logo.jpg (3471 byte) cultura.jpg (18118 byte)

TERRITORIO

CULTURA

STORIA

ECONOMIA

SOCIETA'

STATO

 

HOME




Letteratura

 

La pił antica letteratura del Pakistan era rappresentata dai libri sacri della religione indł (il Rigveda e i gli altri testi vedici) contenenti inni agli dei e risalenti al II millennio a.C.

Dai sultani di Delhi in poi, i sovrani sono stati mecenati della letteratura islamica della Persia e dell'Asia centrale. Oltre al persiano, erano usate le lingue indoarie come il punjabi, il sindhi, il beluci e l'urdu.

 Le tradizioni pił ricche sono quelle poetiche: i sufi consideravano la poesia e la musica come mezzo per raggiungere l'unione con Dio.

Dal XVI al XVIII secolo vi fu una grande produzione di poesia religiosa in tutte le lingue indoarie. I bellicosi Pashtun, furono grandi appassionati di poesia e i loro migliori poeti sono eroi popolari.

Letteratura hindi e urdu.

La letteratura in lingua hindi nasce in forma di opere religiose. Le pił note sono quelle del poeta mistico Kabir (XV secolo), che rappresenta l'incontro tra la spiritualitą musulmana e quella indł.

La lingua urdu č sorella della hindi. Fu la lingua comune di tutta l'India del nord. Le origini della letteratura in questa lingua sono associate alle gare poetiche pubbliche che si tengono tuttora in Pakistan e nell'India settentrionale e spesso sono seguite quanto gli avvenimenti sportivi.

Il pił grande poeta urdu moderno č stato il poeta Mohammed Iqbal che, negli anni '30, fu il primo a proporre la creazione di uno stato musulmano indipendente dall'India in India.