PARTITO DELLA
RIFONDAZIONE COMUNISTA

Sezione "V. Mosca" - Via Turati,6 20090 Cesano Boscone

Gruppo Consiliare - Cesano Boscone

Intervento della Consigliera Valeria Mulas
nella seduta del 5 Luglio 1999

Buonasera a tutti, vorrei subito ringraziare i cittadini di Cesano che con il loro voto mi hanno permesso di essere qui in Consiglio Comunale e che hanno creduto ancora in Rifondazione Comunista e in ciò che può fare attivamente.

Questo mio impegno fa seguito alla precedente e significativa esperienza dei due consiglieri di Rifondazione Comunista, Emuanuele Alberghina e Luca Leonardi, il cui operato è e sarà per me una traccia ed un esempio da seguire, così come sarà un punto di riferimento importante il nostro riconfermato Assessore all'Ambiente Alfredo Fontanella.

A questo proposito vorrei esprimere la perplessità che ci ha colti, come Rifondazione, nel rilevare i mutamenti sostanziali che si sono verificati nella attribuzione degli assessorati. Pur considerando, infatti, i cambiamenti derivanti dall'entrata in maggioranza di nuove forze politiche, ci sembra che il quadro generale presenti rilevanti elementi di novità. Mi auguro e ci auguriamo, come Rifondazione Comunista, che questi cambiamenti non pregiudichino la linea d'azione che sin qui si è portata avanti e il cui operato è stato tra l'altro giudicato molto positivamente dalla maggioranza dei cittadini.

Abbiamo appoggiato la candidatura della Signora Sindaca Bruna Brembilla perché crediamo che si sia fatto molto nei passati 4 anni e che ancora tanto si possa fare a Cesano Boscone e perché crediamo nel programma amministrativo presentato.

Rifondazione Comunista sarà particolarmente attenta e vigile affinché si realizzino i punti programmatici nel pieno rispetto di quelli che noi consideriamo i nostri valori di fondo, cioè la tutela delle persone tutte, delle più deboli in particolare, la tutela dell'ambiente e del territorio e la tutela della qualità della vita.

Qualità che dovrà essere mantenuta e in molti casi migliorata. Per questo crediamo che solo il mantenimento dei servizi, nonché un loro miglioramento vada nella giusta direzione.

Rifondazione Comunista sarà allora un doppio organo di controllo: guarderà alla corretta esecuzione dei punti programmatici, si farà portavoce delle istanze cittadine, anticipandole anche, come già in passato è successo, e premerà sui punti di maggiore importanza.

Poiché, dunque, crediamo che questa maggioranza di centrosinistra si debba far carico di tutte queste istanze, rifondazione appoggia il programma amministrativo pur ricordando che non smetterà di fare politica, di porre all'attenzione del Consiglio quei problemi anche di respiro nazionale e internazionale che pur ci toccano.

Non smetteremo di portare la nostra voce, anche laddove non si omologata a quella degli altri: sarà la nostra forza critica a spingere i dibattiti e a porre dubbi dove sarà necessario per la crescita di Cesano Boscone.

A questo proposito vorrei ricordare il dramma del popolo Kurdo che perseguitato dallo Stato Turco oggi vede condannare a morte il suo leader storico Ocalan.

Ricordo che l'Italia non ammette la pena di morte come metodo di giustizia e nonostante le continue condanne per questa sentenza che ora da più parti si levano, non posso fare a meno di pensare che questo Governo si è fatto complice di un omicidio statale quando poteva instaurare un processo di pace (come richiesto dallo stesso Ocalan) e farsi portavoce dei diritti di un popolo intero quello Kurdo, che non diversamente dal popolo Kossovaro vede ancora ad oggi calpestare la propria dignità.

Mi auguro che presto termini questa politica dei due pesi e delle due misure e invito tutti i cittadini, i consiglieri e la giunta tutta a riflettere sui principi della nostra Costituzione, sulla sua coerenza più volte calpestata: l'Italia ripudia anche la guerra oltre che la pena di morte!!

Bisogna, forse, ripartire anche da qui per capire che quando si fa una politica di destra, non può che vincere la destra, così come le ultime elezioni europee e regionali dimostrano.

Concludo esprimendo la speranza di continuità e miglioramento dell'attività amministrativa della Giunta e del Consiglio Comunale, confermo il mio appoggio costruttivo e leale, ma non per questo acritico, laddove serva, ed auguro alla Sindaca, agli Assessori e a tutti i Consiglieri un buon lavoro per i prossimi cinque anni.

Valeria Mulas