Istituto Comprensivo  Orsara di Puglia (FG)

                                                                        


 

PROGETTO ORIENTAMENTO

Anno Scolastico 1999/2000

Responsabile

(Ins. Rega Carmela)

Premessa

La formazione orientativa costituisce una fondamentale componente strutturale del percorso formativo di ogni persona lungo tutto l'arco della vita e si traduce sul piano operativo in un insieme di attività mirate a far acquisire conoscenze e competenze, accanto a riferimenti valoriali condivisi e codificati, che servono alla persona, al cittadino, al lavoratore per vivere, agire e assumere responsabilità in una società complessa, qual è quella attuale.

In questa ottica i compiti della scuola sono:

  • individuare le competenze di base, rispetto alle situazioni socio-culturali, produttive generali e locali
  • progettare ed organizzare esperienze formative funzionali allo sviluppo delle competenze individuate
  • documentare i risultati e i processi di insegnamento/apprendimento per poter valutare le esperienze realizzate.

Le esperienze sono orientative in quanto contribuiscono:

  • Alla costruzione dell'identità;
  • Alla formazione del cittadino;
  • alla pratica della cultura e del lavoro;
  • all'acquisizione di metodi di studio e di lavoro.

Occorre accentuare l'impostazione orientativa del curricolo, utilizzando in pieno le valenze orientative delle singole discipline e realizzando percorsi personalizzati di apprendimento.

L'orientamento formativo deve assumere i caratteri di una strategia istituzionale

funzionale al perseguimento degli scopi formativi per l'alunno con la necessaria

flessibilità organizzativa e curricolare anche nella prospettiva di rapporti con Enti ed Agenzie esterne su iniziative mirate.

 

Finalità

Formare e/o potenziare le capacità degli alunni di conoscere se stessi, l'ambiente in cui vivono, i cambiamenti culturali e socio-economici, le offerte formative per essere protagonisti di un personale progetto di vita.

Promuovere le competenze necessarie per effettuare scelte efficaci nel proprio futuro e per assumere decisioni anche in situazioni complesse.

Favorire un' azione formativa sempre più integrata con realtà istituzionali e non, esterne alla scuola.

Creare, organizzare e gestire un archivio di situazioni formative orientative.

 

Costruzione dell'identità' personale

Obiettivi

  • Realizzare la conoscenza del sé corporeo.
  • Scoprire, analizzare ed assumere atteggiamenti positivi nei riguardi del corpo.
  • Ricostruire la storia personale.
  • Confrontare le esperienze relative ad eventi particolari.
  • Riconoscere le proprie emozioni.
  • Riconoscere aspetti del proprio carattere.
  • Saper esprimere riflessioni e giudizi su se stessi.
  • Avere fiducia nelle proprie possibilità.
  • Rispettare se stessi, gli altri, le regole, l'ambiente, l'opinione altrui.
  • Saper fruire delle gratificazioni del quotidiano che si traggono dalle relazioni interpersonali.
  • Rafforzare l'affettività nella dimensione dell'unitarietà mente-corpo.
  • Potenziare il senso di appartenenza.
  • Finalizzare le emozioni alla comunicazione con altre persone e alla crescita nell'interazione tra pari.
  • Riconoscere i propri interessi, attitudini, capacità, aspirazioni.
  • Essere consapevole del tipo di rapporto che intercorre tra sé e la propria famiglia.
  • Conoscere e valutare le possibilità economiche della propria famiglia
  • Saper valutare il proprio rendimento scolastico.

 

Metodologia

Una corretta metodologia di orientamento alla formazione dell'identità, incentrata sull'apporto delle diverse discipline, dovrebbe prevedere la seguente articolazione:

  • fase esplorativa e descrittiva dell'ambiente in rapporto a se stessi (individuo- gruppo - classe - scuola - territorio ) e riferita alle caratteristiche dell'età (espansione spazio-motoria, impulso alla scoperta);
  • fase interpretativa della realtà sociale e professionale, riferita ai modi tipici di questa fascia di età (espansione emotivo-affettiva e relazionale, sviluppo della socialità);
  • fase esplicativa ed attuativa dell'auto- orientamento, riferita alla ricerca di autonomia e alla formazione dell'identità personale.

 

Formazione del cittadino - Pratica della cultura e del lavoro

Obiettivi

  • Saper intraprendere, organizzare e coordinare iniziative e/o attività
  • Essere in grado di decidere e di scegliere in modo consapevole, agendo con coerenza
  • Potenziare le capacità comunicative e la disponibilità al cambiamento.
  • Polarizzare l'aggressività verso impegni concreti e positivi.
  • Sviluppare abilità organizzative (lavoro di gruppo - staff)
  • Conoscere, saper leggere analiticamente ed interpretare il contesto locale socioeconomico e culturale
  • Conoscere, comprendere ed accettare realtà culturali diverse.
  • Rafforzare l'interesse per la cultura ed il sapere come eredità delle generazioni del passato e come terreno per la costruzione del futuro
  • Individuare e rafforzare legami tra aspirazioni individuali e bisogni della società
  • Saper reperire le diverse possibilità formative a partire dagli ambiti di interesse o dal tipo di lavoro prescelto.
  • Far conoscere alle famiglie e agli alunni i diversi indirizzi della scuola secondaria superiore riguardo ai profili culturali e professionali, alle caratteristiche dei piani di studio, al tipo di impegno richiesto, alle offerte formative e alle dotazioni delle strutture scolastiche.
  • Conoscere le principali linee di trasporto pubblico del distretto a cui appartiene la scuola e le condizioni di utilizzo.
  • Conoscere la struttura fondamentale del mondo del lavoro ed analizzarne alcune problematiche ,in particolare la disoccupazione.

 

Acquisizione di metodi di studio e di lavoro

Obiettivi

  • Saper accogliere e gestire dati ed informazioni
  • Potenziare le capacità di scelta e valutazione
  • Sviluppare competenze progettuali
  • Migliorare le capacità di impostazione e soluzione dei problemi
  • Saper leggere (nel senso di interpretare ed utilizzare) documenti e formulari, carte, mappe, tabelle e grafici, istruzioni, testi espositivi(giornali)testi di carattere qualitativo (estratto conto).
  • Acquisire abilità specifiche spendibili nel mondo del lavoro: gestione dei tempi e delle risorse.
  • Saper utilizzare strumenti e tecnologie per ottenere prodotti conformi agli standard previsti.
  • Saper utilizzare i nuovi mezzi di comunicazione, in particolare le tecnologie multimediali.

 

Metodi e mezzi

Discussione libera e guidata. Lavoro di gruppo e di intergruppo. Ricerca di dati statistici e tabulazione. Verbalizzazione delle diverse fasi di lavoro. Produzione di materiali: cartelloni, grafici, racconti personali, fotografie, dossier, anche con uso di mezzi multimediali.

Indagini sul territorio con il coinvolgimento di Enti, Agenzie, Specialisti esterni. Visite guidate ad ambienti di lavoro e scuole Incontri con genitori ,con esperti di problemi pedagogici e produttivi. Uso di materiale audiovisivo. Questionari anonimi e non.

 

Contenuti

Coerentemente con le finalità e gli obiettivi individuati, nonché con Progetti già inseriti nel P.O.F., i Consigli di classe, di Interclasse, di intersezione, individuano, organizzano e gestiscono specifiche situazioni formative.

 

LINEE GUIDA per la progettazione di una situazione formativa.

  • Privilegiare situazioni formative in cui gli apprendimenti degli alunni hanno carattere di urgenza e rilevanza formativa, nonché di necessità persistenti nel tempo e trasferibilità in altre situazioni o contesti.
  • Verificare che le situazioni formative siano concretamente praticabili con le risorse della scuola, che i prodotti da realizzare siano funzionali ai bisogni reali e che rispettino standard di qualità con riconoscimento nell'extra scuola.
  • Definire la sequenza delle operazioni,i contenuti, le caratteristiche e i requisiti di accettabilità del prodotto, nonché i tempi e i modi di verifica.
  • Individuare quale contributo offre la situazione formativa prescelta alla costruzione dell'identità, alla formazione del cittadino, alla pratica della cultura e del lavoro e all'acquisizione di metodi di studio e di lavoro.
  • Identificare per ogni fase della sequenza operativa le materie coinvolte, i saperi attivati, nonché cosa è necessario che l'insegnante faccia perché gli alunni a loro volta mettano in atto determinate azioni(spessore formativo e abilità sollecitate).

 

Soggetti coinvolti

Gli alunni e i docenti dei tre ordini di scuola dell'Istituto Comprensivo.

I genitori, in particolare quelli degli anni ponte. Enti locali-ASL-Centro per

l'Orientamento-Esperti esterni.

 

Tempi

Orario curriculare ed extra curriculare.