R. Lauria

di Davide De Luca

 Home page Su

Home page

 

 uk.gif (12723 byte) 

English Version                                  

 

 

work.gif (9412 byte)
Sito in costruzione

Testo Critico di R. Lauria

WB01468_.gif (7370 byte)

 

Ad una prima lettura i suoi quadri ci appaiono come esplosioni astrali in mondi in divenire, forme a volte solide, a volte gassose, ci pare quasi di intravederedei paesaggi che pian pianovanno formandosi per poi di nuovo scomporsi nelle tele successive: si perchÚ l'opera pu˛, o forse deve, essere considerata nel suo insieme, ma questi paesaggi, questi mondi appartengono ad una realtÓ fisica, anche se fantasiosa, o no forse ad una realtÓ metafisicadi esclusiva appartenenza dell'artista?

Esperienze personali, riflessioni, frequentazioni musicali (dal colore si risale al suono e viceversa) e pellegrinaggi intellettuali, coinvolgono lo spettatore risvegliando in lui ricordi di non interpretati sogni e riminescenze di affetti perduti per sempre. Sono paesaggi interiori che pi¨ che disfarsi evolvono progressivamente e a noi pare non fuori luogo citare I. Evola - del periodo dadaista - : "alla direzione di un autotrascendimento discendente si oppone quella di un autotrascendimento ascendente. Il puro centrale, al di lÓ del caos o in mezzo al caos, deve essere la volontÓ lucida; l'arbitrio, lo sconvolgimento delle forme deve adombrare l'individuo assoluto e il suo dominio. L'impulso non deve essere di immergersi nella vita, ma di portarsi al di lÓ della vita".

R. Lauria