Presentation   News Events   Archives    Links   Sections Submit a     paper Mail

FRENIS  zero 

Psicoanalisi applicata alla Medicina, Pedagogia, Sociologia, Letteratura ed Arte

  Home Frenis Zero

        

 Frenis Zero  Publisher

        PSICONALISI E  SCHIZOFRENIA. Un quadro in divenire

 

 

 

 Recensione di Giuseppe Leo

 

Psicoanalisi e schizofrenia. Un quadro in divenire
Autori e curatori
Laura Corbelli , Massimo Fontana
Contributi
Antonello Correale, Nancy McWilliams, Francesca Piazzalunga, Olga Spagnuolo, Enrico Vincenti, Salvatore Zito
Editore F.Angeli
Collana
Psicopatologia
Anno 2016
Dati pp. 140,     

Codice ISBN: 9788891728890 

Prezzo: € 18,00
 
 
 




 

 

            

 

 

  

   

 

Rivista "Frenis Zero" - ISSN: 2037-1853

Edizioni "Frenis Zero"

clicca qui per la ricerca nel sito/Search in the website
A.S.S.E.Psi. web site (History of Psychiatry and Psychoanalytic Psychotherapy ) 

 

A.S.S.E.Psi.NEWS (to subscribe our monthly newsletter)

 

Ce.Psi.Di. (Centro di Psicoterapia Dinamica "Mauro Mancia") 

 

Maitres à dispenser (Our reviews about psychoanalytic congresses)

 

Biblio Reviews (Recensioni)

 

Congressi ECM (in italian)

 

Events (our congresses)

 

Tatiana Rosenthal and ... other 'psycho-suiciders'

Thalassa. Portolano of Psychoanalysis

 

PsychoWitz - Psychoanalysis and Humor (...per ridere un po'!)

 

Giuseppe Leo's Art Gallery

Spazio Rosenthal (femininity and psychoanalysis)

Psicoanalisi Europea Video Channel

A.S.S.E.Psi. Video Channel

EDIZIONI FRENIS ZERO

 

Ultima uscita/New issue:

 

Psychoanalysis, Collective Traumas and Memory Places (English Edition)

Edited by/a cura di: Giuseppe Leo Prefaced by/prefazione di:               R.D.Hinshelwood                                      Writings by/scritti di: J. Altounian       W. Bohleber  J. Deutsch                        H. Halberstadt-Freud  Y. Gampel           N. Janigro   R.K. Papadopoulos            M. Ritter  S. Varvin  H.-J. Wirth

 Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collection/Collana: Mediterranean Id-entities

Anno/Year: 2015

Pagine/Pages: 330

ISBN:978-88-97479-09-3

 

 

"L'uomo dietro al lettino" di Gabriele Cassullo

 Prefaced by/prefazione di: Jeremy Holmes                                                         Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collection/Collana: Biografie dell'Inconscio

Anno/Year: 2015

Pagine/Pages: 350

ISBN:978-88-97479-07-9

Prezzo/Price: € 29,00

Click here to order the book

(per Edizione rilegata- Hardcover clicca qui)

 

"Neuroscience and Psychoanalysis" (English Edition)

Edited by/a cura di: Giuseppe Leo Prefaced by/prefazione di: Georg Northoff                                            Writings by/scritti di: D. Mann               A. N. Schore R. Stickgold                   B.A. Van Der Kolk  G. Vaslamatzis  M.P. Walker                                                 Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collection/Collana: Psicoanalisi e neuroscienze

Anno/Year: 2014

Pagine/Pages: 300

ISBN:978-88-97479-06-2

Prezzo/Price: € 49,00

Click here to order the book

 

Vera Schmidt, "Scritti su psicoanalisi infantile ed educazione"

Edited by/a cura di: Giuseppe Leo Prefaced by/prefazione di: Alberto Angelini                                             Introduced by/introduzione di: Vlasta Polojaz                                                   Afterword by/post-fazione di: Rita Corsa

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana: Biografie dell'Inconscio

Anno/Year: 2014

Pagine/Pages: 248

ISBN:978-88-97479-05-5

Prezzo/Price: € 29,00

Click here to order the book

 

 

Resnik, S. et al.  (a cura di Monica Ferri), "L'ascolto dei sensi e dei luoghi nella relazione terapeutica" 

Writings by:A. Ambrosini, A. Bimbi,  M. Ferri,               G. Gabbriellini,  A. Luperini, S. Resnik,                      S. Rodighiero,  R. Tancredi,  A. Taquini Resnik,       G. Trippi

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana: Confini della Psicoanalisi

Anno/Year: 2013 

Pagine/Pages: 156

ISBN:978-88-97479-04-8 

Prezzo/Price: € 37,00

Click here to order the book

 

Silvio G. Cusin, "Sessualità e conoscenza" 

A cura di/Edited by:  A. Cusin & G. Leo

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana/Collection: Biografie dell'Inconscio

Anno/Year: 2013 

Pagine/Pages: 476

ISBN:  978-88-97479-03-1

 Prezzo/Price: € 39,00

Click here to order the book

 

 

AA.VV., "Psicoanalisi e luoghi della riabilitazione", a cura di G. Leo e G. Riefolo (Editors)

 

A cura di/Edited by:  G. Leo & G. Riefolo

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana/Collection: Id-entità mediterranee

Anno/Year: 2013 

Pagine/Pages: 426

ISBN: 978-88-903710-9-7

 Prezzo/Price: € 39,00

Click here to order the book

 

 

AA.VV., "Scrittura e memoria", a cura di R. Bolletti (Editor) 

Writings by: J. Altounian, S. Amati Sas, A. Arslan, R. Bolletti, P. De Silvestris, M. Morello, A. Sabatini Scalmati.

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana: Cordoglio e pregiudizio

Anno/Year: 2012 

Pagine/Pages: 136

ISBN: 978-88-903710-7-3

Prezzo/Price: € 23,00

Click here to order the book

 

 

AA.VV., "Lo spazio  velato.   Femminile e discorso psicoanalitico"                             a cura di G. Leo e L. Montani (Editors)

Writings by: A. Cusin, J. Kristeva, A. Loncan, S. Marino, B. Massimilla, L. Montani, A. Nunziante Cesaro, S. Parrello, M. Sommantico, G. Stanziano, L. Tarantini, A. Zurolo.

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana: Confini della psicoanalisi

Anno/Year: 2012 

Pagine/Pages: 382

ISBN: 978-88-903710-6-6

Prezzo/Price: € 39,00

Click here to order the book

 

AA.VV., Psychoanalysis and its Borders, a cura di G. Leo (Editor)


Writings by: J. Altounian, P. Fonagy, G.O. Gabbard, J.S. Grotstein, R.D. Hinshelwood, J.P. Jimenez, O.F. Kernberg,  S. Resnik.

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana/Collection: Borders of Psychoanalysis

Anno/Year: 2012 

Pagine/Pages: 348

ISBN: 978-88-974790-2-4

Prezzo/Price: € 19,00

Click here to order the book

 

AA.VV., "Psicoanalisi e luoghi della negazione", a cura di A. Cusin e G. Leo
Psicoanalisi e luoghi della negazione

Writings by:J. Altounian, S. Amati Sas, M.  e M. Avakian, W.  A. Cusin,  N. Janigro, G. Leo, B. E. Litowitz, S. Resnik, A. Sabatini  Scalmati,  G.  Schneider,  M. Šebek, F. Sironi, L. Tarantini.

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Collana/Collection: Id-entità mediterranee

Anno/Year: 2011 

Pagine/Pages: 400

ISBN: 978-88-903710-4-2

Prezzo/Price: € 38,00

Click here to order the book

 

"The Voyage Out" by Virginia Woolf 

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

ISBN: 978-88-97479-01-7

Anno/Year: 2011 

Pages: 672

Prezzo/Price: € 25,00

Click here to order the book

 

"Psicologia dell'antisemitismo" di Imre Hermann

Author:Imre Hermann

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero 

ISBN: 978-88-903710-3-5

Anno/Year: 2011

Pages: 158

Prezzo/Price: € 18,00

Click here to order the book

 

"Id-entità mediterranee. Psicoanalisi e luoghi della memoria" a cura di Giuseppe Leo (editor)

Writings by: J. Altounian, S. Amati Sas, M. Avakian, W. Bohleber, M. Breccia, A. Coen, A. Cusin, G. Dana, J. Deutsch, S. Fizzarotti Selvaggi, Y. Gampel, H. Halberstadt-Freud, N. Janigro, R. Kaës, G. Leo, M. Maisetti, F. Mazzei, M. Ritter, C. Trono, S. Varvin e H.-J. Wirth

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

ISBN: 978-88-903710-2-8

Anno/Year: 2010

Pages: 520

Prezzo/Price: € 41,00

Click here to have a preview 

Click here to order the book

 

 

"Vite soffiate. I vinti della psicoanalisi" di Giuseppe Leo 

Editore/Publisher: Edizioni Frenis Zero

Edizione: 2a

ISBN: 978-88-903710-5-9

Anno/Year: 2011

Prezzo/Price: € 34,00

Click here to order the book

OTHER BOOKS

"La Psicoanalisi e i suoi confini" edited by Giuseppe Leo

Writings by: J. Altounian, P. Fonagy, G.O. Gabbard, J.S. Grotstein, R.D. Hinshelwood, J.P. Jiménez, O.F. Kernberg, S. Resnik

Editore/Publisher: Astrolabio Ubaldini

ISBN: 978-88-340155-7-5

Anno/Year: 2009

Pages: 224

Prezzo/Price: € 20,00

 

"La Psicoanalisi. Intrecci Paesaggi Confini" 

Edited by S. Fizzarotti Selvaggi, G.Leo.

Writings by: Salomon Resnik, Mauro Mancia, Andreas Giannakoulas, Mario Rossi Monti, Santa Fizzarotti Selvaggi, Giuseppe Leo.

Publisher: Schena Editore

ISBN 88-8229-567-2

Price: € 15,00

Click here to order the book

 

 

 

 

 

 

 Il libro "Psicoanalisi e schizofrenia" (Franco Angeli, 2016), a cura di Laura Corbelli e Massimo Fontana, riempie a mio parere un vuoto nel panorama italiano attinente alle visioni delle "psicoanalisi" sulle "schizofrenie". E preciso il perché ho usato il plurale per entrambi i termini virgolettati. Sul primo plurale, le "psicoanalisi", l'interrogativo del capitolo di Francesca Piazzalunga è illuminante: "E se la psicoanalisi non esistesse?". Già Robert Wallerstein se l'era chiesto nel famosissimo articolo "One or many psychoanalysis ?" (Int. J. Psychoanal., 69, 1988), se solo consideriamo tutti gli orientamenti psicoanalitici oggi presenti, molti di più di quelli passati a suo tempo in rassegna da Greenberg e Mitchell ("Le relazioni oggettuali nella teoria psicoanalitica", 1986) e nel capitolo sulle controversie teoriche e tecniche de "L'esperienza della psicoanalisi" di Mitchell e Black (ed. it. 1996).

Ma prima mi piacerebbe attirare l'attenzione del potenziale lettore di questo libro su una premessa che i curatori fanno a proposito del dialogo delle "psicoanalisi" con le "neuroscienze" (qui la lingua italiana è avvantaggiata rispetto all'inglese che possiede solo il singolare, "neuroscience"). Infatti, dato che le "schizofrenie" hanno avuto, e hanno tuttora, tanti fautori di tesi eziologiche (e trattamentali) organiciste (si diceva un tempo, oggi sarebbe meglio definire riduzioniste in senso biologico-genetico), è ineludibile oggi il confronto delle "psicoanalisi" con le neuroscienze. Confronto che non può più essere astratto e "difensivista", ma che deve avvenire su un terreno di evidenze al fine di trovare i migliori trattamenti, in un'ottica di politiche per una salute mentale pubblica, per gli utenti schizofrenici. E un tale confronto tra "psicoanalisi" (al plurale) e neuroscienze non può avvenire se i vari orientamenti psicoanalitici e neuroscientifici non esplicitano i loro referenti epistemologici. Quindi con Piazzalunga ci chiediamo "quali psicoanalisi?" e "su quali presupposti epistemici si basino?". Ma ci chiediamo pure su quali neuroscienze ci basiamo in questo dialogo. Dialogo che per essere tale, fa bene a ribadirlo Piazzalunga (repetita iuvant) non può comportare un "bricolage" epistemologico, prendendo un po' da questa e un po' da quell'altra disciplina, ma mantenendo il rigore ed il <<rispetto dei limiti epistemologici e metodologici di ciascuna disciplina>> (pag.46). Il dialogo della psicoanalisi con le discipline confinanti non può che essere il benvenuto (si veda anche "La psicoanalisi e i suoi confini", curato dal sottoscritto per Astrolabio nel 2009): non solo le neuroscienze, ma anche l'"Infant Research", coi suoi concetti di "sistema di autoregolazione e di regolazione interattiva"  che Sander così magistralmente ha definito. Il riferimento all'"Infant Research" ci aiuta a enfatizzare il processo del "riconoscimento" come basilare nella interpretazione delle interazioni precoci caregiver-bambino e del loro potenziale ruolo nella salute mentale o, al contrario, in una futura disregolazione affettiva e delle relazioni interpersonali. Come afferma Gherardo Amadei ("Come si ammala la mente", 2005), oramai il "paradigma del riconoscimento" ha una sufficiente maturità epistemologica per affiancarsi agli altri due, quello del conflitto e quello della carenza con cui tradizionalmente la psicoanalisi ha concepito i fattori psico-patogenetici (si veda ancora Mitchell e Black, 1996). Dispiace che certe implicazioni dell'"Infant Research" non siano a sufficienza state discusse, a parere dello scrivente, specie in un ambito operativo specialistico fondamentale quale quello della riabilitazione psichiatrica, a maggior ragione tenendo conto che il libro è stato concepito da alcuni dei più importanti studiosi italiani di psicoanalisi relazionale (il libro è frutto di un ampliamento a partire dai testi delle relazioni presentate ad un congresso del 2013 organizzato dalla Società di Psicoanalisi Relazionale). Se infatti sia il capitolo di Antonello Correale ("Il rapporto personale come area intermedia tra psicosi e gruppo dei curanti") e quello di Enrico Vincenti ("Dentro e fuori la stanza d'analisi: l'intervento in una struttura residenziale psichiatrica") affrontano con grande profondità e competenza le questioni riguardanti la distribuzione dei ruoli in una equipe istituzionale che si occupa di utenti schizofrenici, non ho trovato invece traccia di alcune questioni più specifiche della riabilitazione, come se "il fare" dei "riabilitatori" fosse ancora lontano dal "pensare" degli psicoanalisti e degli psichiatri. Proprio Louis Sander ci ispira nel pensare i progetti terapeutico-riabilitativi, rivolti a utenti schizofrenici: se per Sander l'individualità emerge e si mantiene all'interno di un sistema evolutivo nel quale vi è una complementarietà specifica e sincronizzata tra gli stati interni del bambino e la capacità di riconoscerli da parte di chi si prende cura di lui, così dobbiamo sforzarci, come curanti, di pensare che anche i nostri sistemi e percorsi di cura possano essere evolutivi se ci sforziamo di riconoscere gli stati interni dell'utente. Questa può essere una premessa metodologica a come applicare il paradigma del riconoscimento alla ideazione dei percorsi di cura. Poi dobbiamo ri-pensare il concetto di "agire" nelle istituzioni psichiatriche alla luce dell'"Infant research": l'agire, così importante nella riabilitazione, contrariamente a certe imperanti formulazioni psicoanalitiche in cui l'agire viene interpretato esclusivamente come sinonimo di difesa, nella riabilitazione dei soggetti affetti da schizofrenia può essere concepito come una riattualizzazione di memorie procedurali (si veda la famosa controversia tra Stern e Green, a tale proposito, in "Clinical and Observational Psychoanalytic Research: Roots of Controversy", 2000). E, infine, un altro punto su cui l'Infant Research ci può dare utili lumi, in riabilitazione, è il concetto di sistemi motivazionali multipli (si vedano le teorizzazioni di Bleichmar, di Lichtenberg, di Panksepp e di Liotti). Le attività che proponiamo ai nostri utenti dei servizi psichiatrici hanno una qualche valenza psicoterapeutica o sono semplicemente delle attività di generica "risocializzazione"? In questo libro "Psicoanalisi e schizofrenia" non si parla dell'agire riabilitativo in una prospettiva ispirata dall'"Infant Research" (a tal riguardo si rimanda al capitolo "La psichiatria psicodinamica alla luce dell''infant research'" di Tenyi ed altri nel libro collettivo "Psicoanalisi e luoghi della riabilitazione" a cura di Leo e Riefolo, 2013), ma sembrano suggestive di una apertura delle psicoanalisi su questi temi le considerazioni che in esso scrivono Olga Spagnuolo e Salvatore Zito quando invitano ad un <<superamento dell'opposizione tra azione e parola>>(p.76) richiamandosi al concetto di "cura" che nella prospettiva relazionale implica che il curante, <<in quanto tale è costantemente "interrogato" dalla domanda dell'altro e a sua volta "interroga" a partire dall'enigma che lo determina>>(p.81). E' questo stesso enigma che porta il curante di formazione psicoanalitica ad "agire" rispetto ad esso con due modalità differenti: utilizzando il referente teorico come un antidoto al naufragio nell'irrazionale (e allora l'invito è a concepire la psicoanalisi come uno strumento in perenne movimento) oppure ad "agire" aspetti contro-transferenziali (anziché concepire la cura come intessuta di questi aspetti transferenziali e contro-transferenziali che vanno approfonditi nel legame terapeutico). Anche il richiamo di Laura Corbelli, nel suo capitolo, al concetto di "gesto parlante" di Racamier sembra voler superare l'annosa contrapposizione tra azione e parola nella cura psicoanalitica degli schizofrenici. L'autrice analizza le più avanzate teorizzazioni riguardanti il ruolo dell'interpretazione, della metafora e della mentalizzazione nella cura psicoanalitica che si misuri specificamente coi paradossi della condizione schizofrenica, Un paradosso è ad esempio il fatto che, poiché <<la metafora, per funzionare, presuppone l'accesso ad una realtà condivisa>>, <<con lo schizofrenico non riusciamo ad usare la metafora, ma possiamo pensare di essere calati all'interno della metafora, che esce dagli schemi del linguaggio. (...) Quello che ascoltiamo e che potremmo pensare di leggere come una metafora, nello schizofrenico è esperienza>>(p.68). Utile poi è il richiamo alle neuroscienze, ed in particolare al "Default Mode Network", rete che è interessante per gli psicoanalisti in quanto <<permetterebbe il libero vagare della mente verso ricordi passati, progetti futuri, pensieri ed esperienze personali, creando una rappresentazione passiva della realtà, comunicata alla coscienza in un secondo momento>> (p.67). Anche nel contributo della Corbelli troviamo un interessante concetto, quello di "azione dentro" come richiamo all'implicazione dell'azione come risultato dell'"incarnarsi" delle funzioni psichiche più elevate, come le intuizioni, i pensieri, il libero vagare della mente del paziente.

Il "Default Mode Network" viene anche utilizzato da Antonello Correale, nel capitolo "Il rapporto personale come area intermedia tra psicosi e gruppo  dei curanti" come spunto neurofisiologico per parlare di ciò che, secondo l'autore, è alla base dell'esperienza psicotica: un'iper-sensorializzazione della realtà. <<Lo psicotico sarebbe un individuo che sta continuamente ad ascoltare se stesso. Cioè, che non riesce a mettersi in contatto con l'esterno, perché l'area iperstimolata della sua corteccia sensoriale gli manda continuamente dei messaggi ipersensoriali e lui deve stare continuamente a sentirli. [...] Ma, comunque, è come se il mondo interno sopraffacesse il mondo esterno, in questa dimensione in cui la mente a riposo la fa da padrona sulla mente stimolata>>(pag. 98). Anche il "paradigma del riconoscimento" ha il suo ruolo nella storia individuale del futuro schizofrenico se è vero che, come scrive Correale, egli <<iperinvestirà alcuni particolari della realtà esterna perché la realtà non gli dà una lettura, un senso a quello che prova, e allora è costretto a crearsi queste microallucinazioni che danno un senso altro>>(pp.101-102). Da questa complessa ma coerente teorizzazione Correale fa scaturire la necessità, a suo parere, che gli schizofrenici abbiano <<bisogno di una figura personalizzata che li assista con assiduità>>(p.93) anziché solo di un gruppo di curanti, in quanto <<con grande facilità il gruppo degli operatori può essere investito dalle forme che assume la psicosi secondo modalità che sono simili agli assunti di base descritti da Bion [...]: quella del gruppo è una forza che facilmente si ammala>>(pag. 93).

 

Ma ora è arrivato il momento di fare un'ultima precisazione che finora è rimasta in sospeso: perché abbiamo parlato sin dall'inizio di "schizofrenie" anziché di "schizofrenia". E qui ci viene incontro Nancy McWilliams con la sua tesi di dover tener conto di un approccio diagnostico dimensionale da affiancare a quello categoriale, "imperante" nelle ultime edizioni del DSM. Se è vero che l'approccio categoriale <<alla schizofrenia ha permesso ricerche utili alla comprensione dell'eziologia della sofferenza psicotica e ha facilitato lo sviluppo di trattamenti farmacologici (...)>>, è altresì vero che esso <<ha anche soffocato l'immaginazione terapeutica>>, in quanto l'approccio categoriale, epistemologicamente associato quasi sempre ad una visione difettuale della psicopatologia, <<non lascia spazio all'identificazione terapeutica o all'empatia, all'esplorazione della soggettività o a quel senso di competenza che deriva da una conoscenza intima e dalla padronanza dei sabotatori interni da parte della persona che ne soffre>>(pag.30). Quello che un'enfasi sull'approccio dimensionale alla schizofrenia può apportare, non solo alla psicoanalisi e alla psicoterapia delle schizofrenia, ma alla più ampia percezione da parte della società di queste condizioni ha una portata che, secondo le parole della McWilliams, ci sentiamo di sottoscrivere appieno: si tratterebbe di un auspicabile cambiamento di paradigma generale che porterebbe a riconoscere, ciascuno per proprio conto, la propria soggettiva vulnerabilità, e ad evitare quindi perniciosi processi di stigmatizzazione che spesso si annidano subdolamente nei "diabolici" dettagli delle classificazioni diagnostiche.

 


 
 

 

 
 
 
 
   

 

 

 

   
 
 

 

 

 

 

 

 

         

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   
   
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
   
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

 

 

 

 

 

Responsabile Editoriale : Giuseppe Leo

Copyright - Ce.Psi.Di. - Edizioni "FRENIS ZERO" All right reserved 2004-2005-2006-2007-2008-2009-2010-2011-2012-2013 - 2014 - 2015 - 2016