Home page

" Fu indetto da Bonifacio VIII il 22 febbraio 1300 con la bolla Antiquorum habet fidem, il cui testo fu poi scolpito sul marmo nella Porta Santa di San Pietro. Le norme per lucrare l'indulgenza plenaria erano: confessione, comunione e pellegrinaggio alle basiliche di San Pietro e San Paolo per 30 giorni consecutivi, se si trattava di cittadini romani, e 15 per i forestieri. In veritÓ nel poemetto De centesimo sive Jubileo anno liber del cardinale Gaetano Stefaneschi (1270-1343) si racconta che fin dal primo gennaio di quell' anno una folla di pellegrini si era recata ad onorare le tombe dei due apostoli, perchŔ si era diffusa la voce che ogni cristiano avrebbe in tal modo - ottenuto la completa remissione di tutte le sue colpe e, nei giorni successivi, l'indulgenza dei cento anni -. Di fronte a questa richiesta popolare di penitenza, il papa ordin˛ che venissero effettuate delle ricerche nell'Archivio Vaticano su un fantomatico giubileo di cui sarebbe ricorso il centenario; non le trov˛, ma convinto da quell' entusiasmo mistico, Bonifacio VIII si decise a decretarlo, anche perchŔ gli sembr˛ importante per esaltare Roma come cittÓ santa e la sua persona al centro del mondo." (Rendina C.▓)