trovano: scuole elementari e medie, la biblioteca, il centro giovani, l’auditorium, associazioni come il C.R.A.C. G.U.P.I.H. gli SCOUT, associazioni sportive di pescatori. DEFINIAMO ALLORA QUESTA ZONA COME

LA CITTÀ’ DEI RAGAZZI

COSA SIGNIFICA?

Innanzitutto significa sviluppare una situazione già esistente, in modo possano armonizzarsi attività scolastiche, di ricerca, ludiche, sportive e ricreative; creare cioè una zona che i ragazzi sentano propria, dove lo studio diventa parte del tempo libero ed il tempo libero diventa parte dello studio, dove gli anziani possano anche diventare educatori e sentirsi, eventualmente, anche meno soli ed emarginati.

COSA BISOGNEREBBE FARE?

Ad esempio: realizzare una nuova biblioteca, laboratori per la ricerca nel campo dell’ortobotanica oppure del giardinaggio (o altro), un centro prova per ragazzi che suonano, piste per pattinaggio, campi di pallavolo o pallacanestro, ed altro ancora.

UNA PRECISAZIONE

Questa è soltanto una bozza di proposta che andrebbe sviluppata più concretamente attraverso la partecipazione diretta delle associazioni e dei ragazzi.

SIAMO CONVINTI, in ogni caso, che i cittadini di Buccinasco debbano esprimersi direttamente sulle priorità edilizie dell’Amministrazione, per evitare che si abbia una zona fin troppo servita e altre che continuino soltanto a ricevere PROMESSE.

RIFONDAZIONE COMUNISTA
BUCCINASCO